Il tuo browser non supporta JavaScript!

Letteratura: storia e critica

Raccontami di Dante e Beatrice. Il viaggio nell'amore che salva

Manuela Racci

Libro: Copertina morbida

editore: Minerva Edizioni (Bologna)

anno edizione: 2021

pagine: 365

Una casa sul mare, sulla soglia di una "sacra" pineta, una "vecchia" prof. di italiano, Letizia, un po' magica nel suonare le corde del suo cuore perdutamente innamorato di Dante e nel consegnare ai suoi studenti quell'antica passione, e una giovane nipote, Ginevra, cresciuta dentro tale amore, accanto a quella nonna così unica che le aveva insegnato ad ascoltare fin da piccola "il rumore dell'erba che cresce", raccontandole la forza della letteratura sotto forma di storie, miti, fiabe... Una in particolare, la più grande storia d'amore pura ed eterna, accesasi per le vie di una Firenze medievale, grazie agli occhi di una ragazzina che portava la luce nel suo nome: Beatrice... Due anime affini, legate da segrete corrispondenze interiori e poi divise dalla vita. Ed ecco all'improvviso il ritorno di Ginevra, oramai cresciuta, lì in quella casa, ma ora persa e ostile. Per la prof. quella sarà l'ultima occasione per riannodare il filo e tessere il quadro finale dell'anima. Comincia così un percorso straordinario, intenso e salvifico, dentro il cuore di Ginevra, guidata dalla "magia" delle parole della nonna che conduce l'amata creatura all'interno del viaggio raccontato da Dante, "immergendola" negli incontri, nei personaggi, negli episodi nodali del celeberrimo poema, che diventano specchi inesorabili e terapeutici per Ginevra e il suo malessere. Un viaggio dentro il viaggio di due donne profondamente legate, guidate dalla forza dell'Amore che salva, un Amore antico che porta il nome di un Poeta e della sua Donna, un Amore che libera l'anima e riconduce alla luce delle stelle. Per la vecchia prof. quella sarà anche l'ultima, straordinaria lezione magistrale con cui chiudere il cerchio ed esperire davvero quell'amor che move il sole e l'altre stelle.
20,00

Dante il più italiano dei poeti, il più poeta degli italiani

Libro: Copertina morbida

editore: Minerva Edizioni (Bologna)

anno edizione: 2021

pagine: 161

L'Italia, unico paese al mondo, non fu "fatta" da un condottiero ma da un poeta. Fu Dante, infatti, a dare dignità al terreno primario e comune di una nazione, la lingua. Fu lui a fondare la civiltà italiana sull'arte, sul pensiero, sull'eccellenza e il genio, oltre che sulla storia e la geografia. O, almeno, così ritennero generazioni di patrioti italiani dal Romanticismo in avanti. Dante è stata la grande "scoperta" del nazionalismo novecentesco. Il fascismo celebrò Dante Alighieri come precursore d'Italia e della risorta romanità. Durante il ventennio fascista non c'era discorso ufficiale, dal duce all'ultimo direttore didattico, che al punto di ricordare le glorie patrie di questa stirpe "di poeti, santi, eroi e navigatori" non includesse in primis il Poeta fiorentino. L'effigie di Dante veniva riportata su monete, francobolli, cartoline e spillette, spesso accompagnata da motti mussoliniani che rimarcavano il mito del "precursore" del fascismo. Attorno all'Alighieri si sviluppò un vero e proprio culto e divenne un simbolo sacro del regime: la sua figura ne pagò le conseguenze e per un un lungo periodo venne accostata al fascismo e perciò dimenticata. Questo volume, attraverso l'analisi e la rilettura da parte di storici, studiosi e collezionisti, dell'opera e del mito di Dante ha lo scopo di collocarle nella loro dimensione più consona e obiettiva: quella della storia.
18,00

«Hardi petit!». Attraverso i bambini, Céline

Luisa Crismani

Libro: Copertina morbida

editore: ASTERIOS

anno edizione: 2021

pagine: 240

"Sono diventato, oltre che violentatore, traditore, genocida, uomo delle nevi... quello di cui non bisogna neanche parlare!... non esiste, quest'infame! E non è mai esistito!" È molto doloroso imbattersi in queste parole di Céline mentre lo si sta studiando. Ma lui è andato avanti a lavorare, per quella lingua che amava più di ogni altra cosa, e ha partorito, in mezzo a miseria, malattia, frustrazione, "Féerie pour une autre fois", "La Trilogia germanica" oltre a quel gioiellino che sono gli "Entretiens avec le Professeur Y". Ha scritto fino all'ultimo istante della sua vita. Ha costruito, attraverso una commistione di linguaggio antico e popolare, argot parigino, neologismi e onomatopee, secondo uno style inarrivabile che è esclusivamente il suo, un monumento, una cattedrale all'interno della letteratura francese. La lingua come identità di un paese, di un popolo, questo era il suo sentimento, lingua che lui faceva "cantare": è la musica che sorregge la sua prosa, che la pervade e la rende così particolare, magica e misteriosa.
29,00

Gli enigmi infernali di Dante. 100 rompicapi diabolici ispirati all'inferno dantesco

Tim Dedopulos

Libro: Copertina morbida

editore: L'Airone Editrice Roma

anno edizione: 2021

pagine: 176

Inferno, Purgatorio e Paradiso non sono termini che normalmente associamo a un volume di indovinelli e rompicapi. Ma questi non sono enigmi ordinari, come scoprirete ben presto calandovi nelle profondità dell'Inferno dantesco... A partire dalla Selva Oscura dell'Errore fino all'ultimo enigma che vi rivolgerà Lucifero in persona, affrontare schiere di dannati pronti a mettere a dura prova le vostre capacità di ragionamento: di Cerchio in Cerchio, di Bolgia in Bolgia, ingaggerete con loro una sfida a colpi di quesiti e rompicapi di ogni genere, alcuni dei quali all'inizio vi sembreranno quasi impossibili da risolvere. Ma non perdete mai la fiducia nelle vostre abilità: con un po' di pazienza, alla fine, riuscirete «a riveder le stelle»... Buon divertimento!
12,90

Ulisse non è lui. La grande sciarada di Omero alle origini della coscienza

Giovanni Kezich

Libro: Copertina rigida

editore: Baldini + Castoldi

anno edizione: 2021

pagine: 416

Fatta passare per millenni come una storia meravigliosa e travagliata, a tratti cruenta ma destinata a buon fine, l'Odissea spiazza da subito il lettore con il suo incedere altalenante e il suo scarso equilibrio, visto che le peripezie di Ulisse tra maghe e ciclopi, sirene e mostri marini, che tanto hanno affascinato i lettori di ogni epoca, impegnano a malapena un sesto di un poema che è dedicato piuttosto, nella sua parte preponderante, ai preparativi di un massacro tremendo e immotivato, quello dei cosiddetti «proci», i pretendenti di Penelope: una strage che, a dispetto di tante fantasmagorie di facciata, costituisce il vero obiettivo della narrazione. Eppure, alcune vistose incongruenze dovrebbero mettere subito in allarme: qual è lo scopo dell'inspiegabile viaggio di Telemaco, rischioso e apparentemente inutile, che apre il poema? E perché Ulisse, atteso da dieci anni, si ripresenta a Itaca in sincronia perfetta con il viaggio del figlio, e per giunta da solo, pur essendo partito con un gran seguito di navi e di compagni? E come è possibile che egli non venga riconosciuto subito da un servo fedele, da sua moglie e da suo padre? A partire da queste domande, Giovanni Kezich scopre nel poema una trama nascosta che ci porta lontano dalle rassicuranti convenzioni della poesia eroica e ci introduce in un ambito enigmatico come quello di un giallo, una sciarada elusiva e tendenziosa che cerca di occultare una certa verità raccontandocene un'altra: come se il vero obiettivo dell'Odissea non fosse il glorificarsi delle gesta del suo protagonista, ma l'addolcire con le arti della poesia il rimorso per la strage di raggelante brutalità che, a dieci anni dalla caduta di Troia, si è consumata in un'isola remota lasciata a se stessa, dove il re non era mai tornato. Forte di un'intuizione folgorante maturata a contatto con il testo di Omero, "Ulisse non è lui" non è la semplice enunciazione di uno scoop interpretativo, ma una rilettura approfondita, illuminante e fascinosa del poema più letto e più amato della storia: una scommessa, ambiziosa e coltissima, che punta a riconsiderare daccapo l'Odissea come un documento antropologico, che può forse raccontarci, dell'antica civiltà greca come di noi stessi, molto più di quello che sinora abbiamo saputo capire.
22,00

Amore e colpa. Dante e Francesca

Donato Pirovano

Libro: Copertina morbida

editore: DONZELLI

anno edizione: 2021

pagine: 160

Amore e colpa: un conflitto che scuote le coscienze in ogni epoca e viene riproposto in questo volume ripercorrendo la produzione dantesca dalla Vita nuova alla Commedia, alla ricerca di un difficile equilibrio che esplora il conflitto tra la profondità del sentimento di amore e la fragile purezza delle intenzioni del cuore e dello spirito. Nella Vita nuova Beatrice è poeticamente amata di un amore esclusivo e intensissimo, più forte della morte, una passione che, grazie al fedele consiglio della ragione, Dante ha saputo alimentare come una fiamma che non viene mai meno, progressivamente scoprendo in essa le connotazioni dell'amore disinteressato, il cristiano agápe o caritas. Tuttavia nelle rime scritte dopo la Vita nuova - si pensi al ciclo delle petrose o alla cosiddetta montanina - la linea maestra dell'amore virtuoso è spesso contraddetta da momenti di prorompente passione che soggioga completamente Dante: il poeta si descrive in balia di un pensiero ossessivo al quale è difficile sottrarsi e contro il quale la ragione può poco. Non sorprende allora che questo Dante, disarmato davanti al violento attacco di un amore folle e deviato, possa trovarsi, improvvisamente, in una notte di primavera, immerso nella selva oscura.
18,00

La Vita Nova di Dante

Antonio Moresco

Libro: Copertina rigida

editore: Il Saggiatore

anno edizione: 2021

pagine: 264

Cosa sarebbe successo se Dante subito dopo aver scritto la Vita nova si fosse fermato? Come avremmo guardato a «questo libro rivoluzionario, questo libro ineffabile, questo libro patologico, questo libro di fantasmi, questo libro di sangue, questo libro di luce» se non fosse stato schiacciato dal gigante della Commedia? È una delle domande che si pone Antonio Moresco, che per la prima volta decide di risolvere i suoi conti personali con il romanzo d'amore e morte di Dante, rileggendolo in un corpo a corpo intimo e letterario. La Vita nova di Dante è un'opera unica, in due parti: nella prima si alternano brani del testo dantesco e riflessioni di Moresco, il quale proietta il racconto nel presente di un ragazzo che, nel breve arco di un'adolescenza, incontra l'amore senza riuscire a coronarlo, ne soffre disperatamente e si trova addirittura a fronteggiare la scomparsa dell'amata, rinascendo infine a «nuova vita»; nella seconda invece è presentata la Vita nova nella sua forma pura e originaria, così che il lettore possa apprezzarla e goderne senza intermediazioni e senza filtri. Un'operazione letteraria che espone la ferita ancora insanguinata del classico dantesco allo sguardo di eterno lettore di uno dei massimi autori contemporanei.
19,00

Eroi dell'amore. Storie di coppie, seduzioni e follie

Massimo Fusillo

Libro: Copertina morbida

editore: Il Mulino

anno edizione: 2021

pagine: 160

«L'amore si modella su storie raccontate e su figure invidiate o desiderate: su fantasmi, spettri, ossessioni e immagini cristallizzate nella memoria individuale e collettiva». Legata tradizionalmente alla sfera pubblica, la figura dell'eroe incarna i valori in cui si identifica una comunità. Chi sono dunque gli eroi dell'amore, l'esperienza privata per eccellenza? Che cos'è l'amore eroico nell'immaginario di tutte le epoche? È l'amore della coppia chiusa e fedele di Romeo e Giulietta (ma anche di Diabolik ed Eva Kant!), un microcosmo che vince lo spazio e il tempo e ha come unico ostacolo la morte. È l'amore non corrisposto di Fedra e di Madama Butterfly, una malattia indicibile, fisica e mentale, che sfocia spesso nella follia autodistruttiva. O, all'opposto, è l'amore libero e sovversivo di Don Giovanni e di Carmen, che si dà come seduzione, bellezza inebriante e sensualità. Il libro racconta la passione amorosa attraverso le storie di eroi ed eroine della letteratura, del melodramma e del cinema, ma guardando anche agli amori reali, che si alimentano di mediazioni e triangolazioni.
14,00

Tutta la letteratura greca

Enrico Manuele Ernst

Libro: Copertina morbida

editore: Vallardi A.

anno edizione: 2021

pagine: 288

Tutte le idee, tutti i concetti chiave, tutte le spiegazioni necessarie. L'età arcaica: Omero, Esiodo, Archiloco, Solone, Saffo, Parmenide, Eraclito. Il V secolo a.C.: Pindaro, Eschilo, Sofocle, Euripide, Aristofane, Gorgia, Protagora, Erodoto, Tucidide. Il IV secolo a.C.: Senofonte, Isocrate, Demostene, Platone, Aristotele, Menandro. L'ellenismo: Callimaco, Teocrito, Apollonio Rodio, Polibio, Epicuro.  L'età imperiale: Plutarco, Luciano di Samosata, Plotino. Appendici: Appendice metrica, Glossario dei termini letterari, Indice analitico di autori e opere.
13,00

Tutta la letteratura latina. Per capire i concetti e imparare i fondamentali, dai Fescennini a Severino Boezio

Piero Cigada, Raouletta Baroni

Libro: Copertina morbida

editore: Vallardi A.

anno edizione: 2021

pagine: 288

Tutte le idee, tutti i concetti chiave,  tutte le spiegazioni necessarie. Le origini e la prima età repubblicana: Plauto, Ennio, Terenzio. L'età di Cesare: Cicerone, Cesare, Lucrezio, Sallustio, Catullo. L'età di Augusto: Virgilio, Orazio, Livio, Tibullo, Properzio, Ovidio. La prima età imperiale: Seneca, Petronio, Plinio il Vecchio, Quintiliano, Marziale, Stazio, Tacito, Giovenale, Plinio il Giovane. La media età imperiale: Svetonio, Frontone, Apuleio, Tertulliano. La crisi dell'Impero: Ammiano Marcellino, Ambrogio, Girolamo, Agostino, Boezio. Appendici: Glossario dei termini letterari; Appendice metrica; Istituzioni politiche, amministrative e militari romane; Indice analitico di autori e opere.
13,00

Scrivere a destra. Vite narrate e vite perdute nel ventennio nero

Antonio Di Grado

Libro: Copertina morbida

editore: PERRONE

anno edizione: 2021

pagine: 300

Vite vendute? Prigionieri di un sogno? Certo non è un'improvvisa cecità, oppure un bieco opportunismo, a giustificare l'adesione al fascismo di gran parte del nostro ceto intellettuale, e in particolare dei numerosi scrittori di cui questo libro si occupa, alcuni ben noti e altri invece da sottrarre all'oblio o alla condanna, alcuni testardi nell'inseguire fino alla fine (e talvolta alla morte) l'illusione della "rivoluzione" fascista e altri invece disposti ad affrontare il trauma del ripensamento, della ricerca di nuovi approdi. Da questa galleria di ritratti, da questo regesto di opere, emergono la necessità di difendere una "coscienza divisa", salda nel confronto fra idealità e valori incompatibili, e al tempo stesso l'attenzione doverosa e partecipe per opere letterarie di rilievo scritte "dall'altra parte" e per vicende umane tristemente segnate dalla disdetta. Antonio Di Grado racconta la letteratura di destra, i suoi astratti furori e le illusioni perdute.
18,00

Come sono fatti questi romanzi? Le forme della narrativa italiana di oggi

Maurizio Dardano

Libro: Copertina morbida

editore: Cesati

anno edizione: 2021

pagine: 196

Il saggio si compone di due parti: la prima tratta del pubblico dei lettori e di problemi riguardanti lo studio della narrativa contemporanea; la seconda analizza gli aspetti formali di sedici romanzi pubblicati negli anni 2013-2020 dai seguenti autori: Albinati, Ballestra, Carofiglio, Covacich, Di Paolo, Durastanti, Janeczek, Parrella, Pecoraro, Piccolo, Rapino, Saviano, Scurati, Trevi. La scelta è caduta su opere che: i) presentano aspetti della società di oggi o momenti della nostra storia del Novecento; ii) sono una testimonianza delle tendenze vive nella narrativa (non solo italiana) del nostro tempo; iii) riflettono, nella lingua e nello stile, tendenze dell'italiano di oggi. L'analisi si sofferma sui caratteri della testualità, della sintassi del periodo e dello stile, ma riguarda anche la tecnica del dialogo, l'intreccio, la costruzione delle scene e dei personaggi. In un capitolo finale si esamina la possibilità di leggere la narrativa contemporanea nella scuola.
22,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento