Il tuo browser non supporta JavaScript!

Arti: soggetti e temi specifici

La natura è la fonte-Nature is the source

Inge Lise Rasmussen

Libro: Copertina morbida

anno edizione: 2021

20,00

Iconografia e iconologia carmelitana. Atti del IV Convegno di Mariologia Carmelitana

Libro: Copertina morbida

editore: Libreria Editrice Vaticana

anno edizione: 2021

pagine: 168

Nei giorni 27-29 settembre 2018 si è svolto, presso il Santuario Maria Madre della Chiesa di Jaddico (BR), il IV Convegno di Mariologia Carmelitana organizzato da entrambe le famiglie carmelitane. L'iniziativa di tali Convegni ha una sua storia partita proprio da questo santuario nel 2012 quando vi fu celebrato il primo sui tratti mariani più tipicamente carmelitani. Ad esso ne sono seguiti due celebrati nel 2014 a Sassone (Roma) e nel 2016 a Maddaloni (CE), ognuno con una tematica propria del carisma mariano dell'Ordine dei Carmelitani, in un'ottica di progressiva specificazione. Il tema trattato in questo IV Convegno è di grande interesse e assai importante per vari motivi. In primo luogo, perché l'immagine, l'icona, la rappresentazione del sacro hanno provocato sempre nella storia delle religioni una certa controversia, in molte occasioni non esente da violenza. Di fronte all'abbondanza e all'esuberanza delle immagini di alcune religioni, che potremmo definire politeiste (da alcune tradizioni orientali fino alla religione greco-romana), il monoteismo ha teso a pensare che il divino non è, per definizione, rappresentabile. Dio è al di sopra di qualsiasi espressione umana, di qualunque immagine e persino di qualsiasi nozione (si pensi alla teologia apofatica più radicale). Perciò, quando rappresentiamo Dio, il sacro, il divino, creiamo idoli che, in ultima analisi, finiscono col separarci da quello che vorremmo rappresentare. In secondo luogo, il tema trattato è fondamentale perché viviamo in un'e - poca davvero "iconica": siamo immersi nella cultura dell'immagine. I moderni metodi informatici hanno relegato in un secondo piano molte forme di comunicazione tradizionali. Il messaggio breve, abbreviato, talvolta ridotto ad immagini, a dubbiose trascrizioni fonetiche o a parole sconnesse è il linguaggio più abituale tra i nostri giovani. C'è chi vede questo processo con un forte pessimismo, come un ritorno alla barbarie o un regresso ai geroglifici, con conseguenze incalcolabili per l'espressione scritta e orale; c'è poi chi, al contrario, lo vede come un ventaglio di nuove forme di espressione, di maggiori possibilità di divulgazione culturale e di nuove manifestazioni artistiche e letterarie e, perché no, di nuovi linguaggi. In ogni caso, e quale che sia la valutazione di questo processo culturale in cui viviamo, non c'è dubbio che la riflessione teologica (la catechetica, la spiritualità, la missiologia e persino la teologia sistematica) non può eludere questo tema e deve riconsiderare il senso e la missione dell'immagine nella trasmissione della fede. Né la vita religiosa in generale, né il Carmelo in particolare, possono eludere questa riflessione così necessaria al momento di prendere in considerazione la propria missione.
26,00

Imago Papae. Le pape en image du Moyen Âge à l'époque contemporaine

Libro: Copertina morbida

editore: Campisano Editore

anno edizione: 2021

pagine: 504

50,00

La trinità nell'arte

Mario Dal Bello

Libro: Copertina morbida

editore: Dei Merangoli Editrice

anno edizione: 2021

pagine: 202

Come si può rendere visibile l'invisibile? È un interrogativo al quale l'arte, fin dai primi secoli della cristianità, ha tentato di dare risposta cercando di rendere 'umano' ciò che è divino. Tentativo difficile, poiché si è trattato di rappresentare l'unità e al tempo stesso la distinzione presenti nel Dio Unitrino in forme visibili e comprensibili dall'uomo. Quindi necessariamente evocative. Però la Trinità era e resta mistero insondabile. Ma Dio è soprattutto luce. Perciò, l'arte che ha come soggetto la Trinità è intrisa di luce, sia nel pathos della Crocifissione sia nell'ansia del Giudizio Finale. Così come nelle architetture spirituali del Gotico e nei portali scolpiti del Romanico. Tuttavia, ogni immagine rievoca comunque una realtà 'altra', trascendente, richiama visioni di una bellezza nel suo profondo inattingibile. Realistica o idealizzata, umanizzata o spiritualizzata, ogni raffigurazione diventa quindi uno sforzo per 'vedere' l'Eterno. Attraverso alcuni esempi iconografici emblematici, l'autore ripercorre e analizza la storia figurativa di uno dei soggetti più rappresentati nella Storia dell'Arte, dall'Oriente all'Occidente, dall'età paleocristiana al nostro tempo.
40,00

Madonne indiane, iconografie cristiane. L'influenza dell'arte devozionale europea sulla pittura moghul

Youri Martini

Libro: Copertina morbida

editore: Lo Studiolo

anno edizione: 2021

pagine: 68

In questo breve saggio l'autore indaga le motivazioni dell'influenza esercitata dai canoni iconografici cristiani sulla pittura fiorita alla corte del Gran Moghul Akbar tra XVI e XVII secolo. Ricco apparato illustrativo a colori.
14,00

Carlos Cruz-Diez. Colore come evento di spazi. Ediz. italiana e inglese

Libro

editore: Dep Art

anno edizione: 2021

pagine: 138

Catalogo edito in occasione della mostra presso la galleria milanese Dep Art Gallery. Contiene un saggio critico di Francesca Pola, Umbro Apollonio e dell'artista stesso Carlos Cruz-Diez, oltre alla riproduzione di tutte le opere in mostra e diverse foto storiche.
45,00

Magazzini Generali. Le collezioni livornesi dai depositi al museo

Libro: Copertina morbida

editore: Cooperativa Itinera

anno edizione: 2021

10,00
20,00

Tesori d'arte nelle chiese del bellunese. L'altare a battenti di S. Maria a Pieve di Cadore

Libro: Copertina rigida

editore: Provincia di Belluno

anno edizione: 2021

pagine: 151

Un volume appassionante, che racconta, lavorata a trama fitta assieme al minuzioso lavoro di analisi tecnica e documentale, l'incredibile storia di intrecci, vicende umane e storiche che circondano questo prezioso capolavoro di arte sacra, realizzato sul finire del '400, ospitato nella pieve cadorina sino agli inizi dell '800 e che poi, scomposto, inizia il suo viaggio frammentato. Un viaggio che, ricostruito a ritroso, così tanto ci rivela del vivere nell'arco alpino a cavallo nei secoli, delle usanze delle botteghe, delle maestranze, dei mercanti e della devozione locale.
20,00

#Acasatuttibene. L'arte ai tempi del coronavirus: un diario corale

Libro: Copertina morbida

editore: Vanillaedizioni

anno edizione: 2020

pagine: 168

«Nato in quarantena come progetto editoriale online su espoarte.net, #acasatuttibene diventa un libro. Dal 2 aprile 2020 ad oggi tante le voci che ci hanno accompagnato, dalla Fase 1 alla Fase 3, in un viaggio corale all'interno del tempo e dello spazio. 100 artisti e 50 personalità dell'arte e della cultura, attraverso opere e testi inediti, si uniscono in un'unica voce all'interno di un volume composto da un flusso di immagini e parole come in un diario personale e, allo stesso tempo, collettivo. A Casa Tutti Bene è composto da una "teoria" di artisti, uomini e donne di cultura che hanno scelto di condividere con noi il loro tempo, oggi, così dilatato e così compresso.»
30,00

Eventi astronomici nell'arte. Un ponte tra Oriente e Occidente

Elisabeth Mantovani

Libro

editore: Edizioni Artestampa

anno edizione: 2020

Questo libro è stato scritto tra gennaio del 2019 e marzo 2020. Ad ispirare l'autrice, storica dell'arte e appassionata di storia dell'astronomia, il ripresentarsi della congiunzione di Giove e Saturno nel segno dell'Acquario (300° sull'eclittica), il 21 dicembre 2020. Sulle congiunzioni dei due pianeti superiori e dei due pianeti superiori con Marte, si era basata per centinaia di anni la scansione del tempo in cicli marcati da un grande anno cosmico di 960 anni solari. Questi aspetti astronomici sembrano poi essere alla base della letteratura apocrifa riguardante l'episodio dei Magi e la Stella ed anche, in modo indiretto, delle prime raffigurazioni figurative dei Tre Re. A partire dal Trecento, la congiunzione di Giove e Saturno sarà invece al centro di una nutrita letteratura apocalittica di cui si può ritenere iniziatore Pietro D'Ailly. Tale configurazione celeste fu quindi alla base della letteratura dei Consilia sulla peste: in particolar modo la congiunzione di Giove e Saturno in Acquario venne ritenuta per secoli la causa primaria della diffusione delle epidemie. Nel XVI secolo tale congiunzione sarà oggetto delle dispute tra il cattolicesimo e il nascente protestantesimo luterano. Dipinti, incisioni e sculture accompagneranno questo percorso di ricerca e, sulla falsariga delle congiunzioni tra Giove e Saturno, sveleranno al lettore gli intrecci letterari e figurativi che legano in modo indissolubile l'Occidente con l'Oriente accomunati dall'osservazione e dalla fascinazione per gli eventi celesti. Per millenni l'osservazione delle stelle e la loro interpretazione religiosa, filosofica e artistica, sono state il riflesso del rapporto ontologico tra l'essere umano e l'universo, nel suo cammino infinito alla ricerca del divino.
15,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.