Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina
Iscriviti alla newsletter

Libri di Laura Melosi

La dolcezza ed eccellenza degli stili. Sulle «Operette morali» di Leopardi

La dolcezza ed eccellenza degli stili. Sulle «Operette morali» di Leopardi

Laura Melosi

Libro: Copertina morbida

editore: eum

anno edizione: 2021

pagine: 140

La riflessione di Leopardi intorno alla prosa morale anticipa di qualche anno la scrittura delle prime venti operette nel 1824 e fin da subito si affaccia il problema di come esprimere le verità "filosofiche" e "sentimentali" scoperte intorno al rapporto dell'uomo con i suoi simili e con la natura. Lo stile è elemento indispensabile all'affermazione del pensiero e le forme a cui Leopardi affida l'evidenza del proprio "sistema" appartengono alla tradizione letteraria alta, assunta con intenzionalità tutt'altro che accademiche, semmai per allontanare qualunque tentazione di personale affetto. Nell'affrontare aspetti specifici della storia interna ed esterna delle "Operette morali", il libro riconosce nella questione stilistica il baricentro dell'operazione leopardiana: come dire che la forza della letteratura mette lo scrittore al riparo dal rischio di un'indebita esposizione di sé, consentendogli di parlare in termini assoluti ai lettori di ogni tempo.
12,00
D'Annunzio e l'edizione 1911 della Commedia

D'Annunzio e l'edizione 1911 della Commedia

Laura Melosi

Libro: Libro in brossura

editore: Olschki

anno edizione: 2019

pagine: 116

Nel 1911 Olschki stampa una storica edizione della Divina Commedia, inaugurata da un proemio di d'Annunzio attorno al quale ruotarono per mesi i rapporti del poeta con l'editore e con Passerini, curatore dell'opera. Lo studio ricostruisce le fasi di questa tormentata collaborazione, sulla base dei carteggi e dei documenti conservati negli archivi della Casa Editrice e del Vittoriale, correggendo la versione aneddotica e a tratti incongrua dei fatti trasmessa dalle biografie dannunziane.
23,00
A perenne memoria. L'epigrafia italiana nell'Ottocento

A perenne memoria. L'epigrafia italiana nell'Ottocento

Laura Melosi

Libro

editore: Storia e Letteratura

anno edizione: 2012

pagine: 176

L'uso commemorativo e celebrativo delle iscrizioni in lingua italiana si è imposto nel corso dell'Ottocento sulla tradizione umanistica delle epigrafi latine. Il secolo borghese ha coltivato l'impiego sociale dell'epigrafia attraverso le lapidi sepolcrali e da un certo momento in poi ne ha indirizzato l'utilizzo in senso politico e patriottico con le scritture esposte nelle città. Che questo modello, proveniente dalla Francia rivoluzionaria e napoleonica, abbia contribuito nel tempo dell'Italia unita alla travagliata costruzione dell'identità nazionale è facile da documentare. Ma prima ancora, negli anni della lotta per la definizione stessa della patria, la dettatura, la raccolta e la pubblicazione di interi volumi di epigrafi italiane, da parte di autori noti e meno noti della nostra letteratura, hanno alimentato e sostenuto il processo risorgimentale in una misura che merita considerazione.
27,00
In toga e in camicia. Scritti e carteggi di Pietro Giordani
18,50
Lingua e cultura dell'Italia coloniale

Lingua e cultura dell'Italia coloniale

Gianluca Frenguelli, Laura Melosi

Libro: Copertina morbida

editore: Aracne

anno edizione: 2009

pagine: 20

12,00
Anima e scrittura. Prospettive culturali per Federigo Tozzi
20,00
Profili di donne. Dai fondi dell'Archivio contemporaneo G. P. Vieusseux
20,66

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.