Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina
Iscriviti alla newsletter

Fotografia e fotografi

St. Regis Rome. The house of luminaries since 1894

St. Regis Rome. The house of luminaries since 1894

Libro: Libro in brossura

editore: Gruppo Editoriale

anno edizione: 2024

pagine: 244

Un libro affascinante che racconta 130 anni di vita e glamour, storie e personaggi al The St. Regis Rome, un luogo iconico e unico, speciale fin dal primo progetto firmato César Ritz. È il 1894 quando César Ritz inaugura il Grand Hotel de Rome, oggi The St. Regis Rome. A due passi dalla via Veneto resa celebre dalla Dolce Vita di Fellini, negli anni i suoi salotti hanno visto passare personaggi del mondo della cultura, della politica, dello star system. Oggi come ieri. Questo libro, un prezioso coffee-table book con la copertina in velluto indaco, celebra l’Arte di Vivere che ha reso The St. Regis Rome un’icona dell’ospitalità nel mondo. Il fotografo e regista Francesco Carrozzini ha interpretato con il suo occhio raffinato un luogo contemporaneo fatto di gesti e contrasti. Una alchimia di arte, musica, cucina e artigianato che incanta per eleganza e ricerca e che abbiamo raccontato in queste pagine, accanto alle bellissime foto d’archivio dei tanti personaggi celebri che hanno soggiornato qui. Un elegante copertina in velluto.
80,00
Il mare è vita. Viaggio nell'ecosistema dei fondali di Siracusa
25,00

In dialogo con l'arte. Elio Ciol e i grandi artisti da Giotto a Chagall. Catalogo della mostra (Pordenone, 19 aprile-30 giugno 2024). Ediz. italiana e inglese

Libro: Libro rilegato

editore: Antiga Edizioni

anno edizione: 2024

pagine: 378

Nell’arco di ottant’anni di fotografia, Elio Ciol ha contemplato la natura ed ha osservato – con partecipazione profonda – la gente alle prese con le mille sfumature della quotidianità. Ma si è anche posto in dialogo con l’arte e gli artisti. Ne è sortita una lunga esplorazione del mondo della pittura e della scultura, spesso in rapporto agli spazi architettonici, che ha permesso a Ciol di costruire un imponente archivio, ben noto per vastità e qualità delle riproduzioni. In quelle fotografie, però, c’è qualcosa di più della grande perizia tecnica. Ciol ha saputo spingersi fra le pieghe dei panneggi, “entrare” nei racconti scolpiti o dipinti e muovere lo sguardo intorno, cogliendo la disposizione dei personaggi e i loro giochi di relazione come se ne facesse egli stesso parte, come se si trattasse di un tessuto vivo da restituire a una sonorità perduta. È per questo che le sue fotografie paiono aver diritto a inserirsi nella medesima categoria critica delle opere alle quali si riferiscono, espressione di un’arte che riflette visivamente su se stessa.
55,00

Del silenzio per frammenti

Giorgio Cutini

Libro: Libro rilegato

editore: Ephemeria

anno edizione: 2024

pagine: 126

Libro fotografico che propone un'immagine inconsueta dei paesaggi montani appenninici delle Marche, attraverso i bianchi, i grigi e i neri, non si tratta di mera rappresentazione di una realtà visibile e consueta ma diviene poetica del silenzio e dell'invisibile. Inquietudine, solitudine e silenzio sono i temi oggetto di riflessione della recente ricerca di Giorgio Cutini. La semantica si occupa dei processi di significazione come dire la produzione di senso e come percepiamo il mondo attorno a noi, indiscutibile certificato di presenza; Cutini è alla ricerca di una configurazione che possa rispondere alle sue motivazioni interiori e adegua con alcuni artifizi propri delle caratteristiche linguistiche del medium fotografico che ne modificano in parte il linguaggio naturale, il corpus come grado di rivendicazione dell'artista, e, quindi, dal recupero della sua identità critica e propositiva, attraverso una fotografia affrancata dalla sua stessa storia e tradizione. Una fotografia che va intesa come una riduzione di una ideologia romantica a favore di una produzione allineata ai nuovi strumenti della produzione culturale e multimediale. Cutini si concentra su soggetti che di per se evocano la potenza della natura e nel contempo la solitudine dei paesaggi e che accentuano la comunicazione del concetto del silenzio contemplativo. La fotografia di Cutini cattura non solo lo stupefacente aspetto esteriore della scena, soprattutto il significato simbolico ed emotivo. La scelta accurata delle prospettive, degli equilibri compositivi, dei vuoti e dei pieni degli elementi, del tratteggio tonale come parafrasi della profonda libertà creativa di Cutini, unita all'incondizionata interpretazione dell'immagine come capacità di evocare emozioni e riflessioni profonde. Il frammento, la modularità utilizzata i tasselli che collegano luci e ombre esaltano la forza evocativa delle immagini che, senza dimenticare le origini del lavoro, lasciano ampi spazi all'interpretazione personale. Una fotografia che cattura una parte di scena e stimola la mente a riempire i vuoti con le proprie esperienze e sensazioni trasferendo nella sperimentazione il linguaggio fotografico, più intimo e coinvolgente. Il frammento fotografico è parte integrale della narrazione visiva, incastri regolati che portano l'osservatore a condividere suggestioni e richiami. Cutini utilizza il medium fotografico per catturare misteri fugaci, particolari significati per una complessa riflessione sulla propria coscienza critica, un'esperienza esplorativa caratterizzata dal potere comunicativo e dalla nuova versatilità della fotografia come mezzo manifesto.
25,00

Monte San Pietro nelle cartoline

Alfonso Cavallina

Libro

editore: Youcanprint

anno edizione: 2024

pagine: 104

"Monte San Pietro nelle cartoline", un'opera di Alfonso Cavallina.
56,00

Io Barillari nasco grazie ad Angiolillo

Libro

editore: Pisani T.

anno edizione: 2024

pagine: 62

15,00

Helmut Newton

Libro: Libro in brossura

editore: Contrasto

anno edizione: 2024

pagine: 144

Lo si potrebbe definire fotografo di moda, perché le immagini che ha creato con rara fecondità e costante virtuosismo hanno dato vita alle pagine migliori delle grandi riviste del settore. Ma Newton è molto di più. È stato il cronista meticoloso di una classe sociale che lo ha sempre affascinato, quella dei ricchi. Il gusto che aveva per il lusso e la bellezza ne ha fatto il testimone stupito e lucido di un mondo in cui è riuscito ad andare oltre le apparenze; di un mondo che, nel vero senso del termine, ha messo a nudo.
14,90

Elliott Erwitt

Libro: Libro in brossura

editore: Contrasto

anno edizione: 2024

pagine: 144

Poeta dell’immagine, colonna portante dell’agenzia Magnum, americano d’adozione, Elliott Erwitt, nato nel 1928, è stato un fotografo dallo spiccato senso dell’umorismo e “dallo sguardo mai ottimista, ma sempre elegante”. La coincidenza, l’incontro fortuito di oggetti e di avvenimenti, sono il suo modo ammiccante di puntare il dito verso il ridicolo e il buffo. Il cane è il suo soggetto preferito, amichevole metafora delle stramberie umane. Attraverso le sue immagini, Erwitt lancia le sue allegre, profonde, liriche provocazioni che colpiscono come pungenti aforismi.
14,90

Senza parole

Italo Zannier

Libro: Libro in brossura

editore: Contrasto

anno edizione: 2024

pagine: 76

Italo Zannier è intellettuale, docente e fotografo, primo titolare di una cattedra di Storia della fotografia in Italia, nonché figura di riferimento per il riconoscimento della disciplina nel nostro paese, e in questo volume ci offre un breve ma intenso racconto per immagini e parole della sua lunga vita. Una vita da grande cultore e appassionato collezionista di fotografia, caratterizzata dalla dedizione a un sogno, puntellata di scoperte, conoscenze, incontri, visioni e tanta scrittura, dove il fil rouge si rivela sempre il fermo immagine fotografico. Il libro si presenta con un doppio formato, che racchiude al centro un inserto di parole e immagini di dimensioni più ridotte. Quello costruito da Zannier è un percorso che dalle "fotofanie" realizzate a colori e in digitale procede a ritroso alle immagini "neorealiste" in bianco e nero dei primi anni - come per accompagnarci dal "fatto a macchina", con l'istantaneità di una digitale compatta o di un cellulare, al "fatto a mano" con negativi e acidi di sviluppo - per poi ricondurci nel tempo presente. Pensatore della fotografia e "fotografo innocente", come ama definirsi, Zannier ci guida in questo tuffo nei ricordi in cui incontriamo persone, aneddoti, visioni di un artista che non si è mai stancato, in oltre settant'anni di attività, di confrontarsi e sperimentare con l'immagine fotografica, uno strumento della memoria, un diario dell'evoluzione dello sguardo personale e umano.
32,00

Gente dell'Isola d'Elba. Ritratti di mare, di pietra, di ferro, di vento

Pino Bertelli, Paola Grillo

Libro: Libro in brossura

editore: Cine Sud

anno edizione: 2024

pagine: 273

Un atlante di geografia umana e di fotografia antropologica nell'Isola d'Elba, nel pieno coinvolgimento delle comunità locali e nell’ottica dell’interazione tra sistema sociale, sistema ecologico e turismo etico. Una sorta di album di famiglia che valorizzi un’importante eredità di affetti e tenda a fissare questo periodo storico attraverso i volti ritratti nell’Isola d’Elba e gli scorci di ambiente che ne denotino la sua bellezza unica. Una ricerca sulla memoria e sul futuro delle genti che ci vivono, ci lavorano in tutti i settori produttivi - dalla pesca all’agricoltura, alla cantieristica, alle altre attività manifatturiere e artigianali, dal settore culturale a quello turistico -, e ci soggiornano o ci transitano in un rapporto equilibrato tra uomo e ambiente.
50,00

Nikon, una storia giapponese. Dalla restaurazione meiji all'era digitale

Giulio Forti

Libro: Libro in brossura

editore: Artioli

anno edizione: 2024

pagine: 312

Sullo sfondo della storia dell’Impero del Sol Levante tra guerre e conquiste, ai primi del Novecento in Giappone cresce la passione per la fotografia. Scoppiata la Prima guerra mondiale e raggiunta l’autosufficienza militare, il gigante Mitsubishi fonda Nippon Kogaku K. K. per produrre il vetro ottico necessario a microscopi, telescopi e obiettivi fotografici di alta qualità. Soprattutto fornirà “munizioni ottiche” alle forze armate fino all’ultimo giorno della Guerra del Pacifico, il 15 agosto 1945. La sconfitta spinge il Giappone ad affrontare un futuro difficile, ma presto riaprono le fabbriche e i commerci con l’estero. Nippon Kogaku prende la via della fotografia e degli strumenti di precisione che la porteranno ad essere leader del settore.
45,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.