Il tuo browser non supporta JavaScript!

Archeologia

Archeologia della Mesopotamia antica

Libro: Copertina morbida

editore: Carocci

anno edizione: 2015

pagine: 422

Sulle rive dei fiumi Eufrate e Tigri sono nate le prime comunità urbane che hanno inventato la scrittura ed elaborato pensieri e immagini fondanti la nostra cultura contemporanea. Il libro ripercorre la densa realtà storica dei popoli (Sumeri, Accadi, Amorrei, Cassiti, Babilonesi e Assiri) che si sono succeduti e hanno coabitato nella terra tra i due fiumi, fornendo uno sguardo d'insieme sulle scoperte archeologiche che hanno contribuito alla definizione dell'antica Mesopotamia come "culla della civiltà".
34,00

Pompei e l'Europa (1748-1943). Catalogo della mostra (Napoli, 26 maggio-2 novembre 2015)

Libro: Copertina morbida

editore: Mondadori Electa

anno edizione: 2015

pagine: 399

Pompei è luogo dai tanti percorsi di lettura. Una storia composta da anime diverse, stratificata nel tempo, nei temi, complessa anche nella dimensione del contatto con chi la visita. Ogni percorso suscita domande, possibilità di narrazione cui solo in minima parte risponde, nel dettaglio, la visita al parco archeologico. È la complessità della vita quotidiana, politica, sacra di una città antica fermata all'improvviso dalla catastrofica eruzione del 79 d.C. Il patrimonio pompeiano è solo in parte composto dalle case, dalle botteghe, dai luoghi pubblici, che quotidianamente migliaia di turisti visitano. La restante parte vive una vita più oscura, suddivisa tra il Museo Nazionale di Napoli e i vari depositi della Soprintendenza Speciale per Pompei, Ercolano e Stabia. È un patrimonio di oggetti capace di completare quanto si conserva sul sito e dalle cui relazioni è possibile trarre le tante storie e rispondere in maniera immediata agli interrogativi che una visita anche distratta al sito solleva, dalle domande più semplici ai quesiti storico-scientifici più complessi. L'esposizione temporanea rappresenta, a fronte di un patrimonio dai sensi di lettura così complesso, una risorsa nota, permettendo di presentare al pubblico il patrimonio nascosto e contemporaneamente di mutarne il senso di lettura, coagulando intorno a temi e argomenti sempre diversi le collezioni.
40,00

Civiltà sepolte. Il romanzo dell'archeologia

C. W. Ceram

Libro

editore: Einaudi

anno edizione: 2015

pagine: 530

C. W. Ceram si è proposto, in questo libro ormai divenuto un classico, "di mettere in luce il carattere appassionante, drammatico, profondamente umano" delle ricerche archeologiche. In sua compagnia assistiamo ai favolosi trionfi registrati nelle scoperte di civiltà scomparse, al seguito di archeologi, scavatori, ostinati studiosi come Schliemann o Thompson, di quanti hanno rivelato civiltà dimenticate di cinquemila anni or sono. Partendo dal primo teorico della nuova scienza, Winckelmann, e giungendo alle moderne esplorazioni americane nei territori dei Maya e degli Aztechi, Ceram traccia un'avventurosa storia dell'archeologia nei suoi principali teatri: il Mediterraneo, l'Egitto, la Mesopotamia, l'America.
17,00

L'ora incerta

Luigi Spina

Libro: Copertina rigida

editore: Mondadori Electa

anno edizione: 2015

pagine: 171

"Il saggio di Ferdinando Castagnoli, che si è scelto di ripubblicare in questo volume, si apre con una citazione di Giacomo Boni, per il quale "il più grande libro della storia umana, la storia della vita di Roma" giaceva sepolto sotto il "mezzo miglio quadrato del Foro". A un secolo dall'impresa dello studioso cui si deve, in massima parte, l'attuale assetto del Foro Romano e a più di trent'anni dalla sintesi di Castagnoli, altre considerazioni possono aggiungersi, che molto devono ai risultati dell'intensa stagione di ricerche e di elaborazione del pensiero avviata da Adriano La Regina. La prima è che l'azione di conservazione del patrimonio archeologico si è estesa, in maniera sistematica e coerente, sino alle estreme propaggini del suburbio, nell'ambito di un'attività di tutela che non ha mai subito interruzioni: oltre all'eccezionale contesto dell'Appia, con il complesso della Villa dei Quintili, con Santa Maria Nova e con Capo di Bove, è significativo l'esempio di Gabii, una vastissima area archeologica dove, accanto alle imponenti testimonianze di epoca imperiale, spiccano resti eccezionali che costituiscono un degno contraltare e complemento di quella Roma arcaica che trova nel Foro e Palatino il suo fulcro; e i complessi delle Tombe della Via Latina e della Villa di Livia a Prima Porta, da poco restaurati e riaperti al pubblico. La seconda considerazione è che, da una quindicina di anni, la tutela si è dovuta misurare con l'enorme afflusso di turisti..." (Mariarosaria Barbera)
35,00

Fiabe e racconti popolari del Kurdistan

Libro: Copertina morbida

editore: Scienze e Lettere

anno edizione: 2015

pagine: 200

25,00

Telling findings. Translating islamic archaeology through Corpora

Gianna Fusco

Libro: Copertina morbida

editore: LED Edizioni Universitarie

anno edizione: 2015

pagine: 120

22,00
22,00

Identità nascoste. Dallo studio del cranio umano alla ricostruzione virtuale del volto

Raoul Carbone, Enrica Pinchi

Libro: Copertina morbida

editore: UNIVERSITALIA

anno edizione: 2014

pagine: 114

Alla scoperta del passato, sfruttando le tecnologie di oggi. Il volume propone un nuovo metodo di indagine della Storia, che preserva il rigore scientifico, ma presenta i risultati in una forma innovativa e coinvolgente. Attraverso il software per la scultura 3D ZBrush, sarà mostrato come è possibile ricostruire alcuni crani di epoca medievale, rinvenuti a Santa Severa (Roma). Il lavoro è un esempio di studio multidisciplinare dei resti archeologici. Un risultato possibile ottenuto grazie a un'alleanza di tre diversi approcci :archeologico, antropologico e informatico. Le ricostruzioni facciali nel lavoro confermano il grande potenziale della computer grafica non solo nell'industria dell'intrattenimento, ma anche nella ricerca scientifica.
10,00

I mitanni alla corte del faraone

Antonio Crasto

Libro: Copertina morbida

editore: Harmakis

anno edizione: 2014

pagine: 181

La XVIII dinastia egizia vide la presenza di alcuni sovrani guerrieri (Thutmose I, Thutmose III e Amenhotep II) che svolsero un'azione di conquista e controllo delle città stato del Vicino Oriente, incrementando considerevolmente i tributi che annualmente arricchivano il tesoro del regno. La dinastia si caratterizzò anche per il nascere di due anomalie religiose: il regno del faraone donna Hatshepsut, matrigna e coreggente di Thutmose III, e il periodo "eretico" di Akhenaton (donna). La comprensione di queste "eresie" porta a riconsiderare la religione egizia, ipotizzando un'antica religione stellare, basata su 8/12 divinità associate agli astri del Sistema solare. L'originale visione di una dea madre stellare (Horus l'antico/Hathor) e un dio padre stellare (Ra/Horakhty) venne sostituita dal Mito di Osiride, che, ispirandosi a una catastrofe planetaria che coinvolse alcuni pianeti del Sistema solare, costruì un'allegoria del Diluvio Universale del 5500 a.C., creando alcuni importanti sincretismi degli dei stellari: Hathor, Sah e Apophys, con gli dei terreni: Iside, Osiride e Set.
27,00

Il calendario sothiaco del monte Menna. La scienza e il sacro agli albori della scoperta del tempo

Bruno Cavagna

Libro: Copertina morbida

editore: & MyBook

anno edizione: 2014

pagine: 258

L'Autore, dopo aver individuato a 2000 metri d'altezza, sul Menna, montagna delle Prealpi Orobiche, un sito archeologico costituito da pietrame disposto in forma genericamente circolare, provvede ad un'analisi dettagliata con approccio tipico dell'archeoastronomia. Ciò che emerge è l'incredibile documentazione della scoperta di un calendario basato sulle levate eliache di Sirio. Simili calendari appartengono tipicamente alla cultura Egizia che proprio sulla Levata Eliaca di Sirio stabilì il proprio Capodanno. Il calendario sothiaco del monte Menna, rappresenta, in tal modo, una scoperta eccezionale per far luce sulle frequentazioni di popoli legati alla civiltà egizia in aree geografiche tanto distanti dalle regioni del Nilo e fornisce un contributo davvero importante per la migliore conoscenza dei calendari egizi così strettamente correlati alla definizione delle cronologie dinastiche di quella civiltà.
48,00

Gli affreschi delle cripte eremitiche pugliesi

Alba Medea

Libro

editore: Capone Editore

anno edizione: 2014

pagine: 264

25,00

Archeologia e intercultura. Integrazione culturale attraverso l'educazione al patrimonio archeologico

Libro

editore: Vannini

anno edizione: 2013

pagine: 130

Nel libro sono raccolti gli atti del corso di formazione "Archeologia e intercultura. Integrazione culturale attraverso l'educazione al patrimonio archeologico" (Brescia, Sala Piamarta, novembre-dicembre 2009) ideato e organizzato da Ma_net, Rete dei Musei Archeologici di Brescia, Cremona e Mantova. L'idea del corso fondava sulla considerazione che il museo archeologico, nato dall'esigenza di conservare il passato a favore delle generazioni future, risente fortemente della complessità e delle contraddizioni della società moderna. Proprio la sua missione educativa, volta a comunicare idee e concezioni di vita inesorabilmente lontane nel tempo, lo rende d'altro canto luogo ideale per il confronto e la mediazione culturale. In questo testo è fornito un quadro delle linee guida, dei concetti base e delle buone pratiche in corso nell'Italia settentrionale, non limitandosi strettamente a quelle di ambito archeologico, ma aprendosi al confronto con i musei etnografici, affini tra l'altro per la tipologia di parte dei materiali esposti e per il legame particolarmente sentito col territorio di riferimento.
15,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento