Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina
Iscriviti alla newsletter

Franco Angeli: Grex. Sc. sociali solidarietà formazione

Altervisione. Un metodo di costruzione condivisa del sapere professionale nel servizio sociale

Altervisione. Un metodo di costruzione condivisa del sapere professionale nel servizio sociale

Libro: Libro in brossura

editore: Franco Angeli

anno edizione: 2018

pagine: 218

L'attuale scenario di cambiamento socio-economico e delle politiche sociali, nei mutevoli assetti di welfare, pone chi lavora nei servizi nella condizione di agire nell'incertezza. In particolare, sempre più spesso gli assistenti sociali, e più in generale tutte le professioni d'aiuto, si trovano a interpretare il proprio ruolo in contesti di precarietà operativa, senza elementi rassicuranti sugli esiti degli interventi, dovendo assumere responsabilità non lievi, talora in solitudine. Per questo, è necessario consolidare una chiara consapevolezza delle competenze professionali spendibili e delle potenzialità di produzione di sapere, generato nel corso dell'esercizio riflessivo della professione. L'altervisione si offre come un metodo per accrescere la competenza nella presa di decisioni professionali, traendo apprendimento continuo dall'esperienza personale e dal gruppo professionale. Attraverso l'altervisione si facilita l'acquisizione di capacità per riconoscere e condividere un sapere esperto e poliedrico già presente e ulteriormente acquisibile, moltiplicabile attraverso il confronto, non necessariamente legato all'apporto di un "super"-visore esterno (un esperto super) o di formatori ritenuti più competenti di chi è impegnato sul campo. Nell'altervisione l'attenzione riflessiva è focalizzata sui pensieri che guidano le scelte e le azioni professionali, attraverso una rivisitazione esplicita dei percorsi cognitivi utilizzati da ciascuno per descrivere e comprendere la realtà trattata (casi problematici, azioni, interventi, progetti, etc.). Il metodo si mostra efficace nel rendere riconoscibile e fruibile la competenza professionale, spesso implicita e raramente condivisa, come patrimonio incrementabile nell'organizzazione dei servizi (know how), trasmissibile anche ai meno esperti, confrontabile tra professionisti omogenei o di altre identità professionali. Il testo, presentando la metodologia sperimentata ormai da un decennio da diversi gruppi di operatori sociali, riporta la testimonianza di alcune esperienze di altervisione ormai consolidate e offre concrete indicazioni operative. Per questo, il manuale può risultare utile sia nei precorsi formativi (universitari e di formazione professionale permanente) sia come supporto operativo per i professionisti che intendano praticare l'altervisione.
29,00
Servizio sociale trifocale. Le azioni e gli attori delle nuove politiche sociali

Servizio sociale trifocale. Le azioni e gli attori delle nuove politiche sociali

Libro: Libro in brossura

editore: Franco Angeli

anno edizione: 2016

pagine: 208

Numerosi e significativi sono i mutamenti che hanno interessato in questo ultimo mezzo secolo le politiche sociali in Italia. Il volume, frutto del Progetto di ricerca di interesse nazionale Servizi sociali e territorio. Regionalizzazione delle politiche sociali e trifocalità del servizio sociale, indaga il sistema degli interventi sociali con attenzione ai temi della soggettività particolare, dell'autodeterminazione, della titolarità ed assunzione di iniziativa, della concertazione, della pianificazione territoriale e dell'ampio interesse riscontrato nelle diverse Regioni italiane per l'orientamento organizzativo-metodologico dei Piani di zona. In particolare prende in considerazione il possibile nuovo rapporto, trifocale per il servizio sociale, intessuto tra la persona, il contesto di relazioni comunitarie che implica il territorio, il sistema dei servizi in un quadro di significativi e radicali cambiamenti istituzionali. Il libro è anche il frutto di un lavoro euristico che ha coinvolto gli operatori sociali sia nelle forme di rappresentanza che nella realizzazione stessa della ricerca. Ne è emersa una prospettiva che vorrebbe far propria l'idea di ri-orientare gli interventi dello Stato in modo da integrarli e non eliminarli.
27,00
Progettare nel sociale. Regole, metodi e strumenti per una progettazione sostenibile
24,00
Partecipazione e cittadinanza. Il farsi delle politiche sociali nei Piani di Zona

Partecipazione e cittadinanza. Il farsi delle politiche sociali nei Piani di Zona

Libro: Libro in brossura

editore: Franco Angeli

anno edizione: 2013

pagine: 192

Il volume evidenzia come una vera e piena partecipazione civica esiga il concorso di tre importanti ingredienti: la responsabilità personale, la fatica per intendersi, un assetto organizzativo ed istituzionale adeguato a consentirne l'esercizio. Risultato del Progetto di interesse nazionale, Politiche sociali partecipate e cittadinanza attiva: coinvolgimento di nuove soggettività civiche, l'indagine rientra nell'ambito della più ampia rete di ricerca, Politiche sociali partecipate e cittadinanza attiva, costituita dalle Università di Bolzano, di Milano Bicocca, di Pisa, di Sassari e di Trieste, con alcune altre collaborazioni tra cui quelle delle Università di Bari, del Piemonte Orientale e della Calabria. Il libro discute, in una prospettiva anche teorica di respiro internazionale, i possibili nuovi modi di intendere, teoricamente ed empiricamente, le dinamiche sociali, le relative politiche e i diversi itinerari operativi in risposta ai bisogni di inclusione, di ridistribuzione, di partecipazione attiva, di promozione, di tutela e di integrazione delle differenti soggettività che animano la vita delle comunità locali e che trovano nei Piani di zona una delle espressioni più specifiche dell'esperienza italiana. Mostra come la partecipazione e l'integrazione sociale non si producano per partenogenesi, ma comportino impegno ed esplicite scelte politiche, economiche ed organizzative, così come l'attribuzione di adeguate risorse.
27,00
Regolazione sociale e promozione di solidarietà. Processi di cambiamento nelle politiche sociali

Regolazione sociale e promozione di solidarietà. Processi di cambiamento nelle politiche sociali

M. Lucia Piga

Libro: Libro in brossura

editore: Franco Angeli

anno edizione: 2012

pagine: 144

Nel libro si esplorano i diversi significati del concetto di regolazione, intesa specificatamente come governo pubblico dei processi legati alla realizzazione del welfare mix in Italia, in rapporto a due poli: le teorie sociologiche e le pratiche solidaristiche nel sociale. Qual è lo spazio del terzo settore e, in particolare, della persona in un sistema regolato? Alla luce del costruzionismo umanista, ci si interroga sulle forme attraverso le quali oggi le politiche sociali possono assumere una dimensione di interezza e mostrare non solo efficacia redistributiva in rapporto alle risorse esistenti (funzionando in termini di sistema), ma anche potenzialità creative di nuove risorse finalizzate allo sviluppo dei territori e delle comunità locali (garantendo attenzione alla persona e alla qualità delle relazioni). Tutto ciò conferisce un significato nuovo al sistema dei servizi e alle politiche sociali, considerate nel loro passaggio da una concezione assistenziale ad una promozionale. La riflessione è rivolta a chi opera nel sociale (in senso ampio agli operatori del e nel sociale, compresi quindi gli amministratori), ma in particolare agli assistenti sociali perché possano ricreare il valore della persona come base progettuale delle politiche di welfare e attivare progetti di vita, relazioni di fiducia e rispetto reciproco tra aiutante e aiutato.
19,50
Sviluppo e saperi nel Mediterraneo

Sviluppo e saperi nel Mediterraneo

Libro: Libro in brossura

editore: Franco Angeli

anno edizione: 2012

pagine: 336

Il Mediterraneo costituisce uno spazio che nel corso della storia ha saputo costruire affinità, comunanze e "parentele", eppure ciò non è bastato ad evitare conflitti e contrasti tra le genti che ne abitano le sponde. Anche per questa ragione il contesto mediterraneo è stato spesso immaginato e rappresentato secondo visioni dicotomiche che rischiano di congelare la realtà per blocchi contrapposti che non ci aiutano nella riflessione. Eppure, oltre alla dimensione dell'immaginario, esiste una realtà vissuta che è sempre realtà socialmente costruita. Da ciò è nata l'esigenza di adottare una lettura maggiormente articolata, attraverso cui guardare la realtà e ridiscutere qualsiasi certezza assoluta o definitiva, rinunziando alla pretesa di capire tutto e subito e concentrandosi piuttosto su avvicinamenti graduali alla realtà, sulle particolarità presenti nel Mediterraneo e sulla loro possibilità di confrontarsi con altre specificità secondo uno spirito comune. In questo senso la prospettiva dei saperi locali può essere d'aiuto a comprendere meglio le differenze e le similitudini basate su "saper fare", almeno in parte comuni. I saggi contenuti nel volume restituiscono pluralità e ricchezza di punti di vista sui temi proposti.
43,00
Altri scenari. Verso il distretto dell'economia sociale

Altri scenari. Verso il distretto dell'economia sociale

Libro: Libro in brossura

editore: Franco Angeli

anno edizione: 2011

pagine: 128

Pensare e osservare il fenomeno dell'economia sociale significa innanzitutto rivedere a fondo il nostro sguardo. Le nostre categorie mentali ed interpretative si adattano con difficoltà ad un'idea di produzione economica collegata con tutte le altre azioni e variabili della nostra esistenza, un'idea secondo la quale i fatti economici sono collocati all'interno della società, proprio come una delle modalità di produzione e riproduzione della società stessa. A partire da una tale prospettiva, è forse possibile pensare il terzo settore e le organizzazioni dell'economia sociale come risorse fondamentali di un processo di maturazione del tessuto civile di una comunità che ne favorisca il progressivo avvicinamento ai centri decisionali. Questo volume pone l'attenzione sulla propositività e intenzionalità di interventi che, stimolando la partecipazione attiva e la responsabilità civica, puntino a valorizzare le relazioni sociali come strumento e oggetto dello stesso processo economico. Il capitale relazionale diviene così un fattore cruciale nello sviluppo di una visione di scenari possibili in cui il territorio non è più concepito come semplice contenitore di fatti produttivi, ma come luogo antropologico entro il quale il tessuto delle relazioni significative possa far scaturire strategie operative per uno sviluppo partecipato proprio di ciascuna comunità.
15,00
Valutare l'invisibile. Interventi di contrasto alle povertà estreme a dieci anni dalla legge 328/2000

Valutare l'invisibile. Interventi di contrasto alle povertà estreme a dieci anni dalla legge 328/2000

Mauro Pellegrino, Filippo Ciucci, Gabriele Tomei

Libro: Libro in brossura

editore: Franco Angeli

anno edizione: 2011

pagine: 176

L'articolo 28 della legge 8 novembre 2000, n. 328 ("Sistema integrato degli interventi e dei servizi sociali") aveva riconosciuto, per la prima volta nel nostro paese, l'esistenza di quelle che vengono chiamate "persone senza dimora" come problema sociale di rilevanza. In realtà, coloro che versano in condizione di emarginazione e povertà estrema, sono poi tornati a essere "un popolo invisibile". Per un verso, alcune scelte politiche a noi più prossime sembrano spostare l'accento sulle persone senza dimora, da destinatarie di sicurezza (sociale) a minacce per la sicurezza (pubblica). D'altro canto da tempo gli operatori sociali dei servizi pubblici e privati stanno portando alla luce questo mondo "invisibile", anche sperimentando in alcuni contesti delle reti collaborative definite "Sistemi territoriali integrati per l'emarginazione grave adulta" (Stiega). A conclusione del 2010, "Anno europeo di lotta alla povertà e all'esclusione sociale", i contributi qui presentati si qualificano per una caratterizzazione fortemente di campo, a partire da "esercizi di valutazione partecipata" all'interno di concreti percorsi di ricerca-azione, condotti nell'ultimo decennio in alcuni ambiti locali, secondo una chiave esplicita: conoscere per intervenire. Il volume si rivolge quindi sia a studenti e operatori che si accostano alla questione sociale posta dagli homeless, sia a professionisti e responsabili dei servizi di assistenza.
23,00
Costruire qualità sociale. Indicazioni teoriche e operative per lo sviluppo della qualità nei servizi

Costruire qualità sociale. Indicazioni teoriche e operative per lo sviluppo della qualità nei servizi

Anna Zenarolla

Libro: Libro in brossura

editore: Franco Angeli

anno edizione: 2010

pagine: 176

Cosa vuol dire sviluppare la qualità dei servizi sociosanitari? Quale significato assume il concetto di qualità in questo settore? Che effetti ha sull'organizzazione l'introduzione di strumenti ritenuti in grado di promuoverla? Il volume affronta e discute questi interrogativi dal punto di vista sia teorico che operativo, chiarendo quale può essere il significato del concetto di qualità nel contesto dei servizi sociosanitari e fornendo indicazioni su come svilupparla al loro interno. La prima parte del volume, rileggendo i principali contenuti emersi dalla riflessione sulla qualità a partire dalle caratteristiche dei servizi sociosanitari, traccia la cornice teorica che consente di rendere il concetto di qualità significativo per questo settore ed illustra gli strumenti e le modalità con cui declinare operativamente tale concetto. La proposta teorica ed applicativa avanzata apporta alla riflessione sulla qualità un contributo originale che si propone di offrire stimoli per ulteriori prospettive di ricerca e approfondimento. La seconda parte del volume analizza l'esperienza di sviluppo della qualità mediante l'applicazione dell'accreditamento ad un servizio di assistenza domiciliare. Il volume è utile per: i responsabili dei servizi sociali e sanitari, gli amministratori, gli operatori dei servizi e delle organizzazioni non profit, i docenti e gli studenti, in particolare, dei corsi di laurea in Scienze del Servizio sociale.
20,00
Legalità, territorio, sviluppo. Partecipazione e servizi civili

Legalità, territorio, sviluppo. Partecipazione e servizi civili

Libro: Libro in brossura

editore: Franco Angeli

anno edizione: 2010

pagine: 160

Il tema della legalità appare oggi quanto mai attuale: convegni, scritti, riflessioni giuridiche, sociologiche e filosofiche cercano, sotto le diverse angolature e prospettive di ricerca, di fornire interpretazioni e soluzioni adeguate alla crisi di valori della società e alle incertezze del sistema giuridico-normativo e socio-culturale italiano. Il concetto di "legalità" viene così a definirsi come un ideale strumento di orientamento etico per le azioni della pubblica amministrazione e della sua dirigenza, per la pratica dello sport, per l'attuazione delle politiche sociali e di quelle sulla sicurezza delle istituzioni governative regionali e per la rivalutazione del ruolo determinante rivestito dai servizi socio-educativi territoriali nella promozione democratica di nuove esperienze di partecipazione comunitaria alla costruzione del benessere. Su questi temi, dal 2003, il Consorzio "Sviluppo Civile" ha organizzato diversi momenti di confronto, tra i quali il convegno dal titolo Legalità, territorio, sviluppo; di cui questo libro raccoglie gli interventi di quanti hanno partecipato alla giornata di studi: Mariano Mameli, Felice Nuvoli, Franco Pilo, Alberto Merler, Pietro Paolo Mennea, Mauro Barberio, Francesco Maria Nurra, Franco Ventroni, Stefano Chessa, Rossana Garau, Paolo Fois, Giampiero Branca.
17,50
Saperi e attori sociali in contesti euro-mediterranei

Saperi e attori sociali in contesti euro-mediterranei

Romina Deriu

Libro: Libro in brossura

editore: Franco Angeli

anno edizione: 2007

pagine: 240

Le forme di conoscenza e di saperi collegati alla riflessione sullo sviluppo della società possono rappresentare una reale risorsa per la crescita non solo economica, ma anche e soprattutto sociale, culturale, ambientale e istituzionale. A questo fine occorre ribaltare la prospettiva dicotomica attore/sistema e collocare gli attori in una dimensione relazionale, recuperando così la centralità delle persone come soggetti attivi.
22,00
Percorsi dell'integrazione. Per una didattica delle diversità personali
22,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.