Il tuo browser non supporta JavaScript!

Scienza, ingegneria e tecnologia ambientale

Impianti di trattamento dei rifiuti solidi urbani. Elementi di progettazione e modalità di esercizio

Giuseppe D'Antonio, Massimiliano Fabbricino

Libro: Copertina morbida

editore: Rogiosi

anno edizione: 2019

pagine: 346

Il testo analizza le tecniche adoperate più di frequente per il trattamento dei rifiuti solidi urbani, fornendo indicazioni per le modalità di progettazione e di esercizio degli impianti in cui tale trattamento si sviluppa, e illustrando nel dettaglio i processi fisici, chimici e biologici che negli impianti hanno luogo. Come tale il testo si configura al contempo come un strumento didattico per gli allievi dei corsi di laurea in Ingegneria civile e ambientale, e come manuale di consultazione per gli operatori del settore. Dopo una rapida descrizione delle principali caratteristiche qualitative e quantitative dei rifiuti vengono presi in considerazione innanzitutto gli impianti di selezione, ovvero quelle tipologie impiantistiche in cui si prevede una separazione di classi merceologiche omogenee di rifiuti, al fine di consentire il recupero di materie seconde, produrre Combustibile Solido Secondario, o facilitare le operazioni di stabilizzazione degli scarti organici. Si passa poi ad analizzare gli impianti basati su processi biologici aerobici ed anaerobici, dando particolare enfasi agli impianti di compostaggio, che consentono la valorizzazione dei rifiuti biodegradabili [...].
24,00
7,00

Blue book 2019. I dati sul Servizio Idrico Integrato in Italia

Libro

editore: Utilitatis

anno edizione: 2019

pagine: 222

120,00

Disastriambientali. Come affrontare l'inquinamento nei mari

Aniello Coppola

Libro: Copertina morbida

editore: Di Mauro Franco

anno edizione: 2019

pagine: 236

"Questa guida fornisce tutte le strategie per affrontare gli sversamenti di idrocarburi costieri. Essa dà informazioni su come affrontare gli eventi inquinanti dal momento in cui l'allarme viene dato al Team di intervento, fino al momento in cui le operazioni di decontaminazione e le vie di smaltimento siano state saldamente stabilite per ogni tipo di spandimento. Esistono diversi tipi di sversamenti di idrocarburi che, una volta versati sulla superficie dell'acqua, non si comportano allo stesso modo. Vi sono anche diverse attrezzature che possono essere adoperate per eseguire un'operazione di decontaminazione. Avendo partecipato, in prima persona, alle azioni intraprese durante enormi inquinamenti da petrolio greggio, che può essere considerato il più terribile di tutti gli agenti dannosi per l'ambiente, ho deciso di divulgare le mie esperienze per tutti coloro che si troveranno ad affrontare uno o più sversamenti petroliferi costieri di natura accidentale." (dalla Premessa dell'autore, Capitano di Lungo Corso, Avvocato Internazionale).
35,00

Opere di sistemazione idraulico-forestale

Vito Ferro

Libro: Copertina morbida

editore: McGraw-Hill Education

anno edizione: 2019

pagine: 630

Il volume illustra, nella visione unitaria del sistema "bacino idrografico", i processi fisici, le problematiche applicative e le tipologie di intervento disponibili per la sistemazione del reticolo fluviale e dei versanti. Il trasporto solido delle correnti a pelo libero viene introdotto con l'intento di esaminare i processi evolutivi del cavo fluviale, di fornire indicazioni per la progettazione delle opere di correzione ed inalveazione del tracciato del corso d'acqua e di stabilire l'influenza dell'inserimento di manufatti sul delicato equilibrio del sistema fluviale. La trattazione, seguendo il percorso della corrente dalle propaggini più montane fino allo sbocco a mare, esamina opere conVenzionali (briglie, pennelli, inalveazioni, etc.) e non (briglie aperte, rampe di massi, rivestimenti in gabbioni etc.), e mette in relazione la produzione di sedimenti dei versanti con il trasporto solido fluviale. Un capitolo è dedicato, infine, alle opere di sistemazione idraulico-forestale realizzate con tecniche di ingegneria naturalistica. Il libro si rivolge sia agli studenti che frequentano i corsi di laurea in scienze forestali ed ambientali, scienze agrarie ed ingegneria (indirizzo idraulico, civile, ambiente e territorio, difesa del suolo, etc.) sia ai professionisti ed ai tecnici interessati alle problematiche della sistemazione idraulica.
39,00
10,00

Trattamento rifiuti mediante torcia al plasma

Luigi Miranda

Libro: Copertina morbida

editore: Photocity.it

anno edizione: 2019

pagine: 81

Il mercato del settore rifiuti oramai richiede impianti sempre più flessibili circa i materiali da trattare, ma questa necessità ha come contraltare l'altrettanto necessaria riduzione degli impatti ambientali degli stessi. Durante gli anni '90 in Europa la tecnologia della combustione ossidativa (la termovalorizzazione classica) è sembrata essere quella in grado di rispondere maggiormente alla necessità di flessibilità dei materiali in entrata, ma è risultata essere sicuramente, col crescere dell'attenzione alla tematica ambientale, quella meno efficiente in termini di emissioni in atmosfera e produzione di rifiuti a valle del processo (Downstream Waste). Il presente lavoro, quindi, affronta il tema degli impianti di gassificazione al plasma sotto un profilo spesso meno trattato in letteratura, cioè focalizzando l'attenzione sull'elettronica ed i software necessari al monitoraggio ed al controllo delle fasi di esercizio di un impianto.
8,00

ICTR. Impianto cantonale di termovalorizzazione dei rifiuti. Cronistoria, architettura, ingegneria, tecnologia e impatto ambientale. Ediz. italiana e inglese

Libro

editore: GCE

anno edizione: 2019

pagine: 192

Con l'edificazione di un impianto d'avanguardia quale è l'impianto di termovalorizzazione dei rifiuti di Giubiasco, ICTR, il Cantone Ticino smaltisce oggi in modo autonomo e responsabile i rifiuti solidi urbani non riciclabili. Oggi gli impianti di smaltimento - tarati sulle conoscenze e gli avanzamenti tecnici e scientifici più recenti - sono la soluzione ecologicamente ed economicamente più adeguata allo smaltimento dei rifiuti. Tecnologicamente raffinato e avanzato, l'impianto risponde a delle norme severissime e a controlli costanti in materia di emissioni e immissioni. L'ICTR, progettato dallo Studio Vacchini Architetti di Locarno rappresenta anche un valore architettonico di pregio. La sua composizione sfrutta efficacemente gli spazi, oltre a introdurre un elemento innovativo rispetto alla consueta disposizione lineare di questa tipologia di infrastrutture. L'impianto propone una soluzione architettonica che richiama simbolicamente l'essenza della sua funzione: la ciclicità. Rispetto, tutela del territorio, efficienza, avanguardia, riutilizzo. Il fuoco inteso come soluzione e strumento di recupero e rinnovo energetico, sotto forma di elettricità e calore.
58,00

Guida all'assegnazione dei codici eer

Loris Cucchi, Federica Lugaresi

Libro: Copertina morbida

editore: Kemà Italia

anno edizione: 2019

La guida, dal taglio decisamente pratico, è rivolta a coloro che quotidianamente devono assegnare un pertinente codice EER a un rifiuto e si propone un duplice obiettivo: fornire una sintetica panoramica sui criteri da adottare per assegnare a un rifiuto il corretto codice EER (pericoloso assoluto, AH o non pericoloso assoluto, ANH o specchio, MH o MNH), e di fornire l'elenco dei codici EER corretto nelle sue voci e con le indicazioni, per ciascun codice, se trattasi di codici AH, ANH o specchio.
12,00

Iscrizione all'albo nazionale gestori ambientali

Eugenio Onori, Benedetta Bracchetti

Libro: Copertina rigida

editore: Egaf

anno edizione: 2019

pagine: 502

Requisiti e procedure per l'iscrizione all'Albo gestori ambientali alla luce del regolamento n. 120/2014.
41,00

Recupero di materia e di energia negli impianti di depurazione

Libro

editore: Maggioli Editore

anno edizione: 2018

pagine: 396

Nel settore degli impianti di depurazione, negli ultimi anni, si è verificato, a livello internazionale, un "paradigm shift", ovvero un radicale cambio di visione: il depuratore non è più considerato solo come un processo "end of pipe", cioè l'impianto che tratta le acque reflue al termine del collettore fognario al fine di rimuovere sostanza organica, nutrienti, solidi sospesi e patogeni, ma anche come un punto di origine di risorse valorizzabili, finora considerate mere sostanze di scarto. La spinta internazionale verso questo "paradigm shift" nasce dall'esigenza di contrastare i crescenti costi per l'energia e per lo smaltimento di rifiuti derivanti dal funzionamento degli impianti di depurazione: consumo energetico e smaltimento fanghi comportano infatti più del 60% dei costi gestionali di un impianto di depurazione. A ciò si aggiunge una generalizzata maggiore attenzione verso gli aspetti ambientali.
36,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.