Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Piergiorgio Bianchi

Il reddito di istruzione. La strategia per rilanciare il paese parte dall'università

Piergiorgio Bianchi, Paolo A. Laddomada

Libro: Copertina morbida

editore: Egea

anno edizione: 2021

pagine: 144

Penultima per numero di laureati, tra le ultime per investimenti in istruzione universitaria rispetto al PIL, l'Italia è tra le nazioni con la più bassa offerta di borse di studio e la più alta contribuzione per tasse universitarie richiesta agli studenti. Mancando investimenti pubblici e privati in istruzione universitaria, il tessuto imprenditoriale italiano non riesce a reperire le competenze necessarie per instaurare un percorso di crescita costante. L'Income Share Agreement (ISA), innovativo strumento finanziario presentato in questo libro e teorizzato per la prima volta dal premio Nobel all'Economia Milton Friedman, potrebbe rappresentare un'arma efficace per far fronte alle carenze finanziarie che attanagliano il sistema universitario italiano. Con il suo taglio pragmatico e alla portata di tutti, il Reddito di Istruzione porta all'attenzione del grande pubblico il tema dell'università. Infatti, investire in istruzione rappresenta lo strumento chiave per lo sviluppo del capitale umano di cui il nostro Paese ha bisogno. Prefazione di Francesco Profumo. Postfazione di Mario Calderini.
18,00

FP. Il falso pollice

Piergiorgio Bianchi

Libro: Copertina morbida

editore: Tra le righe libri

anno edizione: 2021

pagine: 104

Tra gli attrezzi segreti del prestigiatore il falso pollice è certamente uno dei più utili, anzi diremmo indispensabile. Con questo minuscolo preziosissimo "gimmick" si possono eseguire decine di effetti. Il materiale utilizzato per fabbricare questo attrezzo è sempre stato diverso: metallo, gomma vulcanizzata, plastica, resina per dentisti o anche più artigianalmente cartapesta. In questo libro 27 magie scritte da un grande prestigiatore.
16,00

Dante, Lacan. «Dolce padre»

Piergiorgio Bianchi

Libro: Copertina morbida

editore: Orthotes

anno edizione: 2018

pagine: 160

La psicoanalisi non è chiamata a svelare i rapporti segreti e inconfessati tra la vita del poeta e l'opera, ma a reperire nella sublimazione poetica la verità da essa scoperta nella propria esperienza clinica. Non si tratta calare su Dante un'interpretazione a lui estranea, ma di leggere la Commedia come anticipazione della psicoanalisi: Dante precede da veggente Freud e Lacan sul cammino della parola e del linguaggio. Nel tempo presente le tecniche del controllo cognitivo, poste a guardia dello psichico, promuovono un'ortopedia linguistica che mette sotto silenzio l'esperienza di parola. Riproporre il gesto di Dante, affrontando la questione della lingua nella sua radicalità, significa restituire la parola al soggetto, affinché questi possa dire quale pena lo costringe alla ripetizione: quel godimento a-semantico e mortifero che, dannato, lo separa dal dolce mondo. Nella Commedia si annodano l'esistenza singolare e il tempo politico di Dante, la cifra unica e irripetibile dell'esperienza del poeta e il destino escatologico dell'umanità. Seguire i passi di Dante richiede la disponibilità a una lettura sintomale del poema.
17,00

Una lunga fedeltà. Il marxismo di Galvano della Volpe

Piergiorgio Bianchi

Libro: Copertina morbida

editore: Edizioni Punto Rosso

anno edizione: 2017

pagine: 188

10,00

Il sintomo e il discorso. Lacan legge Marx

Piergiorgio Bianchi

Libro: Copertina morbida

editore: Orthotes

anno edizione: 2014

pagine: 144

Marx è l'"inventore del sintomo". Accostando la nozione di sintomo alla teoria del plusvalore, Lacan pone la pulsione e i suoi destini sul versante dei processi descritti nel Capitale. Per la psicoanalisi, metafora e ripetizione sono i due aspetti in cui il sintomo si presenta. La prima è legata all'emergere di un senso nascosto ma decifrabile, la seconda insiste su di un godimento impossibile ed opaco. Lacan interroga il marxismo sul suo destino oscillante tra una verità che annuncia di separarsi dalla filosofia ed un progetto che intende sovvertire il sociale; lo invita a ripensare l'uso della politica nel momento in cui l'universale del discorso politico mostra la sua funzione di ideologia; alla psicoanalisi domanda invece di sollevare il velo sull'impossibile che il soggetto reperisce come un sapere inconscio, inventando un uso del sintomo che arricchisca l'esperienza singolare. È possibile oggi una politica che resista al dominio delle scienze cognitive e alle strategie del controllo? È chiaro che pronunciare una domanda sugli effetti di verità dei discorsi di Marx e Lacan significhi anche verificare la solidità dei dispositivi predisposti alla loro neutralizzazione.
15,00

Il campo di esperienza. Positività del sensibile e ricerca estetica in Galvano della Volpe

Piergiorgio Bianchi

Libro: Copertina morbida

editore: Orthotes

anno edizione: 2012

pagine: 160

Il campo di esperienza che Galvano della Volpe ha aperto nella filosofia italiana del Novecento non si chiude con la fine di una stagione culturale. Della Volpe si mostra fedele al progetto di una gnoseologia critica che delinea, almeno nei suoi tratti essenziali, fin dalle opere degli anni Trenta e Quaranta. Pur formatosi nell'ambito dell'attualismo, diviene ben presto sostenitore della positività del sensibile, che presenta come il versante rimosso di ogni filosofia idealistica. La ricerca intorno ai fondamenti della conoscenza si traduce, dopo l'adesione al marxismo, in una proposta estetica di ampio respiro al cui centro vi è la singolarità dell'oggetto artistico. Da filosofia del sensibile diviene gnoseologia delle arti. Della Volpe punta ad una fondazione razionale dell'estetica la quale integri le indicazioni sociologiche del marxismo con le acquisizioni della linguistica e della critica letteraria. L'estetica di della Volpe dichiara il proprio impianto aristotelico, precisandosi come teoria dei discorsi ed inducendo a riflettere sulla differenza tra pensiero filosofico (e scientifico) e linguaggio poetico.
15,00

Il lavoro del filosofo. Ragione e politica in Galvano della Volpe

Piergiorgio Bianchi

Libro: Copertina rigida

editore: Natrusso Communication

anno edizione: 2007

pagine: 168

Il volume sviluppa una riflessione ampia ed articolata sull'opera del filosofo Galvano Della Volpe, indicando l'attualità della sua rilettura del marxismo.
20,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento