Il tuo browser non supporta JavaScript!

Il clown e la coscienza. Homo stupidens

Il clown e la coscienza. Homo stupidens
titolo Il clown e la coscienza. Homo stupidens
Autore
Argomento Arti, cinema e spettacolo Danza e altre arti dello spettacolo
Collana I pellicani
Editore Lindau
Formato Libro: Copertina morbida
Pagine 94
Pubblicazione 08/2021
ISBN 9788833536477
 
12,00
 
0 copie in libreria
Reperibile
L'immagine del clown √® sempre stata legata al mondo del circo e dunque confinata nella sfera dell'animazione e dell'intrattenimento. Negli ultimi decenni, tuttavia, questa figura √® radicalmente cambiata grazie a un grande maestro, Pierre Byland, che l'ha portata in teatro e ne ha fatto l'elemento centrale del proprio lavoro creativo. Gerardo Mele, allievo e collaboratore di Byland, ci parla qui del nuovo clown e del percorso di trasformazione interiore richiesto a tutti coloro che si dedicano a questa forma d'arte. Perch√© essere clown significa tornare alle origini e recuperare la capacit√† di stupirsi di fronte alla realt√†, ritrovando dentro di s√© gli aspetti ridicoli e na√Įf senza preoccuparsi per la propria reputazione. Significa, in altre parole, riappropriarsi dello sguardo di un bambino che scopre il mondo. Il vero desiderio del nuovo clown √® semplicemente essere, ritornare al punto zero, cio√® all'Homo stupidens, che non si preoccupa n√© del passato n√© del futuro, ma vive esclusivamente nel presente. Soltanto cos√¨ si apre lo spazio vuoto della creazione, dove la mente √® capace di grande amore ed √® veramente libera. Questo libro, arricchito da una prefazione di Pierre Byland e Mareike Schnitker e da un'intervista di Grazia Roncaglia a Pierre Byland, √® un piccolo viaggio all'interno del mondo del clown teatrale sul filo di una ricerca non solo artistica, ma anche interiore, umana e spirituale.
 

Libri dello stesso autore

Chi ha cercato questo ha cercato anche...

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.