Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Miriam Mafai

Pane nero. Donne e vita quotidiana nella Seconda guerra mondiale

Miriam Mafai

Libro: Copertina morbida

editore: Rizzoli

anno edizione: 2022

pagine: 320

Quando la sera del 10 giugno 1940 Mussolini annunciò all'Italia l'entrata in guerra, nessuno poteva prevedere ciò a cui si stava andando incontro. Quello che doveva essere un "conflitto lampo" durò invece cinque lunghissimi anni, durante i quali le donne assunsero un ruolo di primo piano, combattendo contro la fame, le bombe e la fatica di una guerra interminabile. Con la forza evocativa di un maestro neorealista, Miriam Mafai ricostruisce la vita quotidiana di questo esercito femminile, raccontando un'epopea che ha come scenario le città bombardate e le campagne percorse dalle fanterie di tutti gli eserciti e per protagoniste le donne, diventate capofamiglia e uniche vincitrici di un conflitto perduto. La prima storia delle donne durante la Seconda guerra mondiale. Un libro fondamentale ancora oggi per la questione femminile in Italia.
15,00

Roma cento anni fa

Miriam Mafai

Libro: Copertina morbida

editore: All Around

anno edizione: 2022

pagine: 208

Miriam Mafai, in occasione della celebrazione dell'unità d'Italia, ha scritto una documentata cronaca delle condizioni politiche, economiche e sociali, degli anacronismi, delle macroscopiche disuguaglianze nelle condizioni di vita della Roma dei papi. Anzi, di un papa, Pio IX, simbolo della Roma 1870. Introduzione di Bruno Manfellotto. Presentazione di Amerigo Terenzi.
15,00

Una vita, quasi due

Miriam Mafai

Libro: Copertina morbida

editore: Rizzoli

anno edizione: 2013

pagine: 265

"Sono nata sotto il segno felice del disordine." È l'incipit di una vita, quella di Miriam Mafai, che avrebbe conosciuto molti colpi di scena, in decenni tormentati della storia europea: le persecuzioni razziali, la guerra mondiale, la Resistenza, la parabola grandiosa e tragica del comunismo fino allo sgretolarsi di quella potente illusione. Miriam era nata in una famiglia di artisti: pittore il padre, Mario Mafai, pittrice e scultrice la madre, Antonietta Raphaël, ebrea fuggita dai pogrom della Lituania e giunta in Italia dall'Inghilterra. Visse gli anni terribili dei bombardamenti a Genova e dell'occupazione nazista a Roma, durante la quale assieme alla sorella distribuiva clandestinamente "l'Unità". Nel dopoguerra la passione fortissima prima civile e solo in un secondo tempo politica che ispirò molti della sua generazione la portò a proseguire la militanza come funzionaria del Pci in Abruzzo e assessore comunale a Pescara. Poi gli eventi del 1956, le rivelazioni del XX Congresso del Pcus, l'invasione dell'Ungheria, e il suo trasferimento a Parigi, per cominciare una nuova pagina della sua esistenza. Purtroppo, questo appassionante racconto di una donna e di un secolo si interrompe qui. L'autobiografia che per anni Miriam si era rifiutata di scrivere, e a cui aveva messo mano solo negli ultimi tempi, con impegno crescente e incalzata dalla malattia, non sarà mai terminata. La morte le ha impedito di narrarci la sua seconda vita, quella da giornalista.
10,00

Il lungo freddo. Storia di Bruno Pontecorvo, lo scienziato che scelse l'URSS

Miriam Mafai

Libro: Copertina morbida

editore: Rizzoli

anno edizione: 2012

pagine: 312

Nelle parole della grande giornalista recentemente scomparsa, la documentata narrazione della storia di Bruno Pontecorvo, fisico nucleare di fama mondiale che, nel pieno della Guerra fredda, scelse di abbandonare l'Occidente e di lavorare e vivere nell'Unione Sovietica. Grazie alla capacità della Mafai nel ricostruire gli eventi cruciali della vita di Pontecorvo in un nuovo quadro rivelatore, "Il lungo freddo" non offre solo un'inedita prospettiva sulla drammatica corsa alla bomba atomica - dalle decisive scoperte del Progetto Manhattan alla tragica esplosione di Hiroshima, dalla prima atomica sovietica alla bomba all'idrogeno - ma rappresenta soprattutto la memoria collettiva di una generazione che ha posto la politica al centro delle proprie scelte di vita. E svela i drammi umani di un conflitto che per più di quarant'anni ha diviso il mondo.
13,00

Diario italiano 1976-2006

Miriam Mafai

Libro: Copertina rigida

editore: Laterza

anno edizione: 2008

pagine: 504

"Il cronista passa - è il suo mestiere - dal Transatlantico di Montecitorio a una fabbrica occupata, dall'intervista a un segretario di partito alla partecipazione a una manifestazione di donne a difesa della legge 194. Il cronista - è il suo mestiere - registra o cerca di registrare non solo gli eventi politici, ma anche gli umori, i sentimenti, le speranze di coloro che saranno i destinatari (o le vittime, in alcuni casi) di quelle scelte. Questo 'diario' che inizia il 14 gennaio del 1976 e arriva quasi fino a oggi, non ha la pretesa di rappresentare un compendio della vita politica di questi anni. Si propone di offrire al lettore una raccolta d immagini, fotografie di uomini e donne che in modi diversi sono stati, magari per un giorno soltanto, protagonisti della storia o della cronaca. Pagine di diario, dunque, che registrano, sia pure con la rapidità e l'approssimazione di una istantanea, trent'anni della nostra vita. Sempre con la fretta imposta dal nostro lavoro ma sempre, mi sembra di poter dire, con onestà."
9,50
8,26
7,00

Il giornalista

Miriam Mafai

Libro

editore: Ensemble

anno edizione: 2016

pagine: 64

Nuova edizione di questo piccolo saggio sul mondo del giornalismo di Miriam Mafai, una delle voci più importanti della stampa italiana. Accesso alla professione, pervasività del potere politico, conformismo e docilità di tanti di noi nell'accettazione di questo potere, ruolo preminente della pubblicità, distinzione di ruolo e di gerarchia tra il giornalista "cartaceo" e quello che opera prevalentemente sul web: oggi poco è cambiato. Il che la dice lunga sulla lucidità di chi ha scritto questo testo ma anche, ahimè, sull'immobilismo della nostra informazione.
5,00

Il giornalista

Miriam Mafai

Libro

editore: Ensemble

anno edizione: 2013

pagine: 62

10,00

Una vita, quasi due

Miriam Mafai

Libro: Copertina rigida

editore: Rizzoli

anno edizione: 2012

pagine: 264

"Sono nata sotto il segno felice del disordine." È l'incipit di una vita, quella di Miriam Mafai, che avrebbe conosciuto molti colpi di scena, in decenni tormentati della storia europea: le persecuzioni razziali, la guerra mondiale, la Resistenza, la parabola grandiosa e tragica del comunismo fino allo sgretolarsi di quella potente illusione. Miriam era nata in una famiglia di artisti: pittore il padre. Mario Mafai, pittrice e scultrice la madre, Antonietta Raphaël, ebrea fuggita dai pogrom della Lituania e giunta in Italia dall'Inghilterra. Visse gli anni terribili dei bombardamenti a Genova e dell'occupazione nazista a Roma, durante la quale assieme alla sorella distribuiva clandestinamente "l'Unità". Nel dopoguerra la passione fortissima prima civile e solo in un secondo tempo politica che ispirò molti della sua generazione la portò a proseguire la militanza come funzionaria del Pci in Abruzzo e assessore comunale a Pescara. Poi gli eventi del 1956, le rivelazioni del XX Congresso del Pcus, l'invasione dell'Ungheria, e il suo trasferimento a Parigi, per cominciare una nuova pagina della sua esistenza. Purtroppo, questo appassionante racconto di una donna e di un secolo si interrompe qui. L'autobiografia che per anni Miriam si era rifiutata di scrivere, e a cui aveva messo mano solo negli ultimi tempi, con impegno crescente e incalzata dalla malattia, non sarà mai terminata. La morte le ha impedito di narrarci la sua seconda vita, quella da giornalista.
18,00

Lombardi. Una biografia politica

Miriam Mafai

Libro: Copertina morbida

editore: Futura

anno edizione: 2009

pagine: 160

10,00

Pane nero. Donne e vita quotidiana nella seconda guerra mondiale

Miriam Mafai

Libro

editore: Futura

anno edizione: 2008

pagine: 304

"Roma era felice, quel 10 giugno 1940, com'erano felici Milano, Torino, Cosenza, Bari, Palermo, Bologna, Firenze. La guerra sarebbe durata poche settimane e la vittoria era sicura. Parigi stava per cadere. Presto sarebbe caduta anche Londra. Milioni di donne preparavano la cena a milioni di uomini, mentre alle otto in punto, annunciate dall'uccellino della radio, nelle case italiane tornavano a farsi sentire le parole di Mussolini: "L'ora della decisione suprema è scoccata". Cominciò così, in una serata estiva, l'avventura di guerra dell'Italia fascista. Durò cinque anni, durante i quali centinaia di migliaia di donne combatterono la più lunga battaglia della loro vita: contro la fame, contro le bombe, contro una guerra la cui fine si allontanava di giorno in giorno, sempre di più. Con la forza evocativa di un maestro neorealista, Miriam Mafai ricostruisce la vita quotidiana di questo esercito femminile. Madri, mogli, ragazze, operaie, mondine, borghesi e principesse, ebree e gentili, fasciste e partigiane, "pescecane" e borsare nere. Ne nasce un'epopea che ha come scenario le città bombardate, le campagne percorse dalle fanterie di tutti gli eserciti, Roma, città aperta. È questa la prima storia delle donne vissute negli anni del "pane nero", anni che le videro balzare al ruolo di capofamiglia e di uniche vincitrici della guerra perduta.
15,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.