Il tuo browser non supporta JavaScript!

Scienze umane

Discorsi di Pio XI. Vol. 1: 1892-1928

Libro

editore: Libreria Editrice Vaticana

anno edizione: 1985

pagine: 924

51,65

Mysterium salutis. Volume 4

Libro

editore: Queriniana

anno edizione: 1985

pagine: 1044

65,00

Etica cristiana. Volume 2

Karl H. Peschke

Libro

editore: Urbaniana University Press

anno edizione: 1985

pagine: 920

25,82
74,90
11,36

In Siria. Sulle orme di Abramo e di Paolo

Emilio Gandolfo

Libro

editore: Ist. San Gaetano

anno edizione: 1985

pagine: 100

5,68

Egitto e Sinai. Sulle orme dell'Esodo

Emilio Gandolfo

Libro

editore: Ist. San Gaetano

anno edizione: 1985

pagine: 120

5,68

Il cammino della mia croce. Messe a Varsavia

Jerzy Popieluszko

Libro

editore: Queriniana

anno edizione: 1985

pagine: 228

«Jerzy Popieluszko è morto. Il suo destino si è chiuso, il 19 ottobre 1984, da qualche parte, su una strada della Polonia: il suo corpo, orrendamente torturato e vilmente stroncato da tre poliziotti assassini, è stato ritrovato nella Vistola, questa arteria di sudore e di sangue che percorre il corpo polacco. Il giovane vicario della chiesa di Santo Stanislao Kostka di Varsavia, cappellano degli operai siderurgici di Huta Warszawa, ha pagato con un terribile prezzo la propria lotta per la verità, per la giustizia, per la libertà, il suo incondizionato appoggio alla causa di Solidarnosc. Jerzy Popieluszko è morto. Ma la sua parola non si è spenta. Quella parola che dal pulpito egli annunciava, ogni ultima domenica del mese, durante le "messe per la patria". Parola che attirava migliaia di polacchi, affascinati dal coraggio del giovane prete; parola che, per Solidarnosc, era una luce nelle tenebre dello stato di guerra. Il cammino della mia croce. Messe a Varsavia, è l'edizione integrale delle omelie di Jerzy Popieluszko, dal febbraio 1982 al settembre 1984, unitamente ai testi poetici e biblici - letti nel corso diqueste "messe per la patria" -, simboli dell'incontro della Storia polacca, e della Tradizione biblica, con la dura realtà della vita quotidiana. Perché Solidarnosc viva, e sia viva la Polonia! Jerzy Popieluszko ha sofferto il martirio per essere stato fedele al proprio impegno. Ma la sua parola rimane, e viva».
15,50

Voti religiosi e percezione del tempo

Luigi Lombardi Vallauri

Libro

editore: San Lorenzo

anno edizione: 1985

pagine: 46

5,16

Laicità e impegno cristiano nelle realtà temporali

Giuseppe Lazzati

Libro

editore: AVE

anno edizione: 1985

pagine: 152

L'Autore si domanda le cause della situazione di debolezza dei cattolici italiani relativamente alla loro presenza nel Paese, riflettendo sulla carenza di una formazione adeguata e sulla situazione culturale dominante. Si evidenzia la scarsa conoscenza nel clero e tanto più nel laicato di quanto il Concilio ha insegnato in tema di laici, e soprattutto dell'impegno primario cui li chiama la loro vocazione e la missione di fare proprio il fine stesso della Chiesa per la salvezza del mondo. Si tenta di salvaguardare il senso vero di un'autentica laicità tesa a raggiungere il proprio specifico fine: ordinare le realtà temporali secondo Dio.
7,00

L'Azione Cattolica all'inizio del pontificato di Pio XII. La riforma statutaria del 1939 nel giudizio dei vescovi italiani

Mario Casella

Libro: Copertina morbida

editore: AVE

anno edizione: 1985

pagine: 256

Perché una riforma così radicale - che finiva per intaccare l'essenza stessa dell'Azione Cattolica - proprio all'inizio di un pontificato?Una risposta a questo interrogativo esiste, come dimostrano, sia pure indirettamente, i documenti utilizzati in questa ricerca. Si collega alla preoccupazione, secondo l'autore, di proteggere il laicato organizzato nelle file dell'AC dal fascismo, cercando di ridurre i rischi di intervento e di controllo di uno Stato che si stava facendo sempre più totalitario. Questa documentazione appare importante per almeno due ragioni. In primo luogo aiuta a capire meglio la vicenda interna dell'AC in una fase significativa come quella del passaggio dal pontificato di Pio XI a quello di Pio XII. In secondo luogo essa aiuta a capire e a correttamente interpretare aspetti di più ampia portata. Come è noto, si pensa ad una Ac e ad una Chiesa sempre strettamente legate al fascismo. Ebbene, dai documenti qui utilizzati apprendiamo che nel 1939 sono una ventina i presuli che si esprimono ostili nei confronti del regime. Quindi non, come dicono molti studiosi, un laicato passivo nei rapporti con la gerarchia, ma una levata di scudi a favore dei laici a dir poco sorprendente.
13,00

Tre interpretazioni scritturistiche

Romano Guardini

Libro

editore: Morcelliana

anno edizione: 1985

pagine: 116

5,16

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.