Il tuo browser non supporta JavaScript!

Studi teatrali

La fine del sogno. Il sogno della fine (vietato ai minori)

Marco Fulgione

Libro: Copertina morbida

editore: Simple

anno edizione: 2021

pagine: 16

Questo saggio è a tutti gli effetti una lettera d'amore ai miti dell'infanzia, alle esperienze di vita e al mondo della fantasia. Un percorso che mostra come tutto abbia un'origine comune. La base delle passioni è dentro di noi. Il regno della fantasia che prende vita grazie alle maschere, ai robottoni e ai sogni. Noi proiettiamo i nostri miti, le persone che amiamo, quello che cerchiamo in quelle maschere che gli attori del teatro Noh indossano. Creiamo così i nostri eroi. I robottoni sono la proiezione del nostro desiderio, danno vita ai sogni che abbiamo sin da bambini. Le maschere del teatro Noh, i robottoni, hanno la stessa natura, la stessa genesi e passano fino al Tebori ed ai Tattoo Manga. un legame profondo che viene analizzato in queste pagine e portato alla luce con competenza e dettagliatamente. Un viaggio ricco di immagini del grande Mario Gentile, un insieme di riflessioni e valutazioni, tesi e dimostrazioni del profondo legame fra il teatro Noh ed i Robottoni. Una visione nuova e originale di un tema che appassiona in molti e che mette in luce connessioni e legami che finora nessuno ha mai sottolineato. Una parte del testo presentata nella sua versione originale giapponese con testo in italiano a fronte. Un lavoro ricco di fascino e di innovazione, un legame con il Giappone, con la sua lingua e la cultura.
8,00

Le visioni del teatro. Scritti sul teatro dell'Otto e Novecento

Ferdinando Taviani

Libro: Copertina morbida

editore: Bulzoni

anno edizione: 2021

pagine: 350

28,00

Il rossore dell'attrice. Scritti sulla Commedia dell'Arte e non solo

Ferdinando Taviani

Libro: Copertina morbida

editore: Bulzoni

anno edizione: 2021

pagine: 270

28,00

La guerra dei segni. Un'altra storia dell'arte

Marco Teatro

Libro: Copertina morbida

editore: Agenzia X

anno edizione: 2021

pagine: 421

L'arte underground si è sempre schierata contro il sistema di mercato, anticipando puntualmente le tendenze e i paradigmi delle nuove correnti dell'immaginario e oggi, nonostante l'esplosione del web che ha reso difficile tracciare una qualsivoglia frontiera con il mainstream, continua a cambiare le regole della grafica e dell'editoria, ma anche dei desideri e delle più ardite utopie. Dagli anni cinquanta ai nostri giorni, "La guerra dei segni" è un lunga avventura attraverso le biografie dei protagonisti che hanno iniziato dalle riviste autoprodotte, per poi ritrovarsi celebrati in tutto il mondo come dei geniali innovatori, anche se molti di loro erano già stati seppelliti da un pezzo. Un libro che pone l'attenzione sulle vicende storiche che coinvolgono gli illustratori e i fumettisti più irregolari, le loro strepitose invenzioni nei tratti, nei testi e nelle tecniche usate. Personaggi odiati, idolatrati o sconosciuti si susseguono senza alcuna distinzione dettata dal successo più o meno ottenuto, qui la direzione è tracciata dalle rotture generazionali e da quei passaggi salienti che hanno provocato un forte impatto nel sociale. Un viaggio indimenticabile per un'altra storia dell'arte.
16,00

A Est del palcoscenico. Reportage dai teatri del mondo. Ediz. italiana e inglese

Franco Ungaro

Libro: Copertina morbida

editore: Kurumuny

anno edizione: 2021

pagine: 280

Sin dagli inizi, l'esperienza teatrale di Franco Ungaro ha un respiro internazionale, cominciando dagli studi con il professor Ferdinando Taviani all'Università di Lecce che orienta i suoi corsi sulle avanguardie teatrali del Novecento, da Mejerchol'd a Stanislavskij, da Barba a Grotowksi, per continuare dagli anni Ottanta e Novanta con le lunghe e quotidiane frequentazioni dei teatri milanesi, l'organizzazione delle tournée all'estero di Teatro Koreja, i numerosi inviti a convegni e festival internazionali, fino alla nuova esperienza come fondatore e direttore dell'Accademia Mediterranea dell'Attore. Attraversando le pagine del libro, immergendosi nei tanti dettagli di questo ininterrotto diario di bordo, è facile intuire come il riferimento spaziale all'Oriente richiami non solo le mete dei viaggi - nella stragrande maggioranza, Europa dell'Est, Asia e Medio Oriente - ma quel discorso "a latere", quell'ampiezza di sguardo che unisce il rigore della critica alla sensibilità verso le questioni e le suggestioni dei «teatri del mondo».
20,00

Un teatro per il XXI secolo. Lo spettacolo dal vivo ai tempi del digitale

Oliviero Ponte Di Pino

Libro: Copertina morbida

editore: Franco Angeli

anno edizione: 2021

La chiusura degli spazi pubblici per l'emergenza sanitaria ci spinge a ripensare l'organizzazione della nostra vita quotidiana e dell'intera società. Nel nuovo scenario post-pandemico, quale sarà il ruolo dello spettacolo dal vivo? E come può il sistema teatrale superare lo shock della chiusura prolungata delle sale? Ripercorrendo puntualmente gli eventi dell'ultimo ventennio, attraverso spettacoli ed esperienze innovative, l'autore disegna un possibile scenario per il teatro nel nuovo secolo.
22,00

NowHere Residenze attive-NowHere Active Residencies. L'open program del workcenter of Jerzy Grotowski and Thomas Richards a Macao

Libro: Copertina morbida

editore: Sensibili alle Foglie

anno edizione: 2021

pagine: 240

Questo libro è un'opera collettiva che racconta NowHere residenze attive: la residenza artistica dell'Open Program del Workcenter of Jerzy Grotowski and Thomas Richards a Macao, nell'ottobre 2014, con gli spettacoli Electric Party Songs e I Am America, dedicati all'opera di Allen Ginsberg, The Hidden Sayings e un laboratorio aperto alla cittadinanza; gli approfondimenti sulla ricerca teatrale di Jerzy Grotowski al Teatro Era a Pontedera, l'intreccio con il Workcenter nelle sale di prova e nelle case a Le Vallicelle, la visione dei loro materiali video al Cinema Beltrade a Milano, l'esplorazione degli archivi digitali delle arti performative allo ZKM a Karlsruhe, Ceci n'est pas une table, display espositivo in AREA - prima edizione del Festival Internazionale dei Beni Comuni a Chieri nel 2015.
25,00

L'attore crea. Manuale pratico per attori che vogliono lavorare nel cinema e nella Tv in Italia

Marta Gervasutti

Libro

editore: Temperatura Edizioni

anno edizione: 2021

pagine: 182

Il manuale descrive con cura i passaggi fondamentali che ogni attore deve compiere per conoscere la propria tipologia, presentarsi ad agenti e casting director, prepararsi ai provini e al set. Esercizi pratici di studio per attori di ogni età, finalizzati all'analisi degli stralci e metterli in scena, realizzare selftape (sempre più richiesti soprattutto in questo periodo) e per mettere concretamente in contatto la pratica col mondo lavorativo.
15,00

Playtelling. Performance narrative nell'Italia contemporanea

Dario Tomasello

Libro: Copertina morbida

editore: Marsilio

anno edizione: 2021

pagine: 176

Negli ultimi trent'anni abbiamo assistito, a partire dalle fortunate tesi di Richard Schechner, all'imporsi inesorabile delle teorie della performance, intese come paradigma epistemologico ad ampio spettro. Il volume intende analizzare la narrazione nei suoi espliciti nessi con l'azione, playtelling appunto, esaminata come testimonianza transeunte che rivendica il primato non effimero di una presenza dal vivo. Un'accurata campionatura di esempi eterogenei, ma ugualmente resistenti, ci permetteranno di ridiscutere, anche alla luce della Cognitive Poetics, nozioni come il tempo del racconto e, soprattutto, la relazione intricata tra il testo e la dimensione orale della performance.
12,50

Il teatro nel cinema. Tre film di Marco Martinelli e Ermanna Montanari

Laura Mariani

Libro

editore: Luca Sossella Editore

anno edizione: 2021

pagine: 216

Con la precisione e l'amorosità che la contraddistinguono, Laura Mariani riporta il suo acuto sguardo critico sull'arte di attrice di Ermanna Montanari, già indagata in "Ermanna Montanari. Fare-disfare-rifare nel Teatro delle Albe". Qui lo scandaglio è però rivolto al cinema di Marco Martinelli, suo compagno d'arte e di vita, e al percorso complesso che lo ha portato ad affiancare alla regia teatrale la regia cinematografica. Come si costruisce un testo filmico che porti dentro di sé il teatro, ma ad esso non sia asservito? Che cosa accade quando il corpo e la voce dell'attrice agiscono fuori dallo spazio scenico e nell'eternità temporale istituita dal cinema? In che modo il montaggio filmico disallinea e reinventa la sequenzialità teatrale? Un libro che risponde a questi e altri interrogativi con sapienza e curiosità, suggerendo che il cinema non può che nascere da un 'incantamento' per i corpi reali e le loro movenze. All'interno del libro il link per vedere i tre film: Vita agli arresti di Aung San Suu Kyi, The Sky over Kibera, Er.
20,00

Il teatro dei gesuiti. La pedagogia teatrale, la scena europea, il teatro di evangelizzazione

Giovanni Isgrò

Libro: Copertina morbida

editore: Edizioni di Pagina

anno edizione: 2021

pagine: 228

Questo saggio vuole essere un riconoscimento del ruolo avuto dalla Compagnia di Gesù nella storia dello spettacolo dell'età moderna. Dalle pratiche laboratoriali propedeutiche al teatro, alle messe in scena realizzate nei collegi europei, ai "teatri di missione" in Italia fino agli scenari dell'evangelizzazione messi in atto nel Centro e Sud America e in Giappone, scorrono le testimonianze che hanno concorso alla configurazione di una forma teatrale dagli aspetti molteplici, tutti collegati tuttavia da un'unica motivazione fondante, ossia quella dell'affermazione dei valori spirituali determinati dalla fede in Cristo. È così che geniale creatività inventiva, rigore formativo, capacità di adattamento alle diverse realtà del panorama planetario e regolarizzazione del sistema teatro si intrecciano e si manifestano in una visione unitaria, tra globalizzazione e rispetto delle identità; come dire, un messaggio fortemente attuale e ancora oggi artisticamente e moralmente formativo.
18,00

Lo spettatore virale. Palcoscenici, pubblici, pandemia

Libro: Copertina morbida

editore: Franco Angeli

anno edizione: 2021

Negli ultimi anni il pubblico della cultura è stato oggetto di molte attenzioni, attraversando il dilemma fra il timore di perdere gli appassionati da una parte e il desiderio di attrarre i neofiti dall'altra: nuovi approcci volti alla crescita e al coinvolgimento del pubblico emergono con forza. Questioni cruciali, anche per l'incertezza alimentata dalle nuove dinamiche di produzione e fruizione derivanti dall'ingresso e dalla pervasività di strumenti e linguaggi digitali, che per la cultura e lo spettacolo rappresentano mercati di sbocco generosi, ma che per molti appaiono tuttora nebulosi. Questa trasformazione radicale si stava svolgendo con lentezza, ma ha subìto una brusca accelerazione - e la conseguente drammatizzazione - per l'irrompere della pandemia. Come presagire con qualche precisione quello che avverrà tra qualche anno? Crisi e traumi hanno una forza propulsiva, che si innesta sul crinale di un mutamento e ridisegna il rapporto della società con lo spazio e con il tempo: nuove dinamiche urbane invitano la cultura a uscire dalle torri d'avorio in cui è stata finora nobilmente rinchiusa; l'emergere di attività inedite supera la scansione ritmica di una comunità territoriale omogenea; la dimensione digitale si combina con quella analogica, smentendo le gerarchie iconiche e indebolendo la separazione fra consumo e produzione. Le tematiche affrontate in questo volume, con un approccio multidisciplinare capace di coniugare la cornice teorica con l'evidenza empirica da diverse prospettive, offrono uno spettro interpretativo non pregiudiziale verso i possibili orizzonti che il sistema culturale e il suo pubblico attraverseranno nei prossimi anni.
26,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.