Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina
Iscriviti alla newsletter

Giocattoli animati. Infanzia e letteratura-Living toys. Children and children's literature

Giocattoli animati. Infanzia e letteratura-Living toys. Children and children's literature
titolo Giocattoli animati. Infanzia e letteratura-Living toys. Children and children's literature
Curatori ,
Argomento Poesia e studi letterari Letteratura: storia e critica
Collana Wonder-Lands, 2
Editore Editoriale Scientifica
Formato
libro Libro
Lingua inglese
Pagine 182
Pubblicazione 03/2024
ISBN 9791259768711
 
14,00
 
0 copie in libreria
Nella Children’s Literature i giocattoli sono presenti sia come oggetti ludici e inanimati sia come oggetti senzienti e animati. Il primo romanzo che ritrae una forma di interiorità e soggettività in una bambola risale al 1816. Gli scrittori ricorrono ai giocattoli quando scrivono per l’infanzia perché – per una sorta di empatica condivisione – esiste un rapporto speciale tra mondo infantile, giocattoli e animali. I giocattoli animati in letteratura possono aiutare i più giovani nel loro percorso di crescita. Questo tipo di produzione letteraria si è sviluppata, in particolare, grazie a un favorevole contesto storico, culturale, sociale, economico e scientifico. I suoi autori – richiamando una visione darwiniana della natura – attraverso una prospettiva non umana tendono a decostruire la definizione stereotipata di umano, infrangendo le barriere tra le specie, e tra creature animate e inanimate. Storie di giocattoli animati non si incontrano solo nei Paesi anglosassoni: basti pensare a Storia di una bambola (1906), di Anna Vertua Gentile.
 

Chi ha cercato questo ha cercato anche...

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.