Il tuo browser non supporta JavaScript!

Passaggio al Bosco

Einer von Millionen. Ferdinand la mascotte della Leibstendarte

Francesco Paolo D'Auria

Libro: Copertina morbida

editore: Passaggio al Bosco

anno edizione: 2022

pagine: 250

Nel 1941, appena quindicenne, il giovane Ferdinando Gandini si arruola come volontario nelle Camicie Nere, entrando nei leggendari "Battaglioni M" per dare il suo contributo alla Patria in guerra. La sua prima esperienza è in territorio albanese, dove viene ferito nella contro-guerriglia e di seguito rimpatriato nell'estate del 1943. Dopo l'8 settembre, vissuto come un tradimento, entra volontario nella Divisione SS Leibstandarte Adolf Hitler, il corpo d'élite dell'esercito tedesco: per i suoi camerati - stupiti dalla sua giovane età e dal suo coraggio - egli diviene "Ferdinand", la mascotte del reparto. Combatte in Istria contro le bande titine, poi sul fronte orientale nel gelo dell'inverno russo, ancora in Normandia per tamponare l'avanzata anglo-americana. In seguito, senza tregua, partecipa all'offensiva delle Ardenne e alla disperata difesa dei confini orientali del Reich tedesco, fino alla sconfitta definitiva. Queste pagine - che costituiscono un documento storico di grandissimo valore - raccontano un'epopea incredibile, tra le più avvincenti dell'intera narrativa bellica sulla Seconda Guerra Mondiale, dipingendo uno spaccato di vita unico e straordinario.
18,00

Audacia! Scritti e discorsi di Benito Mussolini per i giovani degli istituti militari

Benito Mussolini

Libro: Copertina morbida

editore: Passaggio al Bosco

anno edizione: 2022

pagine: 200

"Il nostro mito è la grandezza della Nazione! Questa è anzitutto spirito, non soltanto territorio: perché una Nazione è grande quando traduce nella realtà la forza delle proprie virtù. Roma emerge in condizioni avverse, forgiandosi nella guerra: chiunque - infatti - è capace di navigare in mare di bonaccia, quando i venti gonfiano le vele e non si scorgono onde all'orizzonte; bello, grande ed eroico - invece - è navigare quando impazza la tempesta. Vorrei che questa fosse la parola d'ordine della nostra Rivoluzione: «Vivere pericolosamente». Il Fascismo vuole l'uomo attivo e impegnato nell'azione con tutte le sue energie: lo vuole virilmente consapevole delle difficoltà che ci sono, e pronto ad affrontarle. Concepisce la vita come lotta, pensando che spetti all'uomo conquistarsi quella che sia veramente degna di lui. Poiché tale è la nostra fede, questa è la nostra volontà. Una volontà aguzza e temprata, come l'acciaio delle nostre lame. Una fede che quando trova degli ostacoli vi si getta contro e brucia i vascelli dietro di sé, con incrollabile coraggio e impareggiabile audacia". (Benito Mussolini)
15,00

Atena, custode del limite. Discriminare o scomparire

Thibault Mercier

Libro: Copertina morbida

editore: Passaggio al Bosco

anno edizione: 2022

pagine: 170

Atena, nella tradizione europea, è la custode del limite: nel proteggere la città, ci rammenta il senso del confine. Essendo la dea della sapienza, ci invita anche a meditare sulla finitezza dell'uomo, rimarcando ciò che lo identifica e lo differenzia: perché esistere, a dispetto di quanto affermino i paladini del livellamento globale, è distinguere il Sé dall'Altro, evidenziare un dentro e un fuori, includere ed escludere. Senza sosta, nel mainstream, sentiamo parlare di "sessismo", "razzismo", "omofobia" e "transfobia": queste accuse minacciano chi si limita ad osservare l'ovvietà della differenza. Per i censori del pensiero unico - infatti - è necessario riconfigurare la realtà: sopprimere i sessi, negare le razze, superare le alterità e imporre la mescolanza globale funzionale alla dissoluzione delle comunità, dei popoli e delle tradizioni. Possiamo davvero illuderci di ignorare o cancellare ciò che ci distingue? La risposta è in queste pagine. Dinanzi al più feroce attacco culturale e antropologico della storia - dunque - è necessario ridefinire i contorni del diritto, ribadendo l'assoluta ineluttabilità di un Dovere: preservare le identità dei popoli radicati.
15,00

Capitalismo moderno e società di mercato. L'Europa sotto il regno della quantità

Guillaume Travers

Libro: Copertina morbida

editore: Passaggio al Bosco

anno edizione: 2022

pagine: 90

Il fatto più rilevante del nostro tempo, forse, è che tutto può essere comprato e venduto. Gli antichi rapporti comunitari - fondati sulla fiducia, sulla reciprocità e sul senso dell'onore - si sono dissolti per lasciare il posto al libero sviluppo degli interessi individuali, centrali in una società liquida che ha sostituito la qualità con la quantità, i princìpi con i desideri e la trascendenza con il profitto. Queste - tra le altre - sono le più evidenti manifestazioni del capitalismo, le cui origini e le cui dinamiche sono qui descritte da Guillaume Travers. Questo breve saggio, agile e completo, analizza il capitalismo moderno quale fenomeno totale e globale, dalla sua genesi alle sue istituzioni e dai suoi metodi alle sue ricadute in ogni ambito dell'esistente: dal superamento dei confini al disinnesto dell'economia; dall'autonomia del capitale alla mercificazione del mondo; dal ruolo dello Stato alla società di mercato, passando per la storia, la religione, la filosofia e la tecnica. Poiché il capitalismo è anzitutto uno spirito, occorre riaffermare una visione dell'uomo e del mondo che anteponga la gerarchia dei valori a quella del denaro.
10,00

La maledizione dei centurioni. Volume 1

Gianfranco Peroncini

Libro: Copertina morbida

editore: Passaggio al Bosco

anno edizione: 2022

pagine: 500

"Dalle piste d'Indocina alla battaglia di Algeri" è il primo di sei volumi dedicati alla storia della guerra d'Algeria (1954-1962). Una ricerca dedicata alla complessità contemporanea che si articola su due cifre espressive, due registri narrativi impiegati per la descrizione dei fatti storici e per l'analisi di quegli avvenimenti. Per rintracciare le cause di quella maledizione che portò i "centurioni" di Francia a pagare un terribile tributo di sangue e sacrificio agli estremi confini dei possedimenti francesi. Anche se il più amaro e doloroso versante della "maledizione dei centurioni" si cela nella mistificazione sistematica delle motivazioni autentiche alla base della loro lotta. Dopo Dien Bien Phu - del resto - i militari che si trovarono a combattere in Nordafrica non volevano più essere il braccio armato della repressione coloniale. Volevano "capire". Nacque allora il "mal jaune" dell'esercito francese, la febbre gialla indocinese, il nazional-comunismo dei colonnelli e dei capitani dell'Armée che metteva i brividi agli stati maggiori.
20,00

L'altra America. L'anima profonda degli Stati Uniti, dall'identità sudista al fenomeno Trump

Federico Franzin

Libro: Copertina morbida

editore: Passaggio al Bosco

anno edizione: 2022

pagine: 200

Tornate alla ribalta con Donald Trump, le fratture della società americana sembrano eterne ed insanabili: da una parte il modello globalista del Deep State, dell'alta finanza, della Silicon Valley dei media mainstream, dell'intellighenzia radical-chic e delle frange progressiste che impongono la "cancel culture" e si battono per la "società aperta"; dall'altra - maledetta, eterogenea e controversa - l'America profonda dei territori rurali e delle periferie dimenticate, lontanissima dal "pensiero unico dominante", subalterna al potere e pronta a difendere la propria identità ad ogni costo. Questo saggio racconta la storia, le contraddizioni, le idee e i protagonisti di quell'America che si sente tradita da Washington: dall'identità sudista alle evoluzioni del Ku Klux Klan; dall'Alt Right alle mille manifestazioni del separatismo bianco; dal fondamentalismo cristiano alle sette religiose; dalle milizie locali ai fermenti rurali, passando per QAnon e per il recente assalto di Capitol Hill. Un testo che unisce analisi storica e attualità, nel solco di una riflessione che inizia con la Guerra di Secessione e si conclude con l'era di Trump, tra eventi sommersi e possibili scenari futuri.
15,00

La società della sorveglianza. Fase ultima del liberalismo

Guillaume Travers

Libro: Copertina morbida

editore: Passaggio al Bosco

anno edizione: 2022

pagine: 100

La "società della sorveglianza", solco e destino di questo tempo storico, manifesta forse la morte della "società aperta" promossa dal pensiero liberale? Per nulla, risponde Guillaume Travers. Al contrario, essa ne è il logico risultato. Ecco perché i liberali, molto presto, promuoveranno tutti i metodi tecnicamente possibili per un controllo sociale capillare e totalizzante: chipping delle popolazioni, riconoscimento facciale, monitoraggio algoritmico, modificazioni genetiche, 5G e pass virtuali. Per meglio comprendere questo apparente paradosso, dobbiamo tornare alle fonti della concezione liberale della "libertà", portando alla luce il suo retropensiero, i suoi metodi operativi e i suoi effetti politici, economici, sociali e antropologici. La trasfigurazione globale in atto, da molti definita "grande reset", rappresenta esattamente l'affermazione di questa "nuova normalità" digitale, tecnocratica e liberticida. In opposizione all'astratta "libertà" dei liberali - dunque - questo saggio promuove la riscoperta di una concezione classica della libertà, prevalente sia nel mondo antico che in quello medievale, oltre ogni distorsione mercantile ed ogni falsificazione orwelliana.
12,00

Psicopatologia del radical chic. Narcisismo, livore e superiorità morale nella sinistra progressista

Roberto Giacomelli

Libro: Copertina morbida

editore: Passaggio al Bosco

anno edizione: 2021

pagine: 125

Nel 1970, negli States, vennero identificati i "radical-chic": erano i ricchi borghesi che sostenevano il marxismo-leninismo. Questi "rivoluzionari da salotto", animatori della "sinistra al caviale", sono oggi la più influente lobby ideologica dell'Occidente: dominano i media, le Università, la Magistratura e i gangli dello Stato; orientano il linguaggio, emettono sentenze e stilano i pressanti speech codes del "politicamente corretto". Il loro credo, verbo laico del globalismo, è fondato sulla narrazione sradicante e liberal della "società aperta", tesa a distruggere ogni forma di identità: dal cosmopolitismo "no border" all'immigrazionismo multiculturale, dal progressismo individualista alle rivendicazioni LGBT, dalle teorie "gender fluid" alla destrutturazione della famiglia, passando per la furia iconoclasta della "cancel culture" e per la riconfigurazione green e digitale del "grande reset". Un processo di sovversione che coinvolge le frange militanti della sinistra radicale e le grandi multinazionali. Ma chi sono realmente? Attingendo alla storia, all'attualità politica e alla psicologia, l'autore ne traccia un profilo inedito, capace di unire invettiva e studio scientifico.
15,00

Walter Flex e il suo tempo. Una generazione in armi

Nicola Cospito

Libro: Copertina morbida

editore: Passaggio al Bosco

anno edizione: 2021

Il primo Novecento, senza dubbio, è una stagione turbolenta ed incendiaria: dalle lotte operaie alle agitazioni nazionali, dall'impeto futurista ai vasti mutamenti sociali, dalle "tempeste d'acciaio" della Grande Guerra all'avvento delle masse. Una nuova epoca si impone, tra l'impeto di un radicale eroismo anti-borghese e l'energia vitale di un nichilismo attivo che tutto vuole rivoluzionare. Nella Germania di quel tempo - attraversata dalle profonde tensioni ideali e dall'ardente spirito dei Wandervögel - si erge la figura di Walter Flex, scrittore e poeta tedesco destinato a cadere in battaglia nel 1917. Simbolo di un'intera generazione, Flex incarna la fierezza della gioventù e il misticismo religioso; la rivolta contro il mondo moderno e la riscoperta del retaggio identitario; la condanna del liberalismo, del marxismo e dell'Illuminismo; la centralità del modello comunitario e la necessità di compattare la "coscienza di popolo"; la potenza rigenerante di un patriottismo alieno allo sciovinismo; la sensibilità del romantico e la tempra del soldato. Queste pagine - dedicate al "Viandante fra i due mondi" - rappresentano un viaggio inedito e puntuale nelle pieghe della storia.
15,00

Filippo Corridoni. La vita e le idee dell'arcangelo sindacalista

Vincenzo D'Orio, Luca Lezzi

Libro: Copertina morbida

editore: Passaggio al Bosco

anno edizione: 2021

pagine: 208

Filippo Corridoni è stato un gigante del Novecento italiano: grande oratore, uomo carismatico, sindacalista rivoluzionario, tribuno degli ultimi ed eroe della Nazione. La sua figura - relegata all'oblio da un pensiero dominante che ha abbassato il lavoro al rango di sfruttamento e il senso di appartenenza a peccato originale - incarna lo spirito indomito di un'epoca incendiaria, fornendoci spunti di grande attualità. Questo testo - che racchiude gli agili saggi di Vincenzo d'Orio e Luca Lezzi - vuole essere un contributo storico, politico ed analitico allo studio della vita e delle opere dell'Arcangelo sindacalista: dalla tensione rivoluzionaria alla critica del socialismo neutralista; dalle lotte di fabbrica alle battaglie interventiste; dalla proposta repubblicana alla critica della partitocrazia; dall'esperienza volontaria della trincea alla morte eroica in prima linea. Filippo Corridoni è un simbolo appassionato e romantico, ma anche profondamente attuale: dinanzi allo strapotere di un mercato informe, apolide e meccanizzato - infatti - il richiamo profondo della Patria e del Lavoro sembra ridestarci dal letargo del fatalismo globalista.
15,00

Caduta matti. Racconti e mostri della follia contemporanea

Emanuele Ricucci

Libro: Copertina morbida

editore: Passaggio al Bosco

anno edizione: 2021

pagine: 100

"Racconti e mostri dell'impazzimento odierno. Da Dio al sesso, fino agli uomini folla replicanti. Da destra a sinistra, dalla virtualità alla mediocrità, dalla morte della lingua alla globalità, fino a Taranto centro."
7,00

Il sentiero del lupo

Valerio Crusco

Libro: Copertina morbida

editore: Passaggio al Bosco

anno edizione: 2021

Anno 2032. In un futuro distopico - dopo un evento catastrofico misteriosamente collegato ai miti delle leggende vichinghe - tutto il mondo è stato investito da una grande glaciazione. I violenti fenomeni atmosferici, anche in Italia, hanno raso al suolo intere città e imposto un "Grande Inverno" di morte e desolazione. I pochi sopravvissuti, tratti in salvo dalla Milizia, vivono nei bunker sotterranei e vengono sfruttati come forza lavoro nella ricostruzione. Federico è tra i pochi coraggiosi che non accettano questa miserabile condizione: è un lupo solitario che vuole riconquistare la libertà. La speranza si accende quando approda nel "Distretto di Apuania", dove le cave di marmo fanno da sfondo ad una realtà dura e remota. Qui, tra le reminiscenze dell'antico popolo dei Liguri-Apuani, stringerà un rapporto fraterno che farà affiorare un segreto millenario. Tra sacrifici eroici, riti ancestrali e retaggi tradizionali, scoprirà la forza del branco, il senso della Terra, la mistica del sangue e il richiamo perenne degli antenati. Il "Sentiero del Lupo" - allora - lo condurrà a combattere l'ultima battaglia per il destino del mondo.
18,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.