Il tuo browser non supporta JavaScript!

Economia

Il capitale mondo. Globalizzazione e limiti interni del moderno sistema produttore di merce

Robert Kurz

Libro: Copertina morbida

editore: Meltemi

anno edizione: 2022

pagine: 544

La crisi del mondo globalizzato procede inarrestabile e in maniera convulsa su ogni piano: economico, sociale, politico, ecologico... Ma quale ne è la causa? È davvero lecito individuare la radice della crisi della società postmoderna in fattori isolati quali la supremazia della finanza sull'"economia reale", il tramonto dello Stato-nazione e della democrazia rappresentativa o il conflitto tra demagogia populista e "ribellione delle élite"? O forse questi non sono altro che sintomi di uno sconvolgimento più profondo sul terreno della modernità? Ne "Il capitale mondo", Robert Kurz intende dimostrare che la crisi del mondo globalizzato è un esito necessario della logica del sistema-mondo capitalistico e che l'unica "riforma" possibile del suo funzionamento coincide con il suo sovvertimento definitivo.
30,00

La sfida dell'uguaglianza. Democrazia economica e futuro del capitalismo

Olivier Bouin, Marc Fleurbaey, Ravi Kanbur

Libro: Copertina morbida

editore: Feltrinelli

anno edizione: 2022

pagine: 228

Diseguaglianze di reddito e di ricchezza, sistemi di welfare sotto stress, istituzioni politiche incapaci di porre un freno allo strapotere dei mercati. Le fragilità del capitalismo globale, con le sue tendenze non egualitarie, sono sotto gli occhi di tutti. C'è spazio oggi per immaginare nuove regole del gioco e forme di governance in grado di rendere le istituzioni e le imprese più trasparenti e responsabili, più democratiche e inclusive? Mettendo al centro l'idea di democrazia economica, il volume scommette su un'economia partecipata che dia alle persone pari dignità, che riconosca loro la possibilità di co-determinare le decisioni che le riguardano. Un'economia ispirata ai principi di giustizia distributiva e al servizio del benessere dei lavoratori e delle comunità.
17,00

Le parole dell'economia. Viaggio etimologico nel lessico economico

Francesco Mercadante

Libro: Copertina morbida

editore: Il Sole 24 Ore

anno edizione: 2022

pagine: 272

Le parole dell'economia, molto di frequente, fanno anche paura. Anche? Sì, anche, cioè unitamente al mistero che recano in sé. Il sostantivo "debito", per esempio, talora risulta tormentoso: ciò non è affatto casuale: nelle proprie origini romanze, esso implica nettamente l'essere costretti o l'essere destinati e, in alcune testimonianze letterarie, ha a che vedere pure con la morte. Di certe crisi, tuttavia, siamo responsabili. Il verbo greco 'krìnein', da cui crisi deriva, anticamente, aveva il significato di separare, in virtù della propria radice, ed era connesso con la trebbiatura. In pratica, indicava l'attività di separare la granella del frumento dalla paglia e dalla pula. La crisi, dunque, contiene in sé una scelta fatta dopo una separazione, un taglio. Ogni parola "racconta", quasi da sé, cioè senza l'intervento del narratore, una vicenda economico-creativa e sociale, può esaltare o annientare un legame, condizionare, in un modo o nell'altro, la stabilità d'un Paese.
16,90

La grande narrazione. Per un futuro migliore

Klaus Schwab, Thierry Malleret

Libro: Copertina morbida

editore: Franco Angeli

anno edizione: 2022

pagine: 200

"La grande narrazione" è una guida per chiunque cerchi di capire meglio come si è evoluto il mondo dall'inizio della pandemia e quali soluzioni possono renderlo più resiliente, equo e sostenibile. È un libro ottimista, che rifiuta categoricamente la negatività che permea troppe narrazioni apocalittiche, pronte a consegnarci a un futuro di oblio. Il libro riconosce che i problemi ai quali dobbiamo trovare collettivamente delle risposte sono gravi e molteplici. Le questioni fondamentali sono di natura economica, ambientale, geopolitica, sociale e tecnologica. Tuttavia, le soluzioni esistono e sono alla nostra portata. La Grande Narrazione ne descrive alcune, raccontandone le storie. In questo senso, è un libro ottimista che rifiuta categoricamente la negatività che permea troppe narrazioni apocalittiche, pronte a consegnarci a un futuro di oblio. Schwab e Malleret sostengono che la creatività, l'ingegnosità e la socialità innate negli esseri umani alla fine prevarranno. Per dare forza a questa convinzione, basata sui dati e sulla scienza, hanno interpellato 50 importanti esperti mondiali di vari ambiti (dall'economia alle neuroscienze, dalle biotecnologie alla filosofia).
25,00

Il nuovo capitalismo della mobilità. Oligarchi e sudditi nei trasporti

Pietro Spirito

Libro: Copertina morbida

editore: Guida

anno edizione: 2022

pagine: 288

Il capitalismo, che ha sempre manifestato, nel corso della sua secolare esistenza, una vivace tendenza al movimento, è diventato oggi completamente mobile. Questo processo è cominciato, negli anni Ottanta del secolo passato, con la circolazione incessante della finanza, per poi trasmettersi alla intensificazione negli scambi delle merci su scala globale, sino a giungere allo spostamento delle fabbriche, per approdare infine all'economia digitale contemporanea, che agita e mescola vorticosamente informazioni e processi. Il rapporto tra dimensione di impresa e processo di innovazione, come sottolinea Giulio Sapelli nella sua introduzione, costituisce una delle questioni fondamentali attorno alla quale ruota l'analisi del libro. Chi si ferma è perduto, nel rutilante universo dell'economia contemporanea. Il libro propone, quale chiave di lettura essenziale per la comprensione delle dinamiche contemporanee, la metafora di un nuovo capitalismo della mobilità.
18,00
30,00

Post crescita. La vita oltre il capitalismo

Tim Jackson

Libro: Copertina morbida

editore: Il Mulino

anno edizione: 2022

pagine: 296

«Al di là delle favole sulla crescita economica c'è un mondo di complessità che esige la nostra attenzione. Quelle favole sono state codificate nel manuale-guida dell'economia moderna e sono lì da decenni, continuando a distorcere la nostra comprensione del progresso sociale e impedendoci di concepire in maniera più profonda la condizione umana.» Il capitalismo è arrivato a un punto di rottura. La ricerca incessante di quel qualcosa in più che ha mosso fin qui le nostre economie, ha prodotto come conseguenza disuguaglianza sociale e instabilità finanziaria, ci sta portando verso la catastrofe climatica e ci ha fatto trovare impreparati di fronte alla pandemia globale. Intrecciando riflessione filosofica, intuizione economica e visione sociale, Tim Jackson ci sfida a immaginare un mondo che vada oltre il capitalismo, un luogo in cui le relazioni umane e il loro significato profondo abbiano la precedenza sui profitti e sul potere. Nella sua visione la prosperità è quella in cui le persone di tutto il mondo hanno la possibilità di esprimersi come esseri umani, all'interno dei vincoli ambientali e delle risorse di un pianeta finito. Post crescita è dunque sì un manifesto per il cambiamento del sistema, ma soprattutto un invito a riaccendere una riflessione più aperta sulla natura della condizione umana e sulla vita sociale.
20,00

Manoscritti del 1861-1863

Karl Marx

Libro: Copertina morbida

editore: Pgreco

anno edizione: 2022

pagine: 534

Comprendere a fondo i lineamenti e la maturazione della critica dell'economia politica di Marx significa seguire il "filo conduttore" dei suoi studi oltre che confrontarsi con un metodo di lavoro estremamente travagliato, sempre aperto al ripensamento, all'integrazione, all'autocritica. È in questo orizzonte che si possono spiegare l'incredibile senso di fascinazione e il grande interesse che da sempre i manoscritti di Marx hanno suscitato tra gli studiosi: in essi possiamo assistere alla progressiva elaborazione di un modo d'esposizione che ambisce a farsi "sistema dell'economia borghese esposto criticamente", entrare nel laboratorio della critica e seguire le tappe del suo "salire dall'astratto al concreto", segnare infine, su un piano più strettamente interpretativo, i nessi di continuità e discontinuità presenti al suo interno. Prefazione di Tommaso Redolfi Riva e Sebastiano Taccola.
28,00

Economia dell'ambiente

Diego Lanzi

Libro: Copertina morbida

anno edizione: 2022

pagine: 116

Per quanto tempo il sistema economico mondiale sarà in grado di sostenere la crescita evitando limitazioni allo sfruttamento delle risorse naturali e congiurando il pericolo di depredare l'ecosistema senza riparo? Quale relazione sussiste tra stabile crescita del reddito pro-capite e qualità ambientale? In che modo coniugare crescita, sostenibilità dello sviluppo e tutela dell'ambiente? Il presente saggio vuole offrire uno strumento agile e aggiornato con cui approfondire tematiche cruciali per l'Economia ambientale nell'era dell'energia e del clima. Si offrirà una precisa interpretazione di cosa significhi crescita economica verde, integrando modelli economici di crescita, strumenti di contabilità nazionale sensibili alle problematiche ambientali, concetti provenienti dall'ecologia e una nozione matura di sostenibilità dello sviluppo.
15,00

Capire l'economia for dummies

Roberto Fini

Libro: Copertina morbida

editore: Hoepli

anno edizione: 2022

pagine: 424

Un libro che risponde alle domande che permettono di capire l'economia di oggi, avendo come riferimento un lettore poco o per nulla esperto di cose economiche. Che succede alle scelte del consumatore se il prezzo di un bene aumenta? Perché la deflazione può essere considerata una situazione peggiore dell'inflazione? Quali sono le regole dei mercati globali? Perché un'impresa ha successo e un'altra fallisce? Come è cambiata la situazione economica a causa della pandemia? La seconda edizione è aggiornata e con un nuovo capitolo dedicato agli effetti causati dal Covid 19, risponde a queste e a tante altre domande.
22,90

All'inferno e ritorno. Per la nostra rinascita sociale ed economica

Carlo Cottarelli

Libro: Copertina morbida

editore: Feltrinelli

anno edizione: 2022

pagine: 176

Il mondo sta affrontando la peggiore crisi economica dalla Seconda guerra mondiale. Il virus sta facendo danni più gravi di Lehman Brothers. E l'Italia? Bisogna tornare al 1945 per trovare un dato peggiore di caduta del Pil. La crisi ha messo in luce le nostre debolezze, certo, ma anche i nostri punti di forza, compresa la capacità di rispondere bene in condizioni di emergenza. Ma affrontare l'emergenza non basta, e non basta tornare a dove eravamo nel 2019: ora abbiamo davanti a noi la responsabilità della ricostruzione. Carlo Cottarelli si pone al confine tra il mondo che crolla e il mondo che verrà dopo. E, mentre ci accompagna nel labirinto delle possibilità economiche oggi a nostra disposizione, ci mostra come l'Italia abbia bisogno di tornare a crescere in modo sostenibile da un punto di vista sociale, finanziario e ambientale. Dobbiamo salvare la nostra economia, ma per farlo abbiamo bisogno di più uguaglianza, soprattutto nelle opportunità che vengono fornite alle nuove generazioni. Per questo ci vuole la politica, e infatti questo è un libro (anche) politico. Perché parla di come la società italiana dovrebbe funzionare sulla base di un principio ideale: la possibilità per tutti di avere un futuro nella vita, indipendentemente dalle condizioni in cui si è nati. È importante che le agende politiche partano da una chiara enunciazione della società che si vorrebbe realizzare. Altrimenti, la politica diventa personalismo, opportunismo e cinismo.
10,00

Contro l'economia. Scritti 1949-1997

Cornelius Castoriadis

Libro: Copertina morbida

editore: Luiss University Press

anno edizione: 2022

pagine: 200

Alto funzionario dell'OCSE in pieno Sessantotto, incaricato di coordinare gli studi sulla crescita economica che avrebbero guidato la politica dei governi occidentali, Cornelius Castoriadis (1922-1997) nascondeva una doppia vita di militante rivoluzionario nel movimento Socialisme ou Barbarie, da lui fondato nel 1949. Attraverso l'omonima rivista, per vent'anni ha utilizzato clandestinamente quegli stessi studi per sviluppare una critica radicale del capitalismo e della burocrazia, ispirando il pensiero libertario ed ecologista. All'opportunismo dei comunisti occidentali ha opposto una visione senza sconti dell'esperienza russa e cinese, individuando nel socialismo reale un'immagine del futuro del capitalismo mondiale; alle certezze degli economisti liberali ha opposto un'originale teoria della crisi della società moderna come crisi di senso prima ancora che economica. Sempre in anticipo sui tempi, Castoriadis lo è ancora oggi a un secolo dalla nascita, assieme ai concetti che lo hanno reso celebre: la burocratizzazione dell'economia, la centralità dell'immaginario, la critica dello sviluppo e l'autonomia. Questa antologia ne riassume il percorso attraverso la pubblicazione di testi inediti o introvabili in italiano.
24,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.