Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

L'immagine negata. Il concilio di Hieria e la formalizzazione dell'iconoclasmo

L'immagine negata. Il concilio di Hieria e la formalizzazione dell'iconoclasmo
titolo L'immagine negata. Il concilio di Hieria e la formalizzazione dell'iconoclasmo
Autore
Argomento Scienze umane Religione e fede
Collana Di fronte e attraverso. Storia dell'arte, 58
Editore Jaca Book
Formato
libro Libro: Copertina morbida
Pagine 234
Pubblicazione 03/2013
ISBN 9788816411982
 
26,00
 
0 copie in libreria
Ordinabile
Il tema dell'immagine ha sempre accompagnato la storia del cristianesimo: un iniziale aniconismo, influenzato dal divieto veterotestamentario di farsi immagini di Dio, si sarebbe aperto, con il passare dei secoli e non senza resistenze, a una piena accettazione dell'arte sacra figurativa, a cui la tradizione dell'Oriente bizantino riconobbe una natura teologica di primaria importanza in ordine alla rivelazione del mistero cristiano. In questa ricostruzione l'iconoclasmo e la negazione delle immagini sono stati letti come una crisi, un'interruzione dolorosa in un mondo ormai votato al culto dei tratti di Cristo e dei santi fissati nelle icone. Il cristianesimo delle origini tuttavia, pur tra ostacoli e discussioni, ha realmente accolto e promosso la possibilità delle raffigurazioni religiose? Le lotte iconoclaste furono davvero un momento di crisi o piuttosto l'apice di un cristianesimo spirituale come fu quello dei primi otto secoli? Gli imperatori iconoclasti imposero la propria linea teologica a un clero favorevole alle immagini sacre, o piuttosto furono i difensori convinti di un aniconismo che nel contesto del cristianesimo bizantino rappresentava una tendenza diffusa? Da quando la Chiesa d'Oriente ha iniziato a credere che le icone fossero "irruzione dell'eternità nel tempo"?
 

Libri dello stesso autore

Chi ha cercato questo ha cercato anche...

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.