Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina
Iscriviti alla newsletter

Rubbettino

Guida bio selezione vini 2024

Guida bio selezione vini 2024

Libro: Libro in brossura

editore: Rubbettino

anno edizione: 2024

pagine: 406

Il volume che hai tra le mani è l’unica guida italiana che valorizza le scelte green ed ecosostenibili in agricoltura. Troverai una selezione di vini e di aziende nei 20 capitoli che corrispondono alle 20 regioni italiane. Un gruppo di degustatori alla cieca, guidati da Antonio Stanzione, ha schedato e raccontato i migliori viticoltori biologici, dalla Valle d’Aosta alla Sicilia, consigliando al viaggiatore e al degustatore la bottiglia migliore da stappare. Guida Bio è un prodotto editoriale innovativo, una guida ai vini dedicata esclusivamente ai prodotti provenienti da agricoltura biologica certificata o in conversione. Se per te l’agricoltura biologica è una scelta di consapevolezza, responsabilità, etica, lungimiranza e qualità, questa guida sarà la tua compagna di viaggio tra i vini bio del Belpaese. «Il vino resta sempre un prodotto di culto, che accende una gioia vitale e sanguigna, ma la dimensione ecologica del metodo di produzione apre ad una riflessione che va oltre i piaceri che può procurare» Ettore Prandini, Presidente Coldiretti.
18,00
Per i prossimi 175 anni. Birra Peroni, una «tradizione del futuro»

Per i prossimi 175 anni. Birra Peroni, una «tradizione del futuro»

Enrico Galasso

Libro: Libro in brossura

editore: Rubbettino

anno edizione: 2024

pagine: 212

Prendete un’azienda molto legata alla propria tradizione, ai propri marchi, all’essere qualcosa di storico nel panorama italiano. Prendete tutto questo, ingrediente dopo ingrediente. Maceratelo con cura e fatelo essiccare al vento del cambiamento. Aggiungete acqua e portate ad ebollizione. Metteteci tutta l’innovazione che avete in serbo, poi fate raffreddare e lievitare il tutto. Filtrate con dedizione. Quel che avete ora è più della somma dei vostri ingredienti di partenza, più delle radici. Una transizione più forte dei tentativi fatti in precedenza. Potete decidere se mettere tutto questo in bottiglia o in fusto, ma un dato di fatto rimane. Avete preso una tradizione, una consuetudine, un’icona, e ne avete fatto qualcosa di più, e di nuovo. Con un legame indiscutibile con il sapere, la storia e quanto di grande costruito nel passato, è vero, ma allo stesso tempo pronto a sfidare il domani, “a prova di futuro”. È esattamente questa la storia del piccolo, grande miracolo di Birra Peroni. Generare la prima “tradizione del futuro” facendo di una visione un percorso da intraprendere, una credenza da abbracciare, una rivoluzione di connessioni dense di significato ed importanza. Partendo da un passato da attualizzare, e con un’eredità da rovesciare e potenziare. Questo è un libro sul futuro, scritto da un pilota e per piloti di futuro. Pensato, fermentato e distillato negli oltre 175 anni di storia che ci lasciamo alle spalle. Pensato, fermentato e distillato per durare per i prossimi 175 anni di una storia che stiamo riscrivendo insieme.
14,00
Comunità Appennino. Superare l'«internità»

Comunità Appennino. Superare l'«internità»

Libro: Libro in brossura

editore: Rubbettino

anno edizione: 2024

pagine: 254

Con questo libro, pieno di interrogativi, Fondazione Appennino offre un contributo per provare a rompere con l’«internità», quella definizione di «interne» per aree, a «fallimento di mercato», su cui andava costruita una strategia di programmazione speciale, ma che è diventata uno stigma, una condizione quasi irrimediabile che rischia di oscillare tra uno zoo per la gran parte dell’anno e una discoteca che anima le ferie di Augusto. Se invece riflettessimo sull’idea di comunità che abita questi territori diventerebbe semplice comprendere che il confine geografico è sfumato per storia, produzioni, risorse naturali; le comunità sono in movimento, oggi ancor di più, dentro le transizioni ecologica e digitale, le proiezioni e i movimenti demografici. Testi di Raffaele Nigro, Egidio Ivetic, Luigi Mascilli Migliorini, Giuseppe Lupo, Augusto Ciuffetti, Gianni Lacorazza, Annalisa Romeo, Carla Collicelli, Luciano De Bonis, Livio de Santoli, Dora Iacobelli, Paolo Scaramuccia, Luisa Corazza, Marco Bussone.
19,00
Terra inquieta. Per un'antropologia dell'erranza meridionale

Terra inquieta. Per un'antropologia dell'erranza meridionale

Vito Teti

Libro: Libro in brossura

editore: Rubbettino

anno edizione: 2024

pagine: 562

Un diagramma di linee che disegnano un paesaggio eterogeneo, instabile, irrequieto: tutto l’opposto dell’immobilismo piatto, senza tempo e senza rimedio con cui pensiamo il Sud e la Calabria. Vito Teti con questo suo libro ci porta dentro una narrazione del Mezzogiorno che si fa problematica, critica, si diffrange e trova tutte le sfumature di una vicenda impossibile da ridurre a una trama unica. L’inquietudine di cui parla il titolo è il sentimento dei luoghi complessi, in cui una cosa si dà insieme al suo contrario, in cui tutto è vero e falso a un tempo. Così il tempo ciclico del mondo contadino ritorna sempre uguale nei riti e nelle feste co-esiste e si co-definisce con il tempo lineare dei viaggi, dei commerci, degli scambi intellettuali e artistici. Così la catastrofe del terremoto e dello spopolamento diventano le linee di fuga paradossali verso la modernità e il futuro. La fuga è l’altro volto del radicamento, il restare, una scelta-necessità inseparabile dalle migrazioni: entrambi devono fare i conti con differenti esperienze di “spaesamenti”, che spingono alla ricerca di nuovo senso dei luoghi e a nuove norme di abitare il paese e il Mondo. "Terra Inquieta" è un capitolo fondamentale dell’indagine antropologica di Teti, sul proprio mondo di riferimento, di cui fanno parte il suo San Nicola da Crissa, scelto come metonimia per comprendere le comunità del Mezzogiorno e delle aree interne mediterranee, e il suo paese canadese aldilà dell’Oceano, la Toronto in cui la comunità sannicolese si è trasferita in massa a partire dagli anni ’50. Un libro e un autore che non smettono di viaggiare, di andare e tornare, dal paese al mondo, e tra un paese e l’altro. E ci insegnano la mobilità e l’inquietudine come strategia di comprensione e gestione del presente. Prefazione di Sonia Serazzi.
28,00
La salvaguardia del paesaggio tra passato e futuro. Il paesaggio naturale, urbano e storico tra Reggio Calabria e Vibo Valentia

La salvaguardia del paesaggio tra passato e futuro. Il paesaggio naturale, urbano e storico tra Reggio Calabria e Vibo Valentia

Libro: Libro in brossura

editore: Rubbettino

anno edizione: 2024

pagine: 214

Il paesaggio naturale, urbano e storico tra Reggio Calabria e Vibo Valentia.
29,00
Istituzioni del federalismo. Rivista di studi giuridici e politici. Volume Vol. 2

Istituzioni del federalismo. Rivista di studi giuridici e politici. Volume Vol. 2

Libro: Libro in brossura

editore: Rubbettino

anno edizione: 2024

pagine: 168

Rivista di studi giuridici e politici. La digitalizzazione e l'organizzazione della pubblica amministrazione.
35,00
GeoTrade. Rivista di geopolitica e commercio estero. Volume Vol. 7

GeoTrade. Rivista di geopolitica e commercio estero. Volume Vol. 7

Libro: Libro in brossura

editore: Rubbettino

anno edizione: 2024

pagine: 126

15,00
Le magnifiche e progressive sorti di un liceo: il Terenzio Mamiani di Roma. Dall'archivio e dalla biblioteca nel primo secolo della sua storia 1885-1989

Le magnifiche e progressive sorti di un liceo: il Terenzio Mamiani di Roma. Dall'archivio e dalla biblioteca nel primo secolo della sua storia 1885-1989

Libro: Libro in brossura

editore: Rubbettino

anno edizione: 2024

pagine: 188

Tre sedi, due nomi, due fondazioni: questa la storia del Liceo Mamiani di Roma. Eppure per tutti è unicamente la scuola di v.le delle Milizie, quella che l’architetto V. Fasolo progettò in forme di ammaliante bellezza. Nel 2024 compie cento anni questo Mamiani, ma quasi cinquant’anni di vita lo precedono in un nobile legame con la storia dell’Italia unitaria e di Roma capitale. Parte da qui la nostra indagine e attraverso i documenti dell’archivio del liceo e i libri del fondo storico ‘T. Mamiani’ si è via via dipanato un racconto di passioni e affetti, labirintico nella sua linearità, mai completo come la vita della scuola che sfugge a qualsiasi definizione e cambia ogni giorno natura nella sua vivacità mai circoscrivibile.
19,00
Alto Liccio. L'arazzo tra passato presente e futuro

Alto Liccio. L'arazzo tra passato presente e futuro

Libro: Libro in brossura

editore: Rubbettino

anno edizione: 2024

pagine: 56

“Alto Liccio - L’arazzo tra passato, presente e futuro” - terza edizione, ripercorre un’esperienza formativa nata in rete ai tempi della pandemia e in seguito realizzata nella realtà laboratoriale dell’Arazzeria Scassa di Asti, il prestigioso laboratorio artigianale immerso nel parco dell’antica Certosa di Valmanera. Trentuno i partecipanti selezionati, ventotto ragazze e tre ragazzi della Scuola di Decorazione dell’Accademia di Belle Arti di Brera di Milano che durante i Workshop hanno realizzato arazzi di piccolo formato sotto la guida di Caterina e Franca Alcaro, le storiche tessitrici dell’atelier astigiano. L’attuale pubblicazione, oltre a documentare il lavoro prodotto durante il quest’ultimo Workshop attraverso testi e immagini, propone anche quest’anno una sezione dedicata ad alcune opere tessili realizzate dall’arazzeria tra gli anni sessanta del novecento e gli anni duemila, opere presenti in mostra presso lo Spazio HOAA di Via Grazioli 47 Milano. Lo scopo di questa pubblicazione non è tuttavia solo quello di testimoniare il lavoro svolto durante i workshop in sede laboratoriale, ma di rimarcare il valore e la storia della produzione realizzata negli anni dall’Arazzeria Scassa, con l’auspicio che la stessa possa continuare anche nel prossimo futuro, considerando le innegabili difficoltà che le arti “applicate” e il relativo ricambio generazionale vivono attualmente in Italia.
16,00
Human landscape 2021-2023

Human landscape 2021-2023

Libro: Libro in brossura

editore: Rubbettino

anno edizione: 2024

pagine: 110

Il progetto di ricerca "Human Landscape", ideato e curato dalla Scuola di Scultura dell’Accademia di Brera durante gli anni accademici 2021/22 e 2022/23, rappresenta una nuova testimonianza del dinamismo e dell’alto livello culturale nell’ambito dell’indagine estetica e delle pratiche artistiche contemporanee, caratteristiche queste che tradizionalmente contraddistinguono la nostra Istituzione. Con questo percorso, in cui l’aspetto formativo riveste un ruolo significativo, la Scuola di Scultura ha dato particolare rilievo al rapporto tra l’uomo e la natura attraverso una serie di riflessioni e alcuni mirati workshop che hanno fornito le premesse adeguate all’elaborazione di una proposta artistica articolata e innovativa che, grazie anche a tutte le Istituzioni, gli Enti e le Associazioni coinvolte, potrà essere adeguatamente fruita presso il Parco dell’Arte dell’Idroscalo di Milano. Prefazione di Giovanni Iovane e Luciano Massari.
19,00
Esporre interpretare comunicare. Come realizzare un museo d'impresa

Esporre interpretare comunicare. Come realizzare un museo d'impresa

Massimo Negri

Libro: Libro in brossura

editore: Rubbettino

anno edizione: 2024

pagine: 258

I musei aziendali crescono, in Italia, in Europa, nel mondo. Crescono in quantità, in dimensioni e in qualità interpretando la storia e l’attualità dei più diversi settori economici diventando spesso luoghi di incontro tra la cultura dell’impresa e quella degli altri mondi che con l’impresa interagiscono quotidianamente. I musei d’impresa hanno sovente una dimensione internazionale e adottano molteplici linguaggi rivolti a un pubblico potenzialmente universale pur conservando le proprie radici territoriali. Diventano così portatori di contenuti sempre nuovi anche nel modo di comunicarli. I musei d’impresa documentano la vitalità dell’intraprendenza, dell’intelligenza creativa, del lavoro e dell’innovazione di una comunità attiva, produttiva, socialmente inclusiva. Si rivelano asset di competitività, non solo per l’impresa protagonista ma anche per la comunità di riferimento. Sono un intreccio tra il passato e le prospettive di sviluppo: “una storia al futuro”. Museo luogo vivo, dunque. Veicolo della cultura d’impresa che ha come strumento specifico la “potenza” del linguaggio espositivo. Per fare un museo di questo tipo non basta la passione collezionistica (ovviamente indispensabile), ma occorre un serio e articolato lavoro di squadra che chiama in causa competenze diversificate, a volte di alta specializzazione. Per orientarsi nella sua progettazione, in sintonia con l’evoluzione della comunicazione e con le sensibilità, le curiosità, i punti di vista che emergono nella società contemporanea, occorre quindi un metodo. La strutturazione di un procedimento e la conoscenza dello stato dell’arte sono elementi imprescindibili per lo sviluppo concreto di un progetto museale. Proprio la progettazione di un ambiente così complesso ed affascinante nelle sue dimensioni tangibili e/o immateriali è il tema di questo libro. Uno strumento per orientarsi, conoscere esperienze internazionali e comprendere i meccanismi del museo come macchina comunicativa e come luogo in cui dare valore e prospettive alla cultura d’impresa. Prefazione di Danilo Broggi. Introduzione di René Capovin.
24,00
La Calabria e il Mediterraneo nel Seicento. Economia, società, istituzioni, cultura

La Calabria e il Mediterraneo nel Seicento. Economia, società, istituzioni, cultura

Libro: Libro in brossura

editore: Rubbettino

anno edizione: 2024

pagine: 326

Il Convegno si è posto l’obiettivo di considerare, e in qualche caso di ripensare, il ruolo della Calabria nel Seicento nel contesto più ampio delle vicende storiche del Regno di Napoli e nell’ambito, ancora più allargato, di quelle del bacino del Mediterraneo al centro del quale la regione si trova collocata. Da tempo si è messa in discussione la rigidità con la quale fino ad alcuni decenni or sono il Seicento era stato considerato in numerosi ambiti della ricerca storica. Lo si è fatto sul piano istituzionale, con la messa in discussione di concetti quali quello di rifeudalizzazione e la rivalutazione del ruolo delle amministrazioni cittadine; analogo fenomeno è avvenuto da tempo in ambito economico, con il riesame, pure per gli Stati di area mediterranea, del concetto stesso di crisi generale del Seicento da parte della storiografia. Nuovi orizzonti si sono dischiusi anche in ambito sociale, con una profonda riconsiderazione dell’eziologia e della portata delle rivolte che hanno coinvolto anche il Regno di Napoli e la Calabria durante il Seicento. Il convegno, inoltre, ha approfondito gli aspetti religiosi che hanno caratterizzato il secolo coinvolgendo la storia civile e culturale della Calabria e del Regno di Napoli. L’indagine si è avvalsa, inoltre, dell’ausilio di altre discipline, il cui apporto ha consentito di integrare il quadro complessivo: l’archeologia dell’età moderna, la storia dell’arte e la letteratura, in particolare, negli ultimi anni hanno fornito dati innovativi di estremo interesse di cui la storiografia dovrà necessariamente tenere conto nel verificare, ed eventualmente aggiornare, lo stato delle conoscenze e del dibattito
24,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.