Il tuo browser non supporta JavaScript!

Poesia

La vita nuova-Le rime

DANTE ALIGHIERI

Libro

editore: SALERNO

anno edizione: 2022

28,00

Pharsalia o la guerra civile. Testo latino a fronte

M. Anneo Lucano

Libro: Copertina morbida

editore: Rusconi Libri

anno edizione: 2022

pagine: 880

Lo scontro tra Cesare e Pompeo rappresenta uno dei momenti cruciali della crisi della Repubblica romana. Lucano ne fa l'argomento del suo poema epico, che si interrompe al decimo libro in seguito alla morte del poeta. Nella sua visione, l'attivismo cesariano e la senescenza pompeiana contribuiscono congiuntamente, seppur con prospettive differenti, alla morte della libertas non impedita neppure dalle divinità celesti: unico ad ergersi a suo difensore è il sapiens Catone, promotore di una strenua quanto disperata lotta contro l'assolutismo cesariano. La cruda e realistica descrizione della guerra civile, la sofisticata dottrina della poesia lucanea, il veemente pathos della narrazione, insieme al gusto per l'orrido e ad uno stile denso e sentenzioso, fanno del Bellum Civile una delle opere più complesse e suggestive della letteratura latina.
18,00

Non isolarsi ma ascoltare

Roberto Roversi

Libro: Copertina morbida

editore: Pendragon

anno edizione: 2022

pagine: 158

A dieci anni dalla scomparsa di Roberto Roversi esce questa agile antologia di testi, la prima a lui dedicata, che vuole offrire l'occasione per conoscere da vicino una delle voci più significative e autorevoli della cultura e della poesia italiana del Novecento. Con scritti di: Marco Antonio Bazzocchi, Marco Giovenale, Matteo Marchesini, Fabio Moliterni.
15,00

Epigrammi, frammenti e testimonianze. Testo greco a fronte

Posidippo

Libro: Copertina morbida

editore: Rusconi Libri

anno edizione: 2022

pagine: 400

La pubblicazione di un nuovo papiro nel 2001 (P. Mil. Vogl. VIII 309) e l'attribuzione dei suoi epigrammi a Posidippo hanno segnato uno spartiacque nella nostra conoscenza dell'autore e della sua opera, opera che si compone ora di un 'vecchio' e di un 'nuovo' Posidippo. Il corpus del poeta di Pella annovera non solo versi conservati da papiri e tavolette, ma anche versi noti per citazione nelle antologie medievali di epigrammi, l'Antologia Palatina e la Planudea, o in opere-contenitore antiche. Né manca un'iscrizione per la quale si può fare il suo nome in quanto proveniente da un contesto in cui egli ha operato ricevendo pubblici riconoscimenti. Donne, statue, presagi, pietre preziose, corse con i cavalli, e ancora naufraghi, regine, dediche, guarigioni: sono solo alcune delle tessere che compongono il mosaico poetico di Posidippo, un vortice di volti e di storie che ci restituiscono suoni, colori, emozioni della vita quotidiana del III secolo a.C.
19,00

La terra desolata

Thomas S. Eliot

Libro: Copertina morbida

editore: Ponte alle Grazie

anno edizione: 2022

pagine: 84

Una nuova, preziosa edizione del capolavoro di T.S. Eliot. in occasione del centenario della sua prima pubblicazione, una nuova, preziosa edizione del capolavoro di T.S. Eliot, uno dei testi cardine della letteratura del Novecento, curata da Sara Ventroni, fra le più apprezzate poete italiane. 
10,90

Tremalume

Fabio Pusterla

Libro: Copertina morbida

editore: Marcos y Marcos

anno edizione: 2022

pagine: 192

«Tremalume è una parola che ho inventato io» racconta Fabio Pusterla. «È apparsa sulla pagina mentre provavo a scrivere una poesia un po' strana, e mi è balzata agli occhi come il titolo migliore per il mio nuovo libro. Tremalume: un neologismo in cui il tremore, la minaccia e la preoccupazione non eliminano affatto la piccola sopravvivenza di un lume, di una minima luce a cui affidarsi.» Un cammino paziente, ostinato, nelle regioni del disastro, del degrado, tra i mostri della notte sui sentieri, nella luce migrante; il cammino di chi non ha scelto, ma non ha rinunciato, complice un silenzio che nel frastuono dei sobborghi "vive ai margini e si cela". Lo sguardo è a larghissima gittata, abbraccia "pochi vivi e molti morti", l'ultima aborigena della Tasmania, i macachi creati in un laboratorio dell'Oregon. A quattro anni di distanza dall'ultimo libro, Cenere, o terra, in questi nuovi versi, sempre più limpidi, la denuncia, il dolore pubblico e privato lasciano affiorare la forza di un segno che resta, una speranza intima e sommessa capace di proiettarsi nel cosmo, nei millenni, nutrendosi di memoria e vastità.
20,00

Canzone nera. Testo originale a fronte

Wislawa Szymborska

Libro: Copertina morbida

editore: Adelphi

anno edizione: 2022

pagine: 154

In una Varsavia che crolla a pezzi, i ragazzi di strada stringono fra le mani le bottiglie di benzina che sono impazienti di scagliare contro i carri armati tedeschi, mentre intorno a loro infuria quell'insurrezione che Bialoszewski ha saputo miracolosamente farci vivere dall'interno. Gli spettri della guerra irrompono in "Canzone nera", lasciando la giovane Szymborska con un nodo stretto in gola, «intriso d'ira», per la scomparsa dell'amato, ricca di una conoscenza del mondo che è il solo, amaro bottino, e alla ricerca di nuove parole: «A che serve la conoscenza della morte. / A causa sua si raffredda il tè sul tavolo. / Niente atmosfera. Di parole di sapone». I moltissimi, appassionati lettori abituati al suo bisogno di essere sempre universale rimarranno certo stupiti di fronte a testi che lasciano intravedere in filigrana le lacerazioni della Storia. Non a caso, dopo averli composti fra il 1944 e il 1948, Wis?awa Szymborska non ha voluto raccoglierli in volume, forse anche perché l'Unione degli scrittori polacchi si era nel frattempo pronunciata a favore del realismo socialista come unico stile ufficiale. Superato lo stupore, quei lettori non potranno tuttavia che riconoscere la sua impavida sicurezza di tocco, e rimanerne conquistati: «- è dallo stupore / che sorge il bisogno di parole / e perciò ogni poesia / si chiama Stupore -».
14,00

Poeti d'Ucraina

Libro: Copertina morbida

editore: Mondadori

anno edizione: 2022

pagine: 264

Questo "numero monografico" dello Specchio è interamente dedicato alla poesia ucraina d'oggi e alla sua diversa posizione di fronte alla storia recente: dal 1986, anno del disastro di Cernobyl, attraverso il crollo dell'URSS, la rivoluzione arancione e Euromaidan fino all'assedio di Mariupol. Il volume dà conto di un'esperienza poetica ricca così come della varietà di esperienze degli ucraini contemporanei: contiene infatti voci di poeti che in patria scrivono in ucraino o in russo, e voci dell'emigrazione. La curatela è affidata a Yaryna Grusha e Alessandro Achilli, docenti di letteratura ucraina alla Statale di Milano e all'università di Cagliari.
20,00

Poeti romantici inglesi. Testo inglese a fronte

Libro: Copertina morbida

editore: Mondadori

anno edizione: 2022

pagine: 972

Da Tintern Abbey di Wordsworth a Kubla Khan di Coleridge all'ode All'autunno di Keats: questo volume racchiude i più grandi tesori della lirica romantica inglese insieme a composizioni meno note di grandi poeti, da Byron a Shelley; testi di illustri "minori" (un nome per tutti Walter Scott, l'autore di Ivanhoe) e di poeti dimenticati o ancora da scoprire. Trentadue voci diverse, tradotte da un grande poeta italiano contemporaneo, Franco Buffoni, che riesce a restituire intatti il fascino e la forza evocativa dell'originale. Il testo a fronte e gli apparati critici permettono di contestualizzare e apprezzare la produzione artistica del Romanticismo, un'epoca cruciale per lo sviluppo della cultura occidentale.
26,00

Il codice d'amore. Antologia dei trovatori

Libro: Copertina morbida

editore: Ponte alle Grazie

anno edizione: 2022

pagine: 96

Poesie di Guglielmo IX d'Aquitania, Jaufre Rudel, Marcabru, Bernart de Ventadorn, Giraut de Bornelh, Azalaïs de Porcairagues, Bertran de Born, Arnaut Daniel, Comtessa de Dia, Uc de Saint Circ, Uc de la Bacalaria, Guiraut Riquier.
9,90

Scintille poetiche

Giacomo Lubrano

Libro: Copertina morbida

editore: Carocci

anno edizione: 2022

pagine: 476

Il volume offre la prima edizione integrale commentata delle Scintille poetiche di Giacomo Lubrano, il più grande poeta barocco italiano dopo Giambattista Marino e uno dei più originali nell'intero panorama europeo del suo tempo, purtroppo ancora quasi sconosciuto al largo pubblico. Giovanni Getto, uno dei critici che ne hanno meglio colto il valore, indicò nella sua opera «il culmine dell'esperienza barocca, il suo punto di massima tensione», mettendone in rilievo il «linguaggio, agitato da un turbinoso senso analogico e attonito di magici stupori». Liriche quali il sonetto sui Cedri fantastici degli orti di Reggio Calabria o l'ode La Fata Morgana sui miraggi del mare siciliano, così come la virtuosistica "corona" di trenta sonetti dedicati alle metamorfosi del Verme setaiuolo, cioè del baco da seta, sono degne di figurare tra i risultati più memorabili della poesia italiana. I testi sono accompagnati da un ampio e puntuale commento di Silvia Argurio che, oltre a fornire una spiegazione letterale di queste liriche complesse e non di rado oscure, illustra la struttura e i rapporti interni dello straordinario canzoniere nonché le sue numerose corrispondenze tematiche e stilistiche con le altre opere di Lubrano, soprattutto con le acrobatiche Prediche quaresimali. Prefazione di Francesco Zambon.
44,00

Dove sono gli anni

Gian Mario Villalta

Libro: Copertina rigida

editore: Garzanti

anno edizione: 2022

pagine: 204

«Fantastica umanità: agli infelici non è negato il piacere; a chi ha un dolore non è negata la felicità.» Con queste parole Gian Mario Villalta approfondisce il solco che il libro traccia fin dal primo verso: l'appartenenza dell'essere umano alla terra, e quindi la sua «fantastica» imperfezione, che però genera anche la sua gloria. Siamo tutti - cioè tutta la vita del pianeta - nella stessa casa, reciprocamente ospiti; e non ignari della violenza che le metamorfosi della natura, alla quale apparteniamo, comportano. Ma se tutti i viventi comunicano, solo l'uomo parla; e nella parola il tempo ha la sua vera dimora. Lo sa il bambino che siamo stati e che abbiamo abbandonato crescendo, lo sa l'adolescente che eravamo quando ci siamo innamorati e abbiamo visto il fondo più abrasivo della nostra solitudine, lo sa il giovane che ci ha insegnato il suo primo errore quando credevamo già di conoscere noi stessi. Tutti loro sono in viaggio con noi, contemporaneamente, con tutto il tempo che abbiamo ereditato e che ci ha portato fin qui dove siamo. Tutti i noi stessi che siamo stati e che ci aspettano a ogni incrocio della vita. Poesia colta, densa, originalissima, quella di Gian Mario Villalta è certamente tra le acquisizioni di maggior rilievo della nostra letteratura e "Dove sono gli anni" stabilisce una tappa cruciale e memorabile della sua traiettoria d'autore.
18,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.