Il tuo browser non supporta JavaScript!

Pontificio Istituto Biblico

The Catholic Statute of Biblical Interpretation

Angelo Tosato

Libro: Copertina morbida

editore: Pontificio Istituto Biblico

anno edizione: 2021

pagine: 116

18,00
38,00

La giustizia. Bibbia e giurisprudenza in dialogo

Antonio Pitta, Nicolò Lipari

Libro: Copertina morbida

editore: Pontificio Istituto Biblico

anno edizione: 2021

pagine: 152

Diritto e fede si incontrano nella storia che è, all'un tempo, luogo concreto di verifica del modo in cui la ricerca della regola si confronta con l'aspirazione al conseguimento di un risultato di giustizia, nonché strumento essenziale del disegno redentivo. Poiché Legge e giustizia sono termini relazionali che chiamano in causa la teodicea e gli esseri umani, la svolta decisiva si verifica quando l'evento più illegale, che è la crocifissione di Cristo, diventa il centro della giustificazione e della giustizia divina. Da questo paradossale centro focale, Paolo ripensa la storia della salvezza - dalla creazione all'eschaton - estendendo gli orizzonti della giustizia divina alla predestinazione, l'elezione, la libertà e il destino dell'essere umano. Accennate in altre lettere, le tensioni tra giustizia e Legge sono affrontate soprattutto nella Lettera ai Romani: l'evangelo di Dio in cui Paolo raccoglie le sfide sulla Legge e la giustizia per dipanarle con qualsiasi destinatario.
18,00

Lexicon linguae aramaicae Veteris Testamenti. Documentis antiquis illustratum

Ernst Vogt

Libro: Copertina morbida

editore: Pontificio Istituto Biblico

anno edizione: 2021

pagine: 192

L'intento di Franz Zorell, nel redigere il Lexicon Hebraicum Veteris Testamenti, era quello di non limitarsi a fornire il senso generico dei vocaboli, ma di spiegare i diversi usi peculiari con cui vengono impiegati i vocaboli stessi. Vogt ritiene che tale intento non sia stato raggiunto per quanto riguarda la sezione aramaica del Lexicon di Zorell, dove non ci sono note esplicative. Per supplire a questa mancanza, Vogt si propone di illustrare il senso dei singoli lemmi non isolatamente, ma ciascuno nel suo contesto. Questo Lexicon si avvale a tal fine di passi sia biblici che extrabiblici. La data e la regione di provenienza di questi testi sono rilevabili attraverso le indicazioni delle fonti.
25,00

Quale pace tra il ricco e il povero ? (Sir 13,18b). Il binomio povertà-ricchezza nel libro di Ben Sira

Francesco Savini

Libro: Copertina morbida

editore: Pontificio Istituto Biblico

anno edizione: 2021

pagine: 388

Il Siracide si caratterizza per l'elevata frequenza della coppia lessicale povertà-ricchezza. Questo binomio si concentra all'interno di pochi brani la cui analisi delinea un contesto segnato da diverse tensioni: conflitti non solo sociali, ma anche politici, religiosi e culturali. Lo sguardo di Ben Sira sulle contraddizioni della sua società è, da un lato, realista e critico, dall'altro ottimista e fiducioso: egli denuncia l'ingiustizia e rifiuta le soluzioni violente; il superamento delle tensioni richiede piuttosto un'azione educativa nei confronti delle nuove generazioni. I valori raccomandati (prudenza, umiltà, solidarietà generosa, salda fiducia in Dio) sono quelli tradizionali della Tôrah e sono fatti ruotare attorno a due cardini fondamentali: la sapienza e il timore del Signore. Questa profonda fedeltà alla tradizione biblica consente a Ben Sira di assimilare alcuni elementi ellenistici senza tradire la fede di Israele nel Dio misericordioso e giusto, schierato in difesa di deboli e oppressi. In questo modo, il suo messaggio attorno al binomio povertà-ricchezza raccoglie l'eredità dell'Antico Testamento e prepara il cambiamento di sensibilità che culminerà nella rivelazione cristiana.
38,00
40,00

Isaia l'oscuro. Forme dell'oscurità linguistica isaiana e storia della loro recezione nell'attestazione di Is 29

Boris Lazzaro

Libro

editore: Pontificio Istituto Biblico

anno edizione: 2021

pagine: 372

Lo stile di Isaia indulge spesso al paradosso, all'ironia, all'ambiguità. È uno stile oscuro, che può condannare il destinatario antico e moderno all'incomprensione e all'indurimento (cf. Is 6,10 e 29,9-12). Integrando attenzioni sincroniche e diacroniche, il presente studio indaga tale aspetto sinuoso della lingua isaiana, esplorandone le concrete forme espressive, nonché l'impatto che esse ebbero sulla tradizione posteriore, cristallizzata nel deposito scritturistico. Pur non ignorando le molteplici sfumature di oscurità rinvenibili nel corpus di riferimento (Is 1-39), la ricerca si concentra su un segmento preferenziale dello stesso, il c. 29. Il testo, infatti, è frequentemente chiamato in causa per il suo carattere enigmatico, contradditorio, ambiguo. Nel suo insieme, Is 29 è anzi paradigmatico dell'oscurità isaiana: dei fattori che la produssero, dei coefficienti espressivi in cui essa si declinò, degli strascichi che essa lasciò nella tradizione posteriore e, infine, dello straniamento che essa continua a produrre sul lettore. Dall'indagine emerge una recezione controversa dell'espressività poetica del profeta, bilanciata tra accoglienza e superamento dei paradossi di siffatta comunicazione. Al contempo, l'indagine offre un quadro complessivo dell'oscurità isaiana, evidenziando, in particolare, la funzione poetica dell'ambiguità, dell'ironia e di un uso straniante della metafora.
36,00

Israele storico e biblico. Storia, tradizione, archivi

Reinhard G. Kratz

Libro

editore: Pontificio Istituto Biblico

anno edizione: 2021

pagine: 316

Israele storico e biblico. Storia, tradizione, archivi di R.G. Kratz raccoglie in un'unica trattazione ambiti interconnessi fra loro, ma solitamente trattati separatamente da filoni di studio specifici: la storia di Israele, la storia della formazione della Bibbia Ebraica o Antico Testamento e lo studio degli archivi contenenti manoscritti giudaici (Elefantina, El-Yahud, Qumran) e particolarmente legati alla trasmissione della tradizione biblica (Garizim, Gerusalemme, Alessandria). Il libro si fonda su una distinzione fondamentale tra la storia di Israele e Giuda ("Israele storico") e la storia sacra narrata dalla tradizione biblica ("Israele biblico"), due prospettive distinte anche se inevitabilmente dipendenti per molti aspetti l'una dall'altra. Nella prima parte del libro, la storia di Israele e di Giuda viene ricostruita essenzialmente sui ritrovamenti archeologici ed epigrafici e su ulteriori informazioni che possono essere ottenute dall'analisi critica delle fonti bibliche e dall'analogia storica. Nella seconda parte, la nascita e lo sviluppo della tradizione biblica vengono indagati attraverso l'analisi critica delle fonti letterarie, da cui risulta una cronologia relativa della tradizione. Nella terza parte, vengono illustrati siti e archivi contenenti testi epigrafici e letterari di epoche diverse, che talvolta risultano significativi per lo studio della storia, talvolta per lo studio della tradizione e occasionalmente per lo studio di entrambe.
36,00

Romans. The Gospel of God

Antonio Pitta

Libro: Copertina morbida

editore: Pontificio Istituto Biblico

anno edizione: 2020

pagine: 324

36,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.