Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di André Malraux

La speranza

André Malraux

Libro: Copertina morbida

editore: Bompiani

anno edizione: 2020

pagine: 224

"La speranza" è la storia di un manipolo di uomini che combattono nelle fila delle forze della Repubblica spagnola all'inizio della guerra, dalla metà del 1936 ai primi mesi del 1937. Un romanzo ispirato dall'esperienza diretta di Malraux, che militò nell'aeronautica repubblicana durante la guerra civile spagnola. Spiccano tra i protagonisti il francese Magnin, autoritratto dell'autore, che comanda una squadriglia di aviatori di diversa provenienza; e un altro combattente ispirato dalla conoscenza dell'intellettuale antifascista Nicola Chiaromonte. Malraux descrive senza sconti le atrocità, l'angoscia, le promiscuità della rivoluzione, ma ne esprime al tempo stesso il senso, il valore di un atto che cancella il passato, che crea una comunione più intima nel pericolo, nella lotta, nella sofferenza: la speranza. Da questo romanzo, il film omonimo realizzato dallo stesso Malraux.
16,00

La tentazione dell'Occidente

André Malraux

Libro: Copertina morbida

editore: Excelsior 1881

anno edizione: 2010

pagine: 166

14,50

La condizione umana

André Malraux

Libro: Copertina morbida

editore: Bompiani

anno edizione: 2018

pagine: 352

Una pietra miliare della letteratura mondiale, un romanzo ambientato in Cina che si svolge a seguito della insurrezione di Shangai del 1927, quando gli operai in armi, guidati dai comunisti, liberarono la città prima dell'arrivo di Chang Kai-shek alla testa delle truppe del Kuomintang. Partito comunista cinese e Kuomintang sono alleati, ma già si presagisce la tragica soluzione finale. Chang rompe l'alleanza che Stalin continuava a sostenere e questa sua ostinazione condanna i comunistial massacro. La "condizione umana" che interessa Malraux non è quella disperata di centinaia di milioni di diseredati, ma il sentimento dell'impossibilità di comunicazione con l'altro che è la caratteristica saliente dell'essere umano.
15,00

I carnet dell'URSS

André Malraux

Libro: Copertina morbida

editore: Excelsior 1881

anno edizione: 2012

pagine: 144

Nel giugno 1934, invitato al Primo congresso degli scrittori sovietici, che in agosto riunirà settecento scrittori, cinquanta dei quali stranieri, André Malraux intraprende il suo primo viaggio in URSS. Durante il suo soggiorno mette per iscritto delle note. Riporta fedelmente ciò che sente. Fa le domande tipiche di un romanziere. Sfilano così sulla scena della nuova Russia una serie infinita di comparse: bambini, contadini, donne, in un ritratto psicologico e sociale che a mano a mano si fa più completo, includendo naturalmente scrittori e artisti del tempo: Erenburg, Pasternak, Prokofiev, Eisenstein, Dovcenko, Pudovkin e molti altri. Al congresso, Malraux sfiderà la dottrina ufficiale pronunciando il celebre discorso "L'arte è una conquista", per sostenere la causa della libertà dell'artista rivoluzionario, prima di prendere definitivamente le distanze dal comunismo. Questo volume, "documento eccezionale di un'epoca eccezionale", raccoglie gli appunti messi insieme nel corso di quel viaggio, pubblicati da Gallimard nel 2007.
14,50

Picasso. Il cranio di ossidiana

André Malraux

Libro: Copertina morbida

editore: ABSCONDITA

anno edizione: 2012

pagine: 206

"Il cranio di ossidiana" è una celebrazione dell'arte del secolo pronunziata davanti alle spoglie del più grande artista del secolo; una meditazione su Picasso, sulla sua morte, sulla vita delle forme. Il genere dell'orazione funebre, così ridotto nella pratica moderna, ritrova in queste pagine la sua intensità e la sua severità. Inoltre, la celebrazione mostra qui di saper assolvere ai compiti dell'analisi. Un Picasso nuovo ci viene incontro da queste pagine; le opere di cui più si parla, ne "Il cranio di ossidiana", non sono le più divulgate; è il Picasso scultore, è il Picasso spasmodico delle ultime stagioni che Malraux splendidamente difende, illustra, giustifica; non l'artista di una gioventù blu e rosa, non l'annunciatore dell'ordine cubista, ma lo scatenato creatore di forme che, in un'opera colma di derisioni, seppe esprimere il sacro di un'epoca senza Sacro. Il museo dell'uomo contemporaneo quello che Malraux chiama il Museo Immaginario - si è infinitamente dilatato dai tempi di Cézanne: esso include ormai non solo le arti dell'occidente, le arti orientali, quelle arcaiche, ma anche l'esplosivo, irriducibile pandemonio delle arti selvagge (Africa, Oceania...); più di ogni altro, Picasso ha, con la sua opera, mediato e giustificato per noi quegli stili, di paura ed esorcismo; commemorando lui, Malraux commemora l'occhio di un secolo e quel che l'occhio vide.
22,00

Sul cinema. Appunti per una psicologia

André Malraux

Libro

editore: MEDUSA EDIZIONI

anno edizione: 2002

pagine: 59

Dopo il 1946 il romanzo non fu più pubblicato. L'esperienza di narratore e di conoscitore d'arte, la consapevolezza dei debiti contratti nei confronti del cristianesimo e del romanzo ottocentesco, la percezione della svolta costituita dalla tecnologia del sonoro cinematografico si intrecciano in queste pagine per sancire il fascino e nello stesso tempo l'impossibilità di quel film-utopia che lo stesso Malraux aveva perseguito.
6,50

La condizione umana

André Malraux

Libro

editore: Bompiani

anno edizione: 2001

pagine: 301

"La condizione umana" si svolge nella fase immediatamente seguente la Rivoluzione cinese, la fase più tragica: quella dell'insurrezione di Shangai del 1927, quando gli operai in armi, guidati dai comunisti, liberano la città prima dell'arrivo di Chang Kai-shek alla testa delle truppe del Kuomintang. Partito comunista cinese e Kuomintang sono ancora alleati, ma già si presagisce la tragica soluzione finale. Chang rompe l'alleanza che Stalin continuava a sostenere, e questa sua ostinazione condanna i comunisti al massacro. La "condizione umana" che interessa Malraux non è quella disperata di centinaia di milioni di diseredati, ma il sentimento dell'impossibilità di comunicazione con l'altro che è la caratteristica saliente dell'essere umano.
9,90

Il tempo del disprezzo

André Malraux

Libro

editore: PASSIGLI

anno edizione: 1998

pagine: 95

9,30

La regina di Saba. Un'avventura sul deserto yemenita

André Malraux

Libro

editore: EDT

anno edizione: 1997

pagine: 128

Nel 1934 il giovane André Malraux, accompagnato dal pilota e amico Eduard Corniglion-Molinier, intrapredne come inviato del giornale "L'Intransigeant" un viaggio in aereo sul deserto yemenita, alla ricerca della leggendaria capitale della regina di Saba. Il giovane vincitore del premio Goncourt è determinato a scoprire ciò che da duemila anni nessun europeo ha potuto contemplare: una città che appartiene alla storia, alla tradizione biblica, al mito.
11,50

La via dei re

André Malraux

Libro

editore: ADELPHI

anno edizione: 1992

pagine: 208

18,00

Il museo immaginario

André Malraux

Libro: Copertina morbida

editore: ALLEMANDI

anno edizione: 2009

pagine: 324

75,00

Il triangolo nero. Laclos, Goya, Saint-Just

André Malraux

Libro: Copertina morbida

editore: SE

anno edizione: 2004

pagine: 100

"Nel corso di trent'anni, il caso e l'amicizia mi hanno condotto a studiare tre figure che gettano le loro luci divergenti sulla più oscura crisi dell'individuo che l'Europa abbia conosciuto prima di quella che s'impone a noi oggi. Laclos si limita a porre il problema. Come dinanzi a molte opere del nostro tempo - e non solo letterarie - il lettore delle "Liaisons" avrebbe potuto dire: "Così non può durare". È ciò che risponde Goya, facendo della condizione umana l'oggetto di un'accusa fondamentale alla quale si rifiuta di rispondere con una trascendenza; è ciò che risponde Saint-Just, facendo appello alla quasi-trascendenza costituita ai suoi occhi dalla Nazione."
11,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.