Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Bruno Sartore

Tut a ven a taj. I migliori proverbi piemontesi con traduzione e commento

Bruno Sartore

Libro: Copertina morbida

editore: Giancarlo Zedde Editore

anno edizione: 2021

pagine: 120

Il saggio sui proverbi piemontesi di Bruno Sartore fa seguito al libro "Balengo, Gariboja" del 2019 dove passava in rassegna i modi di dire. Al pari di allora la cernita è stata attenta come pure la loro spiegazione. I proverbi costituiscono il corpo di un sapere popolare antico, tramandato di generazione in generazione dove gli autori sono ovviamente sconosciuti. Essi sono nati così, per l'acuta perspicacia dei più versatili ingegni popolari diffondendosi sul territorio per contagio antropico. Oggi forse nessuno è più in grado, o non ne ha più l'occasione, di crearne di nuovi. Chi oggi, per studio o per diletto, vuole non solo conoscere ma approfondire il loro significato e utilizzo può, consultando queste pagine, addentrarsi nella vita di tutti i giorni dei nostri avi per coglierne meglio il loro modo di pensare, di piangere e di ridere, cioè vivere. Ne scaturisce un mondo di tribolazioni dove l'unico appiglio era la saggezza popolare e l'esperienza quotidiana. I proverbi contenuti nel libro costituiscono una preziosa e interessante fonte genuina di studio, decisamente piacevole, che riguarda un passato ormai lontano, rivolta segnatamente ai giovani, ma sono oggetto anche di una riscoperta e ricordo per i più anziani.
13,00

Balengo, Gariboja... la più completa raccolta di modi di dire in piemontese

Bruno Sartore

Libro: Copertina morbida

editore: Giancarlo Zedde Editore

anno edizione: 2019

pagine: 80

Perché si dice: badòla, ancutì, balengo, lajan, tabaleuri, monia quàcia, ecc? E che cosa significano espressioni come Ma vajlo a conté al Lucio 'd la Venerìa oppure Fé babòja, fa nen 'l pito, fé gòga e migòga, ma vate a caté 'n cassul?
12,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.