Il tuo browser non supporta JavaScript!

Archeologia

Il mestiere dell'archeologo

Daniele Manacorda

Libro: Copertina morbida

editore: Edipuglia

anno edizione: 2020

pagine: 602

Che cosa significa oggi essere archeologo? Quali sono i principali campi di applicazione dell'archeologia del XXI secolo? Daniele Manacorda risponde a questi interrogativi in un volume che raccoglie più di trent'anni di rubriche pubblicate nella rivista Archeo. Un libro per curiosi e appassionati, che si presta a diventare una vera e propria palestra di metodo per chi si accosta all'archeologia per lavoro o per esigenze di studio. Le rubriche offrono al lettore pensieri sparsi, in forma quasi di taccuino, dove è possibile rileggere i capitoli più significativi del percorso di ricerca e docenza di Daniele Manacorda. Le sue osservazioni non appaiono mai dogmatiche, sono semmai spunti per nuovi interrogativi, che ci spingono a reinterpretare criticamente la complessità del reale. Ne viene fuori un ritratto originale dell'archeologia che, prima ancora di una disciplina, è una lente attraverso la quale scrutare la realtà che ci circonda, ma anche uno strumento per ritrovare il passato nel nostro presente e il presente nel nostro passato. Prefazione di Andreas Steiner. Introduzione di Mirco Modolo.
50,00

La media valle del Tammaro. Il fiume, gli insediamenti, i paesaggi dalla Repubblica alla tarda antichità

Daniela Musmeci

Libro: Copertina morbida

editore: Edipuglia

anno edizione: 2020

pagine: 180

L'interesse per la media valle del Tammaro fornisce fondamento a una ricerca che si pone come obiettivo la ricostruzione dei paesaggi antichi e dei sistemi insediativi in un contesto rurale di importanza storica e archeologica per la comprensione delle vicende del Sannio interno. Il volume ricompone un quadro organico delle principali vicende che si sono succedute tra Repubblica e Tarda Antichità, armonizzando una documentazione non sempre omogenea, ma ogni volta valutata in rapporto all'affidabilità e alla qualità delle informazioni, e arricchendola di nuove conoscenze grazie ad un approccio di carattere globale alla realtà territoriale. Si materializzano, così, le tappe fondamentali del popolamento e le immagini di quei processi insediativi che hanno interessato nel corso del tempo la media valle del Tammaro; la ricostruzione si snoda su piani diacronici coerenti con quei macro fenomeni storici che hanno plasmato, con forme di continuità e di discontinuità, quest'area di confine, liminare tra la colonia latina di Beneventum e i Ligures Baebiani.
50,00

Nerone, Roma e la Domus Aurea

Eric M. Moormann

Libro: Copertina morbida

editore: Arbor Sapientiae Editore

anno edizione: 2020

pagine: 94

Nel corso di questo saggio si è posto l'accento soprattutto sulla realizzazione del padiglione della Domus Aurea sul colle Oppio e sul suo arredo decorativo. Questo edificio fa parte di un complesso che comprendeva le molte esigenze di Nerone come dinasta e come erede della cultura ellenistico-romana. La combinazione di componenti diversissime in termini di funzione, forma ed importanza, sottolinea il desiderio dell'imperatore di poter soddisfare tutte le sue esigenze dentro le mura di Roma, sia quelle urbane che quelle extraurbane. Poteva "vivere come un uomo" nel vero senso dell'espressione: qui era il sovrano assoluto, residente in uno dei palazzo imperiali sul Palatino; qui era l'artista che si circondava da opere d'arte e forse anche dava delle presentazioni in una delle cenationes dei suoi palazzi; qui era anche il paesano, cacciatore, pescatore e raccoglitore delle raccolte terrestri, mentre queste opere bene consentivano di approfittare dell'ozio al mare o in campagna.
25,00

Displacements. Continuità e discontinuità urbana nell'Italia centrale tirrenica

Libro: Copertina morbida

editore: Quasar

anno edizione: 2020

pagine: 196

20,00

Le case di Pisa. Edilizia privata tra età romana e Medioevo

Libro: Copertina morbida

editore: All'Insegna del Giglio

anno edizione: 2020

pagine: 192

Gli atti del convegno "Le case di Pisa" pongono l'accento sull'edilizia privata della città tra Età romana e Medioevo, facendo emergere dati inediti o solo parzialmente pubblicati di scavi recenti, ma anche molto lontani nel tempo. L'intento è quello di tornare al dato archeografico (troppo spesso trascurato in favore di sintesi più generali), qualunque sia la qualità della documentazione di partenza, con lo scopo di seguire il processo interpretativo, mostrando anche il "backstage", per usare una metafora cinematografica, talvolta dato per sottinteso o scontato. I contributi presentati seguono un approccio analitico e nello stesso tempo critico alla lettura dei resti archeologici, offrendo nuovi dati sulle "case di Pisa" romana e medievale, differenti per forme architettoniche, materiali costruttivi e distribuzione nello spazio urbano e suburbano di una città dalla stratificazione plurimillenaria. Il volume costituisce dunque un aggiornamento imprescindibile per tutti coloro che si occupano di archeologia pisana.
35,00

Lazio e Sabina. Atti del Convegno (Roma, 8-9 giugno 2015). Volume 12

Libro: Copertina morbida

editore: Quasar

anno edizione: 2019

pagine: 368

65,00

Il fregio dell'arco di Susa. Un accordo stipulato 2000 anni fa

Libro: Copertina morbida

editore: Edizioni del Graffio

anno edizione: 2019

pagine: 44

10,00

Pompei. Il tempo ritrovato. Le nuove scoperte

Massimo Osanna

Libro: Copertina rigida

editore: Rizzoli

anno edizione: 2019

pagine: 416

È l'alba del novembre 2010. Poco prima che aprano i cancelli ed entrino i visitatori, a Pompei collassa uno degli edifici più celebri, la Schola Armaturarum. La notizia fa il giro del mondo, i giornali italiani e internazionali denunciano a gran voce lo stato di incuria in cui versa il fiore all'occhiello del patrimonio archeologico del nostro Paese. Sono passati quasi dieci anni da allora. Anni intensi e di duro lavoro, che hanno permesso, grazie soprattutto all'avvio del Grande Progetto Pompei, di mettere in sicurezza la maggior parte delle rovine, di riprendere le indagini e gli interventi di scavo, di valorizzare al meglio quello che Chateaubriand definiva "il più meraviglioso museo della Terra". Massimo Osanna, oggi al secondo mandato da direttore generale del Parco Archeologico, è - insieme a una nutrita squadra di collaboratori - uno dei protagonisti della "resurrezione", ed è lui a guidarci in queste pagine tra le nuove scoperte realizzate negli ultimi anni. Affreschi, come la celebre immagine di Leda e il cigno rinvenuta nel 2018; splendidi mosaici come nella Casa di Orione, ricchissime domus rimaste sepolte fino a oggi, e ancora pitture, graffiti, architetture che vengono qui presentati per la prima volta in forma estesa al grande pubblico. Al contempo, Osanna ci restituisce "il presente di duemila anni fa", illustrando con registro divulgativo ma approccio scientifico dove e come vivevano gli uomini e le donne travolti dall'eruzione del Vesuvio nel 79 d.C., cittadini di una città che non è mai morta davvero. Una biografia dei pompeiani che passa anche per gli oggetti (monete, gioielli, vasi, amuleti) e per le abitudini (dai ludus con i gladiatori e le bestie alla dieta), fino al momento fatale in cui il vulcano irrompe e immobilizza il fluire della vita. Un libro non solo per specialisti, corredato da immagini inedite, capace di farci "ritrovare" il tempo di Pompei, un eterno quotidiano - per molti versi così simile al nostro - conservato nei secoli sotto una spessa coltre di ceneri e lapilli.
20,00

I Celti e il Veneto. Storie di culture a confronto

Giovanna Gambacurta, Angela Ruta Serafini, Federico Biondani

Libro: Copertina morbida

editore: Ante Quem

anno edizione: 2019

pagine: 204

Se usata con uno sguardo "da reporter", l'archeologia sa essere una chiave di lettura attuale ed obiettiva nella conoscenza delle relazioni tra culture: in questo caso i Celti da un lato, con i loro oggetti, armi, nomi, e il Veneto antico dall'altro, che importa, rielabora, si confronta con questo mondo inizialmente estraneo, poi sempre più coinvolto nelle vicende italiche. La distribuzione territoriale dei materiali archeologici e le liste analitiche dei rinvenimenti costituiscono il palinsesto di una narrazione che sapientemente le autrici dipanano attraverso cinque secoli di storia, dai primi contatti della fine del VI-primi del V secolo a.C. fino alle soglie della romanizzazione. Scanditi in otto tempi, i diversi periodi vengono presentati mettendone in risalto i tratti più caratteristici, restituendo alla fine un'immagine dei Celti strettamente fedele alla realtà storica e un quadro vitale e poliedrico della cultura veneta antica.
22,00

Carthago. Il mito immortale

AA.VV. ( MOSTRA AL COLOSSEO -ROMA)

Libro: Copertina morbida

editore: Electa

anno edizione: 2019

pagine: 312

Questo volume viene pubblicato in occasione dell'omonima mostra, allestita a Roma presso il Parco archeologico del Colosseo dal 27 settembre 2019 al 29 marzo 2020. Il progetto curatoriale, nel suo complesso, nasce dalla scarsa attenzione finora posta sulla celebre metropoli nord-africana: mentre ai fenici sono state, infatti, già dedicate alcune esposizioni (la più celebre quella di Palazzo Grassi del 1987), Cartagine non ha goduto finora di altrettanto interesse, nonostante il progredire degli studi. Le attività di scavo e di ricerca degli ultimi decenni, dunque, conferiscono al volume un interesse scientifico, offrendo l'occasione di fornire un quadro aggiornato delle conoscenze e di segnalare anche alcune novità e scoperte di rilievo. Oltre l'archeologia lo caratterizza un tuffo nella modernità, con l'affrontare il ruolo di Cartagine nell'immaginario collettivo attraverso uno straordinario corredo iconografico contemporaneo che coinvolge la letteratura, i fumetti, la musica, i videogame, naturalmente senza tralasciare il cinema. Si è cercato dunque di affrontare con un approccio particolare un soggetto familiare ai più: Cartagine, infatti, non può non evocare immediatamente Roma, tanto furono storicamente legate le vicende delle due grandi metropoli mediterranee. Insieme al volume viene pubblicato anche il catalogo della mostra, che ripercorre sezione per sezione il percorso espositivo e presenta la totalità degli oltre 400 pezzi esposti, provenienti dalle maggiori collezioni italiane e internazionali.
39,00

Archeologia del Salento

Nicola Febbraro

Libro

editore: Libellula Edizioni

anno edizione: 2019

pagine: 308

75,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.