Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Ludovico Pratesi

L'arte serve a qualcosa? Sei lezioni per capire l'arte del XXI secolo

Ludovico Pratesi

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2021

pagine: 58

Sempre più spesso sentiamo - o ci poniamo - la domanda: «A cosa serve l'arte?». E molti altri dubbi sorgono se ci riferiamo in particolare a quella contemporanea: si può capirla con gli stessi parametri dell'arte del passato? Qual è il ruolo concreto di questo tipo di arte? Se tutto può diventare arte, allora cos'è davvero l'arte? E chi è il "vero" artista? Ludovico Pratesi, che ha fatto della divulgazione uno dei punti di forza della sua attività di critico e curatore d'arte, cerca di sciogliere queste legittime perplessità attraverso sei brevi lezioni, concepite come un percorso per comprendere l'utilità dell'arte contemporanea, e offre una chiave creativa per interpretare la complessità del mondo attuale.
11,50

Kounellis

Ludovico Pratesi

Libro: Copertina morbida

editore: Giunti Editore

anno edizione: 2020

Jannis Kounellis (Pireo 1936-Roma 2017) si trasferisce dalla Grecia a Roma non ancora ventenne. Alla fine degli anni Sessanta lega il suo lavoro creativo e il suo nome all'Arte povera, con l'uso di materiali presi dalla quotidianità e un coinvolgimento del pubblico in allestimenti sempre più allusivi allo scontro fra vita reale e contesto socioeconomico. Le sue installazioni si concentrano sempre più sulla critica al sistema globale di produzione/fruizione dell'arte; si popolano di animali - vivi, macellati, imbalsamati -, di materiali come pietre, mattoni, ferro, carbone, legno. Partecipa alla Biennale di Venezia per la prima volta nel 1972. A partire dagli anni Ottanta realizzerà grandi installazioni in Messico, in Argentina, a Roma, a Firenze, a Palermo.
5,90
12,00

Claudio Cintoli immaginazione senza limiti (1962-1972)

Ludovico Pratesi

Libro: Copertina morbida

editore: Silvana

anno edizione: 2020

pagine: 64

Claudio Cintoli è un artista poliedrico e sorprendente, che sfugge alle etichette e alle definizioni, esplorando tecniche e linguaggi espressivi diversi, dal collage alla pittura, dalla scultura al video. In questa occasione viene indagata soprattutto la sua attività pittorica degli anni sessanta, attraverso alcuni dipinti mai esposti, come Speed Eclipse (1966), La voce nell'erba (1966) o Flamingos (1966-1967), provenienti da collezioni private. Si tratta di opere di grandi dimensioni con soggetti tratti dalla pubblicità ed eseguiti in uno stile del tutto personale, che ritroviamo anche nei collage, ai quali la critica non ha ancora dato il peso che meritano. Un focus su un decennio di attività (1962-1972) particolarmente fecondo per l'artista, che si conclude con Crisalide (1972), il video che documenta una delle performance più audaci di quegli anni.
22,00

L'arte di collezionare arte contemporanea nel mondo globale

Ludovico Pratesi

Libro

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2019

pagine: 160

Il principale protagonista dell'arte contemporanea nel XXI secolo è il collezionista, che agisce con mezzi e dinamiche impensabili fino a pochi decenni fa. Personaggi come François Pinault, Eli Broad, Patrizia Sandretto Re Rebaudengo o Miuccia Prada sono dei modelli per i nuovi collezionisti, che visitano le loro fondazioni per conoscere gli artisti più interessanti del momento. Questo libro racconta il significato e il senso di una collezione d'arte negli anni Duemila, spiega come rapportarsi con il mercato italiano e internazionale, quali fiere e quali gallerie seguire, quali mostre frequentare e in che modo si costruiscono i valori delle opere d'arte; fornisce le modalità per agire in un mondo complesso e articolato, capirne le regole e i comportamenti per effettuare le scelte migliori e più consapevoli. Collezionare arte contemporanea è un'avventura, che assomiglia molto a un viaggio in un mondo affollato, sfaccettato e a volte contraddittorio; uno scenario dove è difficile districarsi, comprendere quali sono le opere da acquistare, quali artisti sono destinati a una brillante carriera e quali invece a scomparire nell'arco di pochi anni. Per questo è nato un libro concepito come una sorta di bussola per orientarsi nel mare magnum dell'arte globale e avviare una collezione senza commettere passi falsi.
17,50

Contemporaneo 30x30. Trenta mostre in trent'anni

Ludovico Pratesi

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2019

pagine: 68

Ludovico Pratesi ci racconta, in trenta mostre, la sua attività di curatore dal 1989 al 2019: dalle installazioni di Kosuth e Merz ai Fori Imperiali alla prima mostra d'arte contemporanea alla Galleria Borghese. Ogni mostra viene presentata dalla sua ideazione all'inaugurazione, con molti dettagli inediti legati a grandi artisti, da Damien Hirst a Marina Abramovic, da Tony Cragg a Giuseppe Penone, da Jannis Kounellis a Michelangelo Pistoletto. Senza dimenticare gli emergenti come Flavio Favelli, Nico Vascellari, Gian Maria Tosatti e Lara Favaretto. Ogni esposizione è la tappa di un viaggio sotto il segno del contemporaneo, attraverso un percorso che tocca Roma, Milano, Pistoia, Pesaro, Catania, Pisa e Venezia.
13,50

Arte contemporanea. I protagonisti della scena globale da Koons a Cattelan

Ludovico Pratesi

Libro: Copertina morbida

editore: Giunti Editore

anno edizione: 2017

pagine: 52

Un dossier dedicato all'arte contemporanea. In sommario: L'arte contemporanea diventa globale; Gli artisti; I luoghi dell'arte contemporanea. Come tutte le monografie della collana Dossier d'art, una pubblicazione agile, ricca di belle riproduzioni a colori, completa di un utilissimo quadro cronologico e di una ricca bibliografia.
5,90
25,00

Perché l'Italia non ama più l'arte contemporanea. Mostre, musei, artisti

Ludovico Pratesi, Dario Franceschini

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2017

pagine: 92

Alla fine dell'Ottocento l'Italia, unita da poco più di vent'anni, lanciò la prima Biennale d'arte contemporanea a Venezia, diventata la più importante del mondo. Un gesto coraggioso che non ebbe seguito: all'alba del XXI secolo, il nostro Paese non possiede un grande museo degno di competere con la Tate Modern, il Moma o il Pompidou; non è riuscito a sostenere la carriera dei migliori artisti italiani delle ultime generazioni, e sembra riconoscere fama e prestigio solo all'arte del passato. Come mai l'Italia odia l'arte contemporanea? È a causa del peso del nostro patrimonio artistico o ci sono altre ragioni? Perché non sappiamo promuovere i nostri giovani talenti sulla scena internazionale? Come mai non abbiamo una grande collezione nazionale dedicata all'arte di oggi? Partendo da queste domande, il libro di Pratesi suggerisce alcune direzioni per individuare, in Italia, un nuovo rapporto con l'arte del nostro tempo.
13,50

L'arte di collezionare arte contemporanea. Orientarsi nel mercato, conoscere le strategie, guadagnare in valore e prestigio

Ludovico Pratesi

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2011

pagine: 186

Artisti, critici, galleristi, musei... sono solo alcuni dei termini che fondano l'arte contemporanea come "sistema". Ma come orientarsi nel labirinto di significati che il linguaggio della bellezza è capace di articolare? Come districarsi tra le proposte di un mercato in cui il concetto di profitto ha a che fare prima di tutto con l'immaginario? Questo libro, abbattendo decenni di esclusivismo, offre agli appassionati o ai semplici curiosi la possibilità di muoversi con cognizione di causa nel variegato mondo dell'arte contemporanea. Una preziosa agenda dedicata agli appuntamenti irrinunciabili e alle informazioni pratiche. Un viaggio dietro le quinte dei prodotti culturali alla ricerca del giusto equilibrio tra estetica e prezzo, compiuto raccontando le storie insolite di chi "ce l'ha fatta": grandi collezionisti in grado di trasformare il loro gusto personale in un affare e la loro sensibilità in un investimento dal valore insospettabile.
16,00

New italian art. L'arte contemporanea delle ultime generazioni

Ludovico Pratesi

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2011

pagine: 285

Dopo i1 successo di Maurizio Cattelan, il quarto artista italiano ad aver avuto l'onore di esporre le sue opere al Guggenheim Museum di New York, l'arte contemporanea del nostro Paese - con i suoi linguaggi e i suoi protagonisti sta attraversando un periodo di grande entusiasmo creativo. Lo storico e critico d'arte Ludovico Pratesi, noto per essere uno dei più attenti osservatori del nostro panorama culturale, presenta in questo libro una nuova generazione di artisti, tutti nati in Italia dopo il 1970, che hanno saputo inserirsi nello scenario nazionale e internazionale con ricerche interessanti e meritevoli di attenzione. Una generazione informata e consapevole, che ha dimostrato non solo di aver maturato linguaggi e modalità espressive complesse e innovative, ma soprattutto di saper affrontare le difficoltà tipiche di un contesto culturale, come quello italiano, che stenta a valorizzare le urgenze espressive più meritevoli. "New italian art" introduce collezionisti e appassionati nel mondo dell'arte emergente, selezionando sessanta autori che compongono una campionatura non esaustiva ma articolata della scena contemporanea. Un testo che accosta a nomi già affermati - come Francesco Vezzoli, Paola Pivi, Micol Assaël o Diego Perrone - quelli di giovani che con il loro lavoro e con il loro impegno stanno gettando le basi dell'arte italiana del futuro.
22,00

Gianni Ruffi. Per fermare il tempo (2008-2009)

Ludovico Pratesi

Libro

editore: Gli Ori

anno edizione: 2009

pagine: 48

10,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.