Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina
Iscriviti alla newsletter

Lacan e Lévi-Strauss o il «ritorno a Freud» (1951-1957)

Lacan e Lévi-Strauss o il «ritorno a Freud» (1951-1957)
titolo Lacan e Lévi-Strauss o il «ritorno a Freud» (1951-1957)
Autore
Curatori ,
Collana Diritto e psicanalisi, 2
Editore Alpes Italia
Formato
libro Libro: Copertina morbida
Pagine 288
Pubblicazione 01/2023
ISBN 9788865317907
 
23,00
 
0 copie in libreria
Ordinabile
Con Lacan e le scienze sociali, la nostra archeologia critica del pensiero di Lacan ha isolato un momento iniziale (1938-50), legato al primato della sociologia di Durkheim, dove si è preso atto di una certa distanza da Freud. Ora, avendo reso ragione di questo scarto è possibile dimostrare come il "ritorno a Freud" di Lacan testimoni della rettificazione soggettiva all'interno del transfert stesso di Lacan a Freud, così come del suo incontro con l'antropologia di Lévi-Strauss. La tesi che si sostiene è semplice: il "ritorno a Freud" di Lacan ha luogo attraverso l'incontro con l'antropologia strutturale. Quest'incontro, stando alla doxa della maggioranza degli interpreti, è rimosso: ci si trova in presenza di interpretazioni che introducono nell'opera di Lacan lo spettro di quelle che Althusser definisce "filiazioni immaginarie", idealizzando riferimenti, ostinatamente ripresi, a eminenti filosofi di correnti idealistiche ed esistenziali. Il lettore potrà avvicinare Lacan nella misura in cui, ferito da quelle prove cui la comunità degli psicoanalisti lo sottopose (scissione e scomunica), esige il ritorno del desiderio del "padre morto" della psicoanalisi.
 

Libri dello stesso autore

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.