Il tuo browser non supporta JavaScript!

Biografie generali

Vivere senza soldi. L'esperienza sorprendente di una donna che da undici anni ha eliminato del tutto il denaro dalla propria vita

Heidemarie Schwermer

Libro: Copertina morbida

editore: Terra Nuova Edizioni

anno edizione: 2022

pagine: 184

Nel maggio 1996, Heidemarie Schwermer decide di cambiare radicalmente modo di vivere: regala i suoi mobili, abbandona l'abitazione e lo studio, e disdice l'assicurazione sanitaria. Ciò di cui ha bisogno per vivere lo ottiene tramite gli scambi della "Centrale dai e prendi" da lei fondata a Dortmund, in Germania. Dopo tanti anni senza soldi, afferma di essere addirittura più ricca di prima. Concetti come lavoro, tempo libero e vacanze acquistano un significato completamente nuovo e la vita trova una nuova integrità.
13,00

In the weeds. In giro per il mondo e dietro le quinte con Anthony Bourdain

Tom Vitale

Libro: Copertina rigida

editore: Giunti Editore

anno edizione: 2022

pagine: 304

Il libro che più di ogni altro rappresenta un tributo a uno dei maggiori protagonisti del mondo enogastronomico contemporaneo, il celebre chef, gastronomo, scrittore e conduttore televisivo newyorkese Anthony Bourdain (1956-2018). Scritto da Tom Vitale, amico, collega, co-protagonista dei tour culinari (e non solo) di Bourdain per sedici anni, è un vero e proprio "dietro le quinte" dei vari episodi girati dai due per i loro programmi televisivi, anche se questo non è che un escamotage e un artificio letterario per descrivere rapporti umani, sentimenti e situazioni contingenti che appassionano e catturano il lettore, portandolo in giro per le cucine di tutto il mondo. Il tragico epilogo, ormai noto, apre il libro come un fortissimo in un concerto classico: «L'8 giugno 2018 mi svegliai alle cinque. Il cellulare e il telefono fisso stavano squillando nello stesso istante. Era Chris, il proprietario della casa di produzione, che con voce tremante mi disse: "Tom, mi dispiace tanto... ieri sera Tony si è suicidato..."». Di qui la narrazione prosegue come in un flashback nel ricordo vivo di una persona descritta come un "super-uomo". Un volume appassionante, tragico, ironico, grottesco e surreale.
20,00

La regina e l'imperatrice. Maria Antonietta e Maria Teresa. Due destini tra l'assolutismo e il dramma della Rivoluzione

Alessandra Necci

Libro: Copertina morbida

editore: Marsilio

anno edizione: 2022

pagine: 528

Quando Maria Teresa succede al padre Carlo VI d'Asburgo, l'ultimo erede maschio di un casato che aveva prosperato per secoli, molti temono che una donna avvenente, giovane e inesperta non riesca a sopportare il gravoso fardello della corona. Armata di umiltà e determinazione, si rivelerà invece una sovrana illuminata, una «madre della patria» amorevole e attenta alle esigenze dei suoi sudditi, un'imperatrice propensa alla mediazione, ma capace anche di fermezza e pragmatismo, che attuerà una serie di importanti riforme. Costretta in nome della ragion di Stato a dare in sposa l'appena quattordicenne Maria Antonietta al delfino di Francia per rinsaldare l'alleanza fra Vienna e Versailles, Maria Teresa non smetterà mai di preoccuparsi della condotta di questa sua giovane figlia dal carattere vivace, incline alla leggerezza e allo sfarzo. Soprannominata dai suoi nemici «l'Austriaca», considerata il simbolo di un potere opprimente, Maria Antonietta si attira l'odio del popolo per gli errori della prima fase di regno e per la violenta campagna denigratoria di cui è vittima. Dimostra grande fermezza e coraggio negli anni della Rivoluzione e, nell'ottobre del 1793, dopo aver sfilato con estrema dignità tra la folla inferocita, viene ghigliottinata. Un racconto appassionante che restituisce spessore alle due donne più influenti nell'Europa del Settecento, un'indagine coinvolgente su due distinte e opposte interpretazioni del potere, che getta nuova luce sulla difficile transizione tra il crepuscolo dell'assolutismo monarchico e l'affermazione, anche sanguinosa, delle nuove istanze democratiche.
22,00

Parola d'ordine: proteggere. La mia vita in difesa degli altri

Comandante Alfa

Libro: Copertina rigida

editore: Longanesi

anno edizione: 2022

pagine: 224

Tra la fine degli anni Novanta e l'inizio degli anni Duemila, l'Italia e il mondo intero scoprono una scioccante verità: il terrorismo esiste ancora, si è evoluto e, soprattutto, è più pericoloso che mai. Nel mirino ci sono personalità di spicco - politici, giornalisti, magistrati -, ma anche i semplici cittadini colpiti dagli attentati dei terroristi islamici, come quello alle Torri Gemelle. In Italia, le Nuove Brigate rosse uccidono a Bologna il professor Massimo d'Antona, consulente del Ministero del lavoro. E pochi anni dopo colpiscono ancora, freddando a colpi di pistola il professor Marco Biagi, eminente giuslavorista. Con lo scopo di contrastare l'ondata di violenza, viene istituito l'Ucis, l'Ufficio centrale interforze per la sicurezza personale, specializzato nella tutela e nella protezione degli obiettivi sensibili non solo in patria, ma anche all'estero. E il Comandante Alfa viene nominato responsabile dell'addestramento dei militari provenienti dalla Marina, dall'Esercito e dall'Aeronautica che entreranno a far parte delle scorte per tutelare la vita dei possibili bersagli delle mafie e dei terroristi di qualunque colore. Il Comandante Alfa rivela in questo libro le tecniche di protezione, gli addestramenti e i personaggi protetti (dal pm Nino Di Matteo sino ad Hamid Karzai, presidente dell'Afghanistan), riesamina i casi del passato (come la morte di Aldo Moro e l'uccisione del Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa), rievoca gli agguati evitati e le terribili sconfitte subite, come l'attentato di Nassiriya. E spiega tutte le difficoltà che si incontrano nel tentativo di scongiurare attacchi spesso imprevedibili senza che per questo venga meno quel giusto equilibrio tra le esigenze della sicurezza e quelle della quotidianità. Con la continua consapevolezza di dover essere sempre pronti all'estremo sacrificio: morire per salvare la vita degli altri.
18,60

Fragili. La mia lotta contro il male, sempre a testa alta

Karmin Shiff

Libro: Copertina morbida

editore: Piemme

anno edizione: 2022

pagine: 157

Febbre altissima, tosse da spaccare i polmoni, dolori ovunque. Sono questi i primi sintomi che allertano Karmin quando, a febbraio del 2020, comincia a stare male. Carmelo, vero nome di Karmin Shiff, fino a questo momento ha avuto una vita allegra e spensierata: deejay e musicista, ha raggiunto la notorietà e ama il suo lavoro. Ma questa malattia, che inizialmente ha evocato lo spettro del Covid, sta per minacciare la sua serenità. Spaventato, Karmin si sottopone a diversi esami, fino a quando i medici riescono a dare un nome al suo male. Un nome che, da solo, è una pugnalata in pancia: sclerosi multipla, associata a una rara neuropatia. Il mondo di Karmin comincia così ad andare a pezzi: ansia, rabbia, paura e tristezza, compagni inseparabili del dolore fisico, sono con lui ogni giorno. La sua famiglia è il suo bastone, ma il male che lo pervade lo getta in uno stato di depressione. Fino a quando lo psicologo gli dà un consiglio che lo risolleva dal baratro: perché non dire ai suoi fan di quello che gli sta succedendo? È così che Karmin inizia a raccontarsi senza più censure, perché non c'è nulla di sbagliato a essere fragili. Con il suo modo schietto ed emozionante ha coinvolto sempre più persone, a cui sui social mostra il lato più duro e crudo della malattia. Ma anche la sua incredibile voglia di vivere. In questo libro Karmin racconta la sua storia, dalla scoperta della malattia al potere della musica di guarire ogni stato d'animo, dal dolore al successo sui social, dall'amore della sua famiglia alla sua rinascita.
17,90

L'Italia della prima guerra mondiale in 50 ritratti

Paolo Mieli, Francesco Cundari

Libro: Copertina rigida

editore: Centauria

anno edizione: 2022

pagine: 176

Una guerra cominciata quasi per caso, in cui l'Italia entra nonostante la contrarietà di buona parte dell'opinione pubblica e delle maggiori forze politiche. Un nuovo tipo di nazionalismo che si fa strada attraverso violenze di piazza e sapienti campagne di stampa, mentre un vecchio modo di governare si fa trovare impreparato, come impreparati sono l'esercito, la politica e la società. Paolo Mieli torna a raccontarci la Storia con la formula dei 50 ritratti e con le illustrazioni di Ivan Canu, dopo "La Storia del Comunismo", "L'Italia di Mussolini" e "L'Italia della Liberazione".
22,90

La grande storia degli Sforza. La dinastia che fece grande Milano

Carlo Maria Lomartire

Libro: Copertina morbida

editore: Mondadori

anno edizione: 2022

pagine: 684

Restando fedele alle date, ai luoghi e ai fatti storici, ma con scrittura gustosa nei dettagli e felicemente narrativa, Carlo Maria Lomartire ci racconta le vicende umane e sentimentali che ruotano intorno ai principali protagonisti della famiglia Sforza: da Francesco, figlio illegittimo di un contadino romagnolo, arrivato a conquistare il ducato di Milano, a Ludovico detto «il Moro», il grande mecenate di Leonardo, fino agli «ultimi duchi», l'inetto Ercole Massimiliano e il brillante Francesco II, morto senza eredi. Attorno ai protagonisti l'autore fa rivivere un'intera epoca, piena di rivolgimenti politici e di trasformazioni sociali: l'età dei Comuni è ormai definitivamente tramontata, il Rinascimento si è affermato con i suoi nuovi valori, la prospettiva degli Stati italiani si allarga sempre più, fino a divenire europea. Se è vero, come ha scritto qualcuno, che «la storia è sempre contemporanea», nelle appassionate e turbolente vicissitudini degli Sforza, nelle spietate lotte tra fazioni, negli intrighi di corte come nelle gesta eroiche degli uomini e delle donne descritte in queste pagine, il lettore potrà ritrovare non poche delle caratteristiche, degli splendori e delle miserie, dei pregi e dei difetti dell'Italia e della Milano di oggi: allora come adesso magnifica e cinica, geniale e crudele. Questo volume contiene i tre saggi - Gli Sforza, Il Moro e Gli ultimi duchi di Milano - che Carlo Maria Lomartire ha dedicato alla dinastia che resse il Ducato di Milano tra il 1450 e il 1535, segnando una stagione indelebile nella storia della città lombarda e di tutta la penisola.
20,00

Rapciclopedia. La mia storia

Tormento, Matteo Politanò

Libro: Copertina morbida

editore: Baldini + Castoldi

anno edizione: 2022

pagine: 256

La biografia di Tormento, protagonista della scena rap italiana dagli anni Novanta, si intreccia con la storia della nascita e dell'ascesa della cultura hip hop in Italia. Per questo motivo, raccontare la vita di Tormento e come si snoda nel contesto delle diverse ere del rap è di fatto l'opportunità per costruire una sorta di enciclopedia non solo di un genere musicale, ma anche di un intero universo culturale di riferimento. Dopo aver esordito nel 1996 con un album che è una pietra miliare dell'hip hop italiano, "Sotto effetto stono", realizzato da Tormento e Big Fish nella formazione dei Sottotono, il rapper di Varese avvia un percorso di esplorazione musicale ampio e di vocazione internazionale, introducendo nel panorama tradizionale italiano elementi soul, urban e R&B. Non solo i suoi singoli e i suoi album (basta ricordare un progetto iconico come El Micro De Oro insieme a Primo Brown), ma anche l'esperienza unica della crew Area Cronica hanno segnato la storia della musica rap e hip hop del nostro Paese. Rapciclopedia è un viaggio di vent'anni nella vita di Tormento, nella musica, nello stile underground che ha segnato più di una generazione: storie di vita vissuta tra la strada e il jet-set, di grandi e fugaci amori, di amicizie e dissing, di un grande successo e di rischi, di sperimentazione e di contrasti. Una storia, insomma, che ha le fattezze di un film o di un romanzo, ma è vera e capace di segnare con i suoi alti e bassi un intero panorama musicale ed esistenziale che ancora oggi ha moltissime cose da dire.
18,00

La tortura

Henri Alleg

Libro: Copertina morbida

editore: Einaudi

anno edizione: 2022

pagine: 136

Un memoir la cui attualità non smette mai di bruciare e riguardarci da vicino. Henri Alleg nel 1957, al culmine della guerra in Algeria, è il direttore del quotidiano comunista «Alger républicain», dalle cui colonne denuncia i metodi brutali degli occupanti. Quando il giornale viene dichiarato fuorilegge è costretto a darsi alla clandestinità. Alleg è cittadino francese, cresciuto a Parigi e trasferitosi in Algeria per prendere parte a una lotta che sente appartenergli. Eppure, alla sua cattura, l'esercito francese, per ottenere informazioni sulla rete di contatti della resistenza, non esita a sottoporlo al trattamento che toccava a tutti i militanti anticolonialisti catturati: waterboarding, elettroshock, ustioni in ogni parte del corpo. Molti non ne uscivano vivi. Alleg non solo ne esce vivo ma con lui sono sopravvissute anche le sue parole, scritte nelle condizioni estreme della prigionia, fatte trapelare di nascosto, e cariche di una potenza che ancora oggi non ha pari. «La "tortura" non è nulla di inumano; è solo un crimine ignobile e lurido, commesso da uomini contro altri uomini, e che altri uomini ancora possono e debbono reprimere... Alleg ha strappato la tortura alla notte che la ricopriva; avviciniamoci, guardiamola alla luce» (Jean-Paul Sartre). Con una postfazione storica di Caterina Roggero sulla guerra d'Algeria. Introduzione di Jean-Paul Sartre.
11,00

Crederci, sempre. Perché ho fiducia nella vita, in Dio, in me stesso e nel destino

Olivier Giroud

Libro: Copertina morbida

editore: Baldini + Castoldi

anno edizione: 2022

pagine: 240

"Crederci, sempre" è l'autobiografia del centravanti del Milan e della Francia campione del Mondo in carica, che ci porta con sé in un viaggio straordinario. Partito da una piccola squadra nel sud-est della Francia, è arrivato alla gloria prima in Inghilterra e poi con la Nazionale francese con la conquista della Coppa del Mondo, per arrivare infine ai successi nel Milan. Ma Giroud era già diventato famoso nel 2012, come giovane capocannoniere del massimo campionato transalpino, segnando 21 gol e aiutando il Montpellier a conquistare il suo primo storico titolo. Dopo aver firmato per l'Arsenal nella stagione successiva ha guidato l'attacco dei gunners con 73 gol in 180 partite e li ha aiutati a vincere tre Coppe d'Inghilterra. Giunto al Chelsea, Giroud non ha smesso di trionfare: una Europa League e una mitica Champions League. Per infine arrivare al Milan, dove decide di indossare la pesante maglia numero 9, e di condurre con i suoi gol decisivi la giovane squadra di Pioli al meritato e tanto atteso diciannovesimo scudetto, conquistato arrivando davanti ai "cugini" dell'Inter, puniti con una sua doppietta nel derby di ritorno vinto in rimonta, risultata fondamentale per la vittoria finale. Un destino che pare scritto: il giovane Olivier, infatti, guardava le partite dei rossoneri in tv. Il suo idolo portava la maglia numero 7, si chiamava Andriy Shevchenko ed esultava sotto la Curva Sud di San Siro. Quella che ora la domenica scandisce forte il suo nome... Riservato per natura e per effetto dell'educazione ricevuta, Olivier Giroud si mostra, tanto in campo quanto in queste pagine, come una persona semplice, forgiata dagli alti e bassi di una carriera impegnativa e dove niente può essere dato per scontato, ma anche serio, affidabile, appassionato. In questa autobiografia si racconta in modo sincero, senza nascondere nulla ma anzi condividendo con i suoi fan importanti lezioni di vita vissuta, di coraggio e lealtà, di valori e affetti, sempre guidato dalla sua fede incrollabile.
18,00

Figlio di nessuno. Un'autobiografia senza frontiere

Boris Pahor, Cristina Battocletti

Libro: Copertina morbida

editore: La nave di Teseo

anno edizione: 2022

pagine: 304

Queste sono le memorie di una "cimice": così l'Italia fascista definiva apertamente gli sloveni di Trieste, "figli di nessuno" per un quarto di secolo. Sono i ricordi di un ragazzo derubato della sua cultura. Di un prigioniero che lotta per sopravvivere. Di un marito e padre severo e intenso. Di un uomo libero. Dall'infanzia poverissima, segnata dalle discriminazioni, alla Resistenza, dalla guerra in Libia alla deportazione nei campi di concentramento; poi il ritorno alla vita e la scoperta dell'amore, l'impegno politico, le passioni letterarie: Boris Pahor traccia insieme a Cristina Battocletti il bilancio senza reticenze di una vita trascorsa ad attraversare confini fisici e spirituali, regalandoci un autoritratto inedito e umanissimo. Mentre attorno a lui il Novecento rimescola drammaticamente le vite dei popoli lungo la nostra frontiera orientale, Pahor difende le storie dei dimenticati e fino all'ultimo, con le sue opere e in prima persona, combatte perché i giovani possano trovare quel "mondo a colori" che a lui era stato sottratto. Un testimone assoluto del nostro tempo racconta la sua vita, una lezione imprescindibile sul coraggio e la memoria. "La prima volta che realizzai di essere libero fu a Lille. Era il primo maggio del 1945 e mi trovai a camminare per le strade della cittadina francese, abbagliato e sorpreso dalle tinte forti delle case e dei negozi. Dovevo scavare nella mia memoria per trovare un simulacro della mia vita prima del lager. Ero fuggito da Bergen- Belsen subito dopo il 15 aprile del 1945, il giorno della liberazione degli Alleati."
18,00

Spiritus Movens. Biografia di don Bernardo Antonini (1932-2002)

Stefano Aloe, Edoardo Ferrarini

Libro: Copertina rigida

editore: Velar

anno edizione: 2022

pagine: 608

Italiano di nascita, era diventato russo di cuore. Amava la Russia con tutto il suo grande cuore aperto a tutti: cattolici, ortodossi, credenti e non credenti. Le sue capacità intellettuali e organizzative, la sua profonda spiritualità e preghiera erano a servizio dell'amore per tutti. Speranza contro ogni speranza, instancabile lavoro giorno e notte hanno meritato a lui una grande riconoscenza del popolo russo. Bastava dire "Don Bernardo" e tutti sapevano di chi si parlava.
40,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.