Il tuo browser non supporta JavaScript!

Antichità e collezioni

Claude d'Urfé's taste for antiquity: some evidence

ELENA BUGINI

Libro: Copertina rigida

editore: Universitalia

anno edizione: 2021

pagine: 87

15,00

Il manuale della cartamoneta. Metodi e tecniche di analisi

JAKUB JAN GROBORZ

Libro

editore: Youcanprint

anno edizione: 2021

pagine: 62

Quello della numismatica è un mondo complesso, per questo motivo il seguente libro punta a chiarire i concetti chiave, metodi di approccio e tecniche in grado di espandere le conoscenze di questa disciplina. Verranno commentate ed illustrate immagini per analizzare lo stato di conservazione, la ricerca dei difetti, autenticità e non solo...
10,00

Autografi falsi. Come riconoscerli e (non) collezionarli

Stefano Fortunati

Libro: Copertina morbida

editore: Autopubblicato

anno edizione: 2021

pagine: 152

Una guida ragionata sul collezionismo di autografi con acclusi dieci studi sugli autografi più falsificati al mondo.
19,90

Le monete di Lucca. Dal periodo longobardo al Trecento

Monica Baldassarri

Libro: Copertina morbida

editore: All'Insegna del Giglio

anno edizione: 2021

pagine: 168

La monetazione di Lucca è tra le più studiate sia in ambito regionale che, in parte, in quello italiano. L'antichità e la continuità operativa della zecca cittadina, attiva dall'epoca longobarda sino alle soglie dell'Età Contemporanea, hanno attratto l'attenzione degli studiosi di storia monetaria e numismatica sin dal Seicento. Sebbene siano state numerose le ricerche e le pubblicazioni sulle monete lucchesi di età medievale, diverse sono le questioni rimaste aperte e svariati gli aspetti da approfondire. I nuovi rinvenimenti, cresciuti negli ultimi cinquant'anni di sviluppo dell'Archeologia Medievale in Italia e in ambito mediterraneo, associati a rinnovati studi tipologici sui materiali e alle possibilità offerte dalle analisi archeometriche, hanno offerto alcune risposte ad antichi quesiti e ne hanno al contempo posti altri. Il volume ripercorre le principali tappe della produzione monetale di Lucca, dal periodo longobardo sino allo scorcio del Trecento, alla luce dei dati acquisiti dagli studi nel corso del tempo e di alcune evidenze ed esemplari inediti, proponendo in alcuni casi nuove classificazioni, datazioni e interpretazioni e spunti per ulteriori sviluppi della ricerca.
40,00

L'arte del danzare assieme. Ediz. italiana e inglese

Diego Cibelli

Libro: Copertina morbida

editore: Iemme Edizioni

anno edizione: 2021

pagine: 96

Alle porcellane della collezione di Capodimonte l'artista si affida come a un lasciapassare, una soglia tra il design, nume tutelare della "modernità'" e il riflesso di un mondo, di un assetto sociale, di poteri che appartengono al passato.
15,00

Museo Pietà Rondanini

Timothy Wilson

Libro: Copertina rigida

editore: Allemandi

anno edizione: 2021

pagine: 215

La «Pietà Rondanini» è l'ultima scultura realizzata da Michelangelo Buonarroti. Vi stava ancora lavorando, senza portarla a termine, nei giorni precedenti la morte avvenuta a Roma il i 8 febbraio 1564. Dopo un silenzio di due secoli sulla sorte dell'opera, il marmo riappare all'inizio dell'Ottocento nella collezione della famiglia Rondinini a Roma, nell'omonimo palazzo che consegna la «Pietà» al mondo con quel nome. Soltanto a inizio Novecento la critica comincia a interessarsene, a valorizzarne lo straordinario potere emotivo, simbolico e cultuale, fino a teorizzarne lo status di capolavoro all'interno dell'estetica del non finito. Dopo l'acquisizione milanese del 1952, l'opera è allestita nella Sala degli Scarlioni del Castello Sforzesco. Dal maggio 2015 la scultura cambia collocazione, ed è esposta nel Museo a essa dedicato nell'Ospedale Spagnolo, un edificio rinnovato e recuperato da un recente restauro, utilizzato come ospedale per i soldati malati a partire dal tardo Cinquecento. In questo volume si illustrano nel dettaglio tutte le fasi che hanno preceduto lo spostamento della «Pietà», il restauro dell'Ospedale Spagnolo del Castello, la sua storia, e il nuovo allestimento, curato dall'architetto Michele De Lucchi. Inoltre, una parte significativa della trattazione è dedicata allo studio delle premesse che portarono all'acquisto del prezioso marmo da parte del Comune di Milano, dove un ruolo determinante ebbe l'allora Soprintendente di Brera Fernanda Wittgens. Partecipano alla stesura di questo volume tutte le professionalità intervenute alla realizzazione dell'ambizioso progetto: dare una nuova casa alla «Pietà Rondanini» e valorizzare un'area del Castello meno conosciuta, ma che è stata disvelata ora nella sua importanza storica e nella sua dimensione emozionale.
60,00

Gigante 2022. Catalogo nazionale della cartamoneta italiana

Claudio Bugani

Libro: Copertina morbida

editore: Gigante

anno edizione: 2021

Il catalogo Gigante della cartamoneta italiana consta di ben quattrocentoquattro pagine a colori ed è editato, annualmente sin dal 2004, dall'omonima azienda che opera nel mercato numismatico dal 1967. Il catalogo descrive e valuta, nei vari stati di conservazione, tutti i biglietti di banca e le banconote italiane stampate in Italia ed all'estero dal 1851 ad oggi. Nel catalogo, sono state inoltre inserite le emissioni d'occupazione tedesche, per quanto riguarda la prima guerra mondiale, ed alleate, per quanto riguarda la seconda guerra mondiale.
19,00

Il soldino veneziano e i suoi massari da Andrea Dandolo ad Agostino Barbarigo

Adelchi Benetton

Libro

editore: Youcanprint

anno edizione: 2021

pagine: 180

Ogni soldino veneziano è stato spettatore protagonista dei tempi e testimone delle profonde evoluzioni economiche e storiche avvenute a Venezia dalla metà del '300 all'inizio del '500, durante uno dei periodi più gloriosi dell'epopea della Serenissima. Con questo libro, si è voluto seguire l'evoluzione storico-economica di questa moneta e dare nome a chi materialmente fu responsabile della produzione di questi piccoli oggetti di uso quotidiano: gli ufficiali di zecca chiamati massari all'argento. Focus su aspetti non approfonditi, quali, ad esempio, stile e grafia delle lettere usate per le iniziali, l'uso della stella o asterisco, hanno qui consentito l'identificazione dei massari ad oggi sconosciuti e permesso di tracciarne l'attività lungo un periodo di 150 anni consentendo la creazione di un catalogo con le immagini di tutte le varianti di iniziali sino ad oggi conosciute nei soldini.
30,00

Signum. La filigrana: una pasión

Covadonga Miravalles Martínez

Libro

editore: Fiorina

anno edizione: 2021

pagine: 28

22,00
85,00

A mon povoir. La biblioteca di Francesco Sassetti, banchiere fiorentino. Catalogo della mostra (Firenze, 21 giugno-6 agosto 2021)

Libro: Copertina morbida

editore: Mandragora

anno edizione: 2021

pagine: 136

Francesco Sassetti (1421-1490) fu protagonista di una delle più sfolgoranti carriere tra gli uomini d'affari del Rinascimento. Divenne giovanissimo uomo di fiducia della famiglia Medici, curatore del Banco di Avignone e poi di Ginevra per poi ottenere nel 1459 l'incarico di direttore generale del Banco fiorentino, che ricoprì fino alla morte. Uomo di grande ricchezza e prestigio come testimoniano l'acquisto di Villa La Pietra, sulla via Bolognese, e la realizzazione della cappella di famiglia entro la chiesa di Santa Trinita, raccolse nella vita una imponente biblioteca. Una parte consistente dei manoscritti che erano in suo possesso entrò a far parte della biblioteca della famiglia Medici e per tale ragione è attualmente conservata nella Biblioteca Medicea Laurenziana, che lo omaggia con una mostra dedicata. Il catalogo presenta la selezione di manoscritti, a partire dai più antichi, originari della Francia e acquistati durante i soggiorni d'oltralpe. Seguono i manoscritti prodotti in ambiente fiorentino a partire dagli anni settanta del V secolo dai tre copisti più rappresentati nella biblioteca di Francesco: Hubertus W., conosciuto per aver lavorato per il celebre libraio Vespasiano da Bisticci, Bartolomeo Fonzio, umanista di spicco, segretario e collaboratore dal 1471 di Sassetti, e suo fratello Niccolò Fonzio. Un'ultima sezione è infine dedicata ad altri copisti, coevi di Sassetti, ai quali furono commissionati codici per la sua biblioteca: tra essi spiccano i tre splendidi manoscritti liviani di mano di Giovanfrancesco Marzi da San Gimignano.
14,00

Catalogo degli incunaboli della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze

Libro: Copertina morbida

editore: Nerbini

anno edizione: 2021

pagine: 572

La collezione di incunaboli della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze è una delle più ricche e complete nel panorama delle biblioteche italiane e quindi rappresenta una tappa fondamentale per chiunque voglia avvicinarsi alla storia della stampa del XV secolo. Sono qui raccolti esemplari della produzione veneziana, romana, milanese, oltre che fiorentina e anche di alcuni centri minori, quali ad esempio Foligno, Gaeta, Messina, Ascoli, L'Aquila, senza contare le numerose edizioni stampate all'estero. Nonostante l'importanza del fondo di questo Istituto, non esisteva ancora, fino ad oggi, una catalogazione completa e aggiornata. Questo volume, senz'altro imponente, colma tale lacuna e presenta, per la prima volta, un catalogo completo degli incunaboli della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze ordinati alfabeticamente per autore, con numerazione progressiva. Ampio spazio è dato, infatti, alle schede che presentano sia i riferimenti bibliografici che una descrizione completa dell'esemplare e che sono integrate, nella parte finale, da accurati indici tematici (delle collocazioni, dei luoghi di stampa, delle provenienze, dei possessori e dei tipografi). Questo volume si configura quindi come un utile strumento di lavoro per i ricercatori e gli addetti del settore e costituisce un importante tassello per lo studio della storia delle biblioteche e del libro.
75,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.