Il tuo browser non supporta JavaScript!

Archeologia

Machu Picchu. And the golden empires of Perù

Ulla Holmquist, Carole Fraresso

Libro: Copertina rigida

editore: Laboratoriorosso

anno edizione: 2021

pagine: 304

50,00

Machu Picchu. Y los imperios dorados del Perù

Ulla Holmquist, Carole Fraresso

Libro: Copertina morbida

editore: Laboratoriorosso

anno edizione: 2021

pagine: 96

25,00

Machu Picchu. And the golden empires of Perù

Ulla Holmquist, Carole Fraresso

Libro: Copertina morbida

editore: Laboratoriorosso

anno edizione: 2021

pagine: 96

25,00

La Porta Aurea di Rimini

Danilo Re

Libro: Copertina morbida

editore: ILMIOLIBRO SELF PUBLISHING

anno edizione: 2021

pagine: 96

Questo saggio può definirsi come la cronaca del travagliato ricongiungimento famigliare tra un monumento orbato di una sua parte e delle statue senza fissa dimora. I Bronzi Dorati ritrovati a Cartoceto di Pergola erano ridotti in rottami, sepolti a breve distanza dall'intersezione tra la Via Flaminia, che collega ancora Rimini a Roma, e l'antica Salaria Gallica, che andava da Fossombrone ad Ascoli Piceno. Circa nove quintali di metallo sminuzzati in oltre seicento frammenti; il faticoso restauro ha restituito un gruppo plastico composto da due uomini a cavallo e da due donne: chi erano, dove andavano? Se si cerca lungo la Via Flaminia un luogo consono alla sistemazione di bronzi dorati, sul finire del I secolo a.C., si arriva inevitabilmente all'Arco d'Augusto di Rimini. L'ipotesi e tutt'altro che peregrina, bizzarro piuttosto che non sia mai stata avanzata prima d'ora: Arco e Bronzi sono coetanei, hanno caratteri simili e formano un equilibrato connubio, completandosi a vicenda.
20,00

Adriano e Roma. I monumenti come manifesto politico del nuovo impero

Alberto Giudice

Libro: Copertina rigida

editore: Bonanno

anno edizione: 2021

pagine: 96

Quali sono i motivi che spinsero Adriano a intraprendere un'ampia politica edilizia a Roma? Perché l'attività edilizia dell'imperatore si concentrò in alcuni settori dell'Urbe? Per quale motivo il princeps finanziò la costruzione del tempio di Matidia nel Campo Marzio? Attraverso l'analisi delle fonti letterarie, archeologiche e numismatiche, l'autore risponde a questi quesiti riuscendo a evincere come la politica urbanistica promossa da Adriano a Roma avesse la funzione di comunicare ai maggiorenti della città e ai sudditi l'ideologia del potere dell'imperatore.
12,00

Le mura poligonali. Atti del settimo seminario

Libro: Copertina morbida

editore: Valtrend

anno edizione: 2021

pagine: 224

Il tema delle mura ciclopiche, poi diventate pelasgiche era, agli inizi del XIX secolo, oggetto di interesse e di studi a livello internazionale. In un primo tempo l'interesse per questi centri, in Italia e nel Lazio in particolare, coinvolse quasi esclusivamente i viaggiatori di scoperta che pur di analizzare le imponenti strutture in poligonale, affrontavano viaggi elaborati a causa della carenza di infrastrutture viarie e di accoglienza. Tra il 1808 e il 1809 John Izard Middleton, Edward Dodwell e sir Grenville Temple si recarono in varie cittadine del Lazio per confermare l'ipotesi di Petit Radel di un'origine pelasgica delle città saturnie. Di questo itinerario Middleton ha lasciato numerosi disegni colorati ad acquerello così come Dodwell che, durante i suoi viaggi, realizzò circa 400 disegni. Sia Middleton nel 1812, che Dodwell nel 1834, pubblicarono opere sulle mura ciclopiche in relazione al mito dei Pelasgi. L'attribuzione delle mura a questo mitico popolo, di cui le fonti letterarie antiche avevano tramandato tante fascinose attestazioni, fece scattare un forte interesse verso queste imponenti cinte murarie.
38,00

Populonia, dalle origini alla fondazione di Piombino

Enrico Beni

Libro: Copertina morbida

editore: La Bancarella (Piombino)

anno edizione: 2021

pagine: 320

Populonia storia politico sociale dalle origini alla fondazione di Piombino. Nuova edizione aggiornata con numerose schede tratte da "Populonia" di Antonio Minto. Questa storia di Populonia a metà tra il divulgativo e il saggio storico narra la storia di una delle città etrusche molto importanti dal lato mineralogico, metallurgico ed economico. Purtroppo le varie distruzioni della città compiute prima dai romani poi dai barbari hanno disperso i caratteri originali della città sepolti sotto le macerie, insieme a varie opere d'arte, per la maggior parte trafugate dai conquistatori dai templi e dalle piazze della città. Tra le opere di valore sfuggite poi ai tombaroli ci piace ricordare l'Apollo di Piombino, il cui originale è al Louvre, e un anfora d'argento di epoca romana ora al museo archeologico di Piombino. Partendo dalla preistoria si è cercato di dare al lettore una visione d'insieme tenendo conto del principio che la storia è tutto quello che succede attorno a noi e non solo quella di alcuni aspetti o personaggi. La storia è come la vita: scorre lentamente e quasi anonima le piccole azioni quotidiane la costruiscono; e i grandi fatti (quando accadono), sono il frutto di questa somma di piccole azioni, come la goccia, che fa traboccare il vaso: solo allora ci accorgiamo che qualcosa è cambiato. Così attraverso i piccoli fatti politici sociali e ambientali abbiamo ricostruito la storia della città attraverso i secoli cercando di essere più esaurienti possibile. Numerose note e schede suggeriscono approfondimenti per chi vuole saperne di più, insieme alla bibliografia di cui ci siamo serviti per approfondire i periodi storici e documentare le ultime ricerche sul territorio. Nel libro sono presenti dei collegamenti al WEB tramite l'App QR utili per approfondire i periodi storici e documentare le ultime ricerche sul territorio.
20,00

Dossier Necropoli. La nascita del Parco Archeologico di Via Marche. Storia, documenti e testimonianze

ANNA MASELLA

Libro: Copertina morbida

editore: Edita Casa Editrice & Libraria

anno edizione: 2021

pagine: 240

Questo Dossier rappresenta il resoconto di un lungo iter che ha portato al recupero e alla valorizzazione di un sito archeologico destinato alla distruzione, per realizzare, al suo posto, box auto sotterranei. La lunga "battaglia" burocratica, iniziata nell'agosto del 1994, si è protratta sino agli inizi di questo secolo, quando il sogno, lungamente atteso, si è realizzato. Ora il complesso tombale dell'antica Necropoli magno greca è lì, custodito e trasformato nel Parco Archeologico di via Marche a Taranto. Fautori di quest'opera di "salvezza" sono stati gli Amministratori locali, provinciali e nazionali, la Soprintendenza Archeologica della Puglia, il Movimento Federativo Democratico, le numerose figure di spicco del panorama culturale cittadino, la stampa e le TV locali, come si evince dall'ampia documentazione allegata cronologicamente a questo Dossier.
22,00

La bibliografia di informatica archeologica nella cultura digitale degli anni Novanta

Alessandra Caravale, Paola Moscati

Libro: Copertina morbida

editore: ALL'INSEGNA DEL GIGLIO

anno edizione: 2021

pagine: 158

A trent'anni dalla fondazione della rivista «Archeologia e Calcolatori», si è pensato di avviare, all'interno della collana Futuro Anteriore, una nuova serie editoriale dal titolo "30 anni di informatica archeologica" per ripercorrere alcune tappe che hanno segnato il cammino di un'attività di studio e di diffusione dei risultati della ricerca scientifica in un settore caratterizzato dall'interdisciplinarità. Il primo volume è dedicato all'esame critico della Bibliografia di informatica archeologica, pubblicata sotto forma di rassegna in calce ai primi dieci numeri della rivista e oggi aggiornata e consultabile in rete nel Virtual Museum of Archaeological Computing. Un'analisi retrospettiva, ma anche prospettica, ha così costituito lo spunto per descrivere il panorama culturale internazionale degli anni Novanta, collegandolo alle conquiste dei decenni precedenti e parimenti alle sfide degli anni a seguire, che hanno orientato il corso dell'archeologia digitale del nuovo Millennio.
29,00

Il teatro romano di Albintimilium. Restauri e ricerche (2011-2017)

Libro: Copertina morbida

editore: SAGEP

anno edizione: 2021

pagine: 240

Ad oltre settant'anni dall'edizione nel 1950 della prima e unica monografia scientifica moderna sugli scavi archeologici nella città romana di Albintimilium, ad opera del grande archeologo imperiese Nino Lamboglia con il volume Gli scavi di Albintimilium e la cronologia della ceramica romana, Parte I, Campagne 1938-40, si propone una seconda monografia dedicata all'area del teatro della città, il monumento pubblico di età classica più conservato e rilevante dell'attuale Liguria. La felice circostanza che ha permesso la realizzazione del volume è il progetto di restauro e di rifunzionalizzazione del teatro romano. Nel volume sono raccolte tutte le indagini che hanno preceduto e accompagnato tale complesso intervento, avviato nel 2011 e concluso nel 2017, compresi un nuovo rilievo geo-riferito delle strutture, la lettura stratigrafica muraria, le analisi archeometriche ed un nuovo saggio di scavo stratigrafico ad opera di un'équipe multidisciplinare di studiosi e ricercatori afferenti a diverse discipline
50,00

Rituels religieux et sensorialité (Antiquité et Moyen Âge). Parcours de recherche

Libro: Copertina morbida

editore: Silvana

anno edizione: 2021

pagine: 488

28,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento