Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Remigio Bertolino

Nìvole da prim. Nuvole di primavera

Remigio Bertolino

Libro: Copertina morbida

editore: Interlinea

anno edizione: 2019

pagine: 144

«Il suo è un mondo di silenzi, di solitudini, di nudità. Persone e voci che parlano dicendo la loro vita, aggrappandosi ai loro sentieri, descrivendo le loro abitudini, esprimendo le loro afflizioni, ma anche annunciando le loro redenzioni» scrive Giovanni Tesio a proposito di queste Nìvole da prim (Nuvole di primavera), libro di Remigio Bertolino che segna la sua piena maturità letteraria perché «con coerenza estrema e consapevolezza discreta è il poeta che più di ogni altro riesce oggi ad allineare la poesia in piemontese ai risultati della più provveduta (e pur nei suoi limiti, più nota) poesia in lingua». Presentazione di Giovanni Tesio.
14,00

L'uomo che raccontava della guerra del sale

Remigio Bertolino

Libro: Copertina morbida

editore: Neos Edizioni

anno edizione: 2017

pagine: 72

Remigio Bertolino, cantore delle montagne e delle genti di quella parte di Piemonte che confina con la Liguria, ci restituisce in queste pagine l'esaltazione e l'orrore di un'antica rivolta popolare e lo stridente contrasto fra una natura dura ma bella e la cruenta inconciliabilità delle motivazioni umane. La storia di un'impresa condannata al fallimento, che fu intrapresa per dignità e per orgoglio montanaro contro l'avidità dei signori.
11,00

Litre d'ënvern

Remigio Bertolino

Libro

editore: ARAGNO

anno edizione: 2015

Remigio Bertolino scava nel segreto della lettera. Non riproduzione di fedeltà antropologica, ma trasmutazione alchemica, un mondo capace di liberare tesori. Viene da qui la 'grazia' delle sue parole esatte, precise, concrete, in cui vibra la risonanza (mai la ridondanza) del 'vento' che le muove. Quanto prosastica questa musa? Non direi prosastica se non per derivazione, per ambientazione, per habitat. Luoghi remoti, addirittura eremitici. Montagna povera, fatica, solitudine e silenzi. Figure defilate e però fantasiose, fantasticanti, fantasmatiche, persino favolose, fiabesche. Ma di certo non prosastica nella scansione dei versi, sempre collocati di giustezza. Le creature di Bertolino sono creature di poesia, che contraddicono la fatica e la povertà della loro esistenza attraverso un linguaggio solo apparentemente 'naturale'. E tuttavia è nelle loro confessioni commoventi, nelle ruggini delle loro voci ricreate che si rivela la poesia di una terra tanto desolata quanto ricca, ricca di una sua evidenza figurale: terra che si condensa in assoluto. Una sorta di fiaba senza fine, fatta di incanti e di orrori, fatta voci di morti e di vittime immolate, portatrici redente di un riscatto, che solo alla poesia s'appartiene.
10,00

La fin del mond

Remigio Bertolino

Libro: Copertina rigida

editore: Puntoacapo

anno edizione: 2012

pagine: 120

13,00

Rabeschi

Remigio Bertolino

Libro: Copertina morbida

editore: Gli Spigolatori

anno edizione: 2009

pagine: 80

10,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento