Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina
Iscriviti alla newsletter

Libri di Massimo Balducci

Un gatto che si morde la coda ovvero le riforme della pubblica amministrazione. Analisi e suggerimenti

Un gatto che si morde la coda ovvero le riforme della pubblica amministrazione. Analisi e suggerimenti

Massimo Balducci

Libro: Libro in brossura

editore: Guerini e Associati

anno edizione: 2023

pagine: 240

È sotto gli occhi di tutti che i numerosi tentativi di riformare la pubblica amministrazione italiana non stiano dando i risultati attesi. Questo dipende dal fatto che le riforme amministrative vengono concepite utilizzando gli stessi schemi concettuali e modelli teorici che causano le disfunzioni che ci si ripromette di superare. I tentativi finora posti in opera hanno affrontato i sintomi ma non le cause del malessere. Occorre compiere un salto di qualità, abbandonare l’illusione che alcuni interventi normativi possano sortire un effetto magico, acquisire una strumentazione metodologica di base e la consapevolezza che un vero cambiamento implica necessariamente una modifica radicale degli schemi mentali con cui si affronta il problema. Partendo da una profonda analisi teorica si approda a una serie di suggerimenti pratici che possono e devono essere presi in considerazione non solo e non tanto dal legislatore, ma da tutti gli operatori della pubblica amministrazione: da esperti e consulenti e da coloro che con la pubblica amministrazione sono in contatto quotidiano (professionisti, imprese e cittadini). Introduzione di Salvatore Carrubba.
25,00
Guida ai musicisti che rompono da Beethoven a Lady Gaga

Guida ai musicisti che rompono da Beethoven a Lady Gaga

Massimo Balducci, Federico Capitoni

Libro: Copertina morbida

editore: Giudizio Universale

anno edizione: 2011

pagine: 160

Questa guida ci accompagna in un viaggio che attraversa i generi musicali classica, jazz, rock, contemporanea, rap - smascherando le finte rotture di molti miti antichi e recenti. Ma soprattutto portando alla luce rotture solitamente trascurate: come quella di Orfeo, prototipo del musicista che è in grado di cambiare il mondo. O quella del madrigalista Claudio Monteverdi, che ha inventato la canzone d'autore con secoli d'anticipo. O quella di Rossini, che si ritirò dalle scene alla stessa età in cui lo fece Battisti. O ancora quella del neomelodico Tommy Riccio, che con il pezzo 'Nu latitante ha consumato la rottura più estrema: quella con la legalità. Fino ad affacciare l'ipotesi più inquietante: la sordità di Beethoven (quale rottura più azzardata di un musicista senza orecchio?) potrebbe essere stata solo una geniale operazione di marketing.
15,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.