Il tuo browser non supporta JavaScript!

Pacini Fazzi

Elisa Bonaparte Baciocchi

Eugenio Lazzareschi

Libro: Copertina morbida

editore: Pacini Fazzi

anno edizione: 2022

pagine: 160

Da queste pagine emerge un ritratto equilibrato di Elisa Bonaparte, abile interprete della situazione politica, desiderosa delle redini del governo, prima artefice della propria ascesa al potere. Imposta ai Lucchesi come sovrana, accettata come unica possibilità al mantenimento in vita del piccolo Stato di Lucca, orgoglioso delle secolari tradizioni di indipendenza, Elisa governò con indubbia capacita l'epocale e definitivo passaggio della Lucchesia e poi di tutta la Toscana dall'Antico Regime al nuovo concetto di Stato moderno. Nonostante le dolorose soppressioni degli enti religiosi e di molte istituzioni antiche con la requisizione dei relativi beni, nonostante l'imposizione di un regime pressoché assoluto, già dall'epoca immediatamente successiva alla Restaurazione, gli storici riconobbero gli indubbi meriti della Principessa di Lucca e Piombino, in particolare l'impegno nelle opere pubbliche, nelle istituzioni assistenziali e di istruzione e nella committenza artistica. La popolazione lucchese mantenne a lungo memoria e gratitudine per essere stata esclusa grazie all'intervento di Elisa, dal prestare servizio militare sotto le gloriose ma sanguinose insegne di Napoleone.
15,00

La sostenibilità a tavola. Il cibo del domani

Libro

editore: Pacini Fazzi

anno edizione: 2022

pagine: 128

Lo scopo di questo volume è quello di una possibile visione di quale potrà essere il nostro rapporto di occidentali, di italiani, con l'alimentazione in un futuro assai prossimo: la metà di questo XXI secolo. Questa visione del "futuro"non può prescindere da una ricerca e da uno studio del passato e dalla sua evoluzione nel presente. Ci aspetta una sfida difficile, molto difficile perché comporterà dei notevoli cambiamenti sotto il profilo sociale e di abitudini di vita, ma assolutamente necessaria se vogliamo salvaguardare il più possibile i nostri preziosissimi terreni produttivi. Oggi si parla insistentemente di Green Economy, ovvero quel modello di economia che mira alla riduzione dell'impatto ambientale mediante provvedimenti in favore dello sviluppo sostenibile, come l'uso di energie rinnovabili, la riduzione dei consumi, il riciclaggio dei rifiuti, e vorrei aggiungere anche il non spreco alimentare, che da solo meriterebbe un capitolo a parte. Ma la diminuzione delle emissioni nocive nell'atmosfera, nella realtà quotidiana a livello mondiale, è assai problematica e complessa, in quanto legata a scelte sovranazionali, di per sé difficili da conciliare in particolare quando entrano in gioco fattori economici e produttivi. È da queste premesse, apparentemente assai complicate, nella loro realizzazione, che questo libro cercherà di dare una risposta, proponendo per il prossimo futuro un possibile criterio razionale di produrre cibo e conseguentemente di nutrirsi, tenendo conto dei necessari cambiamenti dei sistemi produttivi nelle varie branche, compreso anche l'aspetto sociale oltre che quello tecnologico, energetico, idrico, agricolo e zootecnico.
15,00

Gaetano Orzali 1873-1954. Progetti e opere tra Lucca e Genova

Maria Cristina Poggi, Vinicio Giovanni Mazzuola, Mariella Morotti

Libro: Copertina rigida

editore: Pacini Fazzi

anno edizione: 2022

pagine: 314

Orzali, anche nelle opere più intensamente marcate dallo stile Liberty conservò tracce indelebili del classicismo rinascimentale, difficili da abbandonare del tutto per chi è cresciuto all'ombra di una tradizione così imponente come quella italiana e toscana in particolare. Ma l'arte progettuale di Gaetano Orzali, consolidata dapprima nell'ambito lucchese si estende poi a Genova grazie alle committenze della famiglia genovese dei Croce. Gaetano si trasferisce a Genova nel 1902 e vi resterà poi per tutta la vita. Nella grande città che cambia si afferma definitivamente la qualità progettuale di Gaetano Orzali, con realizzazioni di grande prestigio. Nuovamente lo stile Liberty poi sarà la cifra delle sue realizzazioni a Viareggio. Ma è ancora su Lucca che nei primi anni Trenta Gaetano Orzali è chiamato a progettare in grande, quando si pensa al rinnovamento della città antica secondo visioni dirompenti, che prevedono ad esempio l'allargamento del Teatro del Giglio fino ai margini di piazza Napoleone oppure la galleria di collegamento tra piazza San Michele e piazza Napoleone, Negli ultimi decenni della sua intensa carriera, lo stile di Gaetano Orzali si orientò verso la monumentale razionalità modernista che durante il ventennio fascista si era imposta. Nonostante la lunghissima permanenza a Genova, Gaetano Orzali, scomparso nel 1954, volle sepoltura a Lucca, dove la fortuna della sua famiglia aveva avuto origine e dove si era primariamente manifestata la sua opera insigne di architetto e di ingegnere.
40,00

C'è un'altra storia. Antologia letteraria e artistica al femminile

Nadia Verdile, Barbara Bellani, Iolanda D'Angelo

Libro: Copertina morbida

editore: Pacini Fazzi

anno edizione: 2022

pagine: 344

Dal medioevo al novecento, un affollatissimo firmamento, di poetesse di artiste di eroine di sante, di pensatrici di musiciste di letterate, di giornaliste di filosofe. Una folla di artiste perlopiù ignorata dai manuali scolastici, dalle antologie e da tutti i corsi. Effettivamente C'è un'altra storia da studiare, non certo fatta di complotti e misteri, ma scritta, dipinta e messa in musica dalle donne di tutte le epoche - non senza enormi difficoltà! Queste illustri figure non vengono quasi mai segnalate, né citate dai testi scolastici tantomeno le loro opere che, lungi dall'essere settoriali, si inseriscono altrettanto bene, di quelle più note - maschili -, nell'arte del loro tempo! Le tre autrici quindi propongono una Nuova Antologia tutta al femminile che spazia dal medioevo fino alla metà del secolo scorso e porta alla luce molte figure femminili che hanno saputo arricchire con la loro arte la società del loro tempo.
20,00

Lucca e la sua Cattedrale nei 950 anni dalla consacrazione (1070-2020)

Gaia Elisabetta Unfer Verre

Libro: Copertina morbida

editore: Pacini Fazzi

anno edizione: 2021

pagine: 304

La ricorrenza dei 950 anni (+1) dalla consacrazione anselmiana della cattedrale di San Martino di Lucca è stata l'occasione per una nuova indagine documentaria condotta sul patrimonio dei principali istituti culturali cittadini: Archivio di Stato, Archivio Storico Diocesano e Biblioteca Statale. Il risultato è un rinnovato percorso di conoscenza dei principali fatti e avvenimenti che hanno riguardato il cantiere della cattedrale dal 6 ottobre 1070 sino al XX secolo: una selezione di documenti e di codici volta a illustrare, secondo criteri tematici e diacronici, alcuni fra i più rilevanti aspetti della vita del principale luogo di culto lucchese, da quelli artistici e architettonici a quelli devozionali e liturgici, nonché del suo stretto rapporto con le istituzioni politiche dell'antica Repubblica oligarchica
35,00

La rosa. Favola

Giulio Cesare Cortese

Libro

editore: Pacini Fazzi

anno edizione: 2019

pagine: 496

"La rosa" (1621) è la prima opera teatrale composta interamente in napoletano; assieme al Cunto de li Cunti di Giovan Battista Basile, essa è uno dei capolavori della letteratura dialettale seicentesca. Muovendosi sempre sul sottile confine che separa emulazione e parodia, Giulio Cesare Cortese si misura con autori del calibro di Aretino, Guarini, Della Porta e Buonarroti il Giovane, contaminando però la lezione dei maestri del teatro cinquecentesco con spunti che gli derivano dalla coeva Commedia dell'Arte. Quella che ne risulta è un'opera di strepitosa novità e irriducibile vivacità espressiva, destinata a un successo durato più di due secoli. De "La rosa" si propone qui un'edizione moderna, fondata sulla recentemente riemersa editio princeps dell'opera. Il testo critico è corredato da una traduzione a fronte e da un ampio commento a piè di pagina. Questi due strumenti sono pensati per funzionare sinergicamente: la traduzione fornisce un primo aiuto al lettore anche del tutto inesperto del dialetto napoletano seicentesco; il commento ambisce invece a una capillare spiegazione del testo.
30,00

Ricette di integrazione

Libro

editore: Pacini Fazzi

anno edizione: 2018

pagine: 64

Perché non lasciare un ricordo degli anni passati insieme a scuola? Di questa ricchezza umana che diviene parte del nostro zaino culturale che ci portiamo sulle spalle tutta la vita? Ecco allora la nascita di questo libretto che, attraverso le ricette tipiche dei paesi dei vari alunni della classe V B dell'Istituto Tecnico per il Turismo di Lucca (2016-17), lascia un segno concreto della bellezza e anche della gioia di "vivere la scuola" . Vengono presentate le ricette tipiche di ogni paese di origine dei vari alunni con consigli pratici perché vengano cucinate secondo le usanze, gli ingredienti e i tempi di cottura locali. Una seconda parte dà alcune ricette di "cibo scolastico" da offrire per una scuola più gustosa e saporita, per attuare un "clima d'integrazione". Infine l'ultima parte presenta l'esperienza di alcuni studenti: difficoltà, speranze, obiettivi raggiunti. Sono testimonianze ricche di emozioni, di coraggio, di conquiste, di paure che ci aiutano a riflettere: è la storia di accoglienza di questi "nostri fratelli".
4,00

Le ricette di casa mia

Liliana Bolcioni

Libro

editore: Pacini Fazzi

anno edizione: 2017

pagine: 76

Molte ricette le ho ritrovate scritte a mano su fogli sparsi; arrivano a noi da tempi lontani, memoria di persone appartenenti alla mia famiglia, ma non solo. Altre sono più recenti e sono le ricette "di casa" ma anche quelle degli amici che qui non cito - sarebbero troppi e non voglio rischiare di dimenticarne qualcuno - che negli anni ci hanno sorpreso con le loro preparazioni. Non potevo e non volevo certo competere con l'Artusi, né per completezza di informazioni né per dimensioni. Ho solo voluto lasciare una traccia nella memoria, per paura che tutto questo andasse perduto. Ho quindi iniziato a trascrivere le ricette, a ricordare i momenti che le hanno accompagnate e quanto più il lavoro proseguiva, tanto più mi rendevo conto che la quantità di quelle ricette registrate necessitava di una scelta, a volte dolorosa, per poter essere raccolte in un piccolo libro di facile consultazione. Ho seguito il consiglio del mio cuore e ho scelto quei piatti "di casa nostra" che non solo stuzzicano il nostro palato, ma che, soprattutto, scaldano il nostro cuore.
4,00

Design con la luce dentro

Gianpiero Alfarano

Libro

editore: Pacini Fazzi

anno edizione: 2014

18,00

Il dattero. Dolce dialogo tra culture mediterranee

Autori vari

Libro

editore: Pacini Fazzi

anno edizione: 2014

pagine: 64

Il dattero è un frutto tipico delle regioni africane quindi poco affine alla nostra alimentazione e relegato, spesso se non sempre, ai giorni vicini a Natale. Il dattero però è un alimento molto più complesso e possiede molte proprietà che lo rendono un frutto davvero speciale. Il libro propone ricette per creare antipasti, primi, secondi e dolci con questo ingrediente. Fra le ricette molte sono le preparazioni moderne, ma alcune invece risalgono anche a 500 anni fa, direttamente dalle tavole rinascimentali di Firenze. Oggi possiamo reimparare ad usare questo particolare frutto dell'area mediterranea ed imparare anche a riconoscerlo nelle diverse varietà scoprendone così il vero gusto, perché è nel frutto fresco che si può assaporare il vero gusto dattero che poco o niente ha a che vedere con il frutto secco delle feste natalizie.
4,00

Orzo, avena, miglio e mais. I sapori dimenticati

Maria Cristina Ferrari

Libro

editore: Pacini Fazzi

anno edizione: 2014

pagine: 64

Il ricettario offre spunti, curiosità e nuove idee sull'utilizzo di questi antichi cereali. Un tempo comuni sono da molti anni stati sostituiti nelle coltivazioni e nell'alimentazione del più comune frumento. La riscoperta di questi ingredienti, legata spesso a problemi alimentari come la celiachia, riporta sulla nostra tavola i piatti dei nostri nonni, con preparazioni gustose, semplici e mai banali.
4,00

Piccolo ricettario calabrese

Roberta Vocaturo

Libro

editore: Pacini Fazzi

anno edizione: 2014

pagine: 64

Questo piccolo ricettario racchiude e descrive alcuni dei piatti tipici di tutta la Calabria. Da Reggio Calabria alla Sila dalle coste ioniche a quelle tirreniche l'autrice ci racconta la sua terra d'origine attraverso i piatti della tradizione tramandati da famiglia a famiglia. Ricette che ancora oggi ci descrivono una terra ricca di storia e di sapori; una terra troppo spesso dimenticata insieme alle sue ricchezze. Da lei, generatrice generosa, Kalon Brion, antico nome della Calabria - la terra che fa sorgere il bene nasce ,quindi, anche questo libro.
4,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.