Il tuo browser non supporta JavaScript!

MANNI

Il balcone e il neuromarketing immobiliare. Come le emozioni, l'architettura e la ricerca di un nuovo benessere influenzano la nostra idea di casa

Riccardo E. Grassi

Libro

editore: MANNI

anno edizione: 2020

pagine: 128

Cosa orienta le nostre scelte quando decidiamo di comprare casa? È la razionalità che ci guida, oppure sono le emozioni a prevalere? Quale valore riconosciamo all'architettura, alla certificazione energetica, alle "finiture di pregio" rispetto alle sensazioni e al nostro benessere fra le quattro mura? Le recenti scoperte delle neuroscienze ci consentono di affrontare questi temi da una prospettiva inedita che intreccia l'architettura e il marketing, l'home staging e il design con gli stimoli che ci arrivano da psicologia e sociologia. E ci offrono una chiave di lettura di un fenomeno completamente nuovo nel comparto immobiliare residenziale: gli spazi abitativi, e ancor più il balcone, vengono oggi caricati di valori simbolici, edonici, evocativi, identitari che superano le funzionalità degli ambienti in quanto tali proiettando la casa e lo spazio outdoor in un immaginario sempre più condiviso. In questa nuova ottica human centric, il libro di Riccardo Grassi chiarisce gli aspetti più attuali legati all'abitare: ne derivano indicazioni pratiche riguardo all'allestimento scenografico delle stanze, alla presenza di oggetti di design, all'experiential marketing, al ruolo dell'architettura come strumenti strategici in grado di creare valore differenziale per il prodotto-casa.
13,00

Futuri contingenti

Gianluca Costanzo Zammataro

Libro

editore: MANNI

anno edizione: 2020

pagine: 64

Mediante lo strumento offerto dal verso, Gianluca Costanzo Zammataro delinea gli aspetti di un'indagine che scarta di continuo il suo livello, in una prospettiva di volta in volta biologica, ecologica, antropologica, ontologica applicata a corrispondenti esperienze che la specie Homo sapiens con le sue facoltà, caratteristiche, i sistemi di relazioni che le sono propri si trova ad effettuare. In questo scenario niente si distrugge, ogni cosa si rinnova e crea continuamente in sé e rispetto al soggetto che sperimenta, quasi a dispiegare nei diversi processi che la riguardano una natura doppia e solo parzialmente determinata.
13,00

Giuseppe nei tempi del mare

Benedetta Trevisani

Libro

editore: MANNI

anno edizione: 2020

pagine: 192

La storia di Giuseppe è una storia che si svolge sul mare, anzi su tanti mari sui quali si gioca il destino degli uomini. La vita del protagonista si misura e trova compimento nella liquidità delle rotte marine che determinano il flusso dei ricordi e stimolano il racconto delle vicende del passato. Il ritorno al porto da cui si è partiti, nel senso reale e metaforico, conclude un'esistenza scandita dal ritmo delle onde, favorevoli e contrarie, custodi del corso delle memorie e di un'identità personale che viene ancora cercata e difesa.
16,00

Le vie della crescita per la piccola impresa. Dai valori familiari al valore aziendale

Oronzo Trio

Libro

editore: MANNI

anno edizione: 2020

pagine: 224

La piccola impresa ha un futuro? La dimensione ridotta è un limite o un punto di forza? Quali vie bisogna seguire per esprimere appieno le potenzialità di crescita e raggiungere fatturati e profitti soddisfacenti? Il libro prova a dare una risposta a questi interrogativi focalizzandosi su un campione di imprese familiari di successo, di cui illustra e analizza i principali percorsi strategici. Nella prima parte del volume sono prese in esame le caratteristiche della piccola impresa familiare: se ne descrivono i tratti distintivi soffermandosi in particolare sui rapporti tra famiglia e impresa, sulla governance, sui nodi del passaggio generazionale, sull'innovazione e i processi di cambiamento continuo necessari per competere efficacemente nel mercato nazionale e globale, sul brand e il controllo di gestione, sul rapporto banca-impresa, con specifico riferimento alle relazioni con le banche locali.
17,00

Che non rimanga traccia

Simona Adurno

Libro: Copertina morbida

editore: MANNI

anno edizione: 2019

pagine: 62

Questa raccolta poetica è costruita intorno alla consapevolezza di essere e agire nel quotidiano comunicare. Calati nella realtà, pur rimanendo nell'ombra, i versi dicono di certezze e incertezze, desideri, consolazioni in un mondo che è respiro ampio e non permette soste. Rimane saldo l'amore come volontà e insieme rimpianto, dolcezza e sofferenza, nel gioco dello spazio sottile della vita.
13,00

L'insostenibile pesantezza delle chiacchiere

Claudia Maniccia

Libro

editore: MANNI

anno edizione: 2019

pagine: 96

Questo libro non è un saggio scientifico, né un divertissement, non una riflessione filosofica né una conversazione futile, una malignità, una diceria o un parlare tra amici; o anche è tutto questo. L'analisi comprende le chiacchiere dei politici, le chiacchiere che si evitano, quelle programmate e quelle fatte per passare il tempo, insomma la chiacchiera come strumento di comunicazione è sotto esame nei suoi molteplici risvolti interni ed esterni, scandagliati con un graduale e costante velo di ironia e godibilità.
12,00

Il ghepardo della Lunigiana

Roberto Curatolo

Libro

editore: MANNI

anno edizione: 2019

pagine: 240

Katia Rinero è una cantante di provincia che negli anni Settanta vive un successo rapido e inatteso. Dapprima come solista, poi con il gruppo dei Navigators, l'artista della Lunigiana dal corpo agile e flessuoso è per alcuni anni sulla cresta dell'onda. Ma i tempi cambiano, le etichette discografiche chiedono altre voci, altri volti: dai palcoscenici più importanti, Katia finisce a esibirsi nelle balere e nelle sagre di paese, dimenticata dai fan e dagli impresari. Le delusioni professionali, gli amori infelici, il tormentato ruolo di madre però non la induriscono, né la rendono saggia: Katia non perde la sua schiettezza, la sua impetuosità.
15,00

Il cugino Attilio

Ferruccio Marzano

Libro

editore: MANNI

anno edizione: 2019

pagine: 112

Il casato di lignaggio in un cittadina del Salento leccese è in primo piano in un narrato-saga, prosecuzione reale del precedente "Angelo Falco", del 2011. Racconta vicende del secolo passato intrecciate fra la piccola storia di una provincia del Meridione e quella più grande italiana. Ferruccio Marzano ripercorre la vita pubblica e privata del protagonista e di chi gli sta attorno con l'intento di fissare le coordinate delle radici e di un percorso esistenziale indice dei mutamenti della società: le stagioni di un bambino poi adulto ed anziano sono emblematiche della trasformazione in atto nel contesto di un paesino e dell'Italia intera.
14,00

L'infinito dei verbi

Piera Mattei

Libro

editore: MANNI

anno edizione: 2019

pagine: 144

In questa raccolta poetica accade che le parole, quanto più sono pronunciate nella loro forma indefinita, tanto più sono pronte a definirsi in pensieri e accadimenti, in un ritmo aperto, che accoglie i gesti divenuti necessari insieme alle rivelazioni nuove e ossessive. Prende vita una riflessione su concetti e suoni che pronunciamo quotidianamente - Io, Spazio, Natura, Paura -, su imperativi interni ed esterni, sulla meraviglia dell'intelligenza matematica innata, sul coraggio del pensiero e della progettualità. Una poesia al presente, dove è assente la narrazione del ricordo, dove l'accadimento improvviso, eccezionale rimanda, su altra scala, alla regolarità di quell'evento.
15,00

Certi legami

Paolo La Peruta

Libro

editore: MANNI

anno edizione: 2019

pagine: 352

Certi legami possono salvare la vita, certi legami possono rovinarla. E questo, Pietro Sicuro, proprietario del Caffè Letterario di Lecce, il più improbabile dei detective per caso, lo sa bene. Invischiato in una pericolosa storia di vendetta che coinvolge e minaccia la sua famiglia, Pietro si muove per le strade del Salento tra spietati assassini e severi ispettori, problemi di cuore e di lavoro, attrici affascinanti e vicine impiccione, piatti di linguine alle vongole e birrette ghiacciate in riva al mare. La sua innata capacità di fare e dire la cosa sbagliata al momento sbagliato ci regala un'altra avventura densa di mistero, suspense e sorrisi.
17,00

Alla voce cultura. Diario sospeso della mia esperienza di Ministro

Massimo Bray

Libro: Copertina morbida

editore: MANNI

anno edizione: 2019

pagine: 220

La cultura per leggere i cambiamenti, le motivazioni della crisi, le indicazioni per il futuro. Strumento per la crescita della partecipazione e della democrazia, per sentirsi parte di una comunità solidale. Massimo Bray racconta perché la cultura dovrebbe diventare centrale per la vita politica e sociale in un'epoca di grandi trasformazioni: per alimentare la conoscenza come presupposto per la condivisione di valori e la nascita di nuove comunità di cittadini consapevoli; per tutelare il patrimonio italiano, memoria della nostra storia e chiave del nostro futuro; per promuovere nuovi modelli di partecipazione e democrazia e valorizzare la cooperazione internazionale come strumento di dialogo e di pace.La riflessione su questi temi passa anche attraverso le esperienze da Ministro: le missioni in Iran, Cile, Giordania e Palestina, nel quadro di una diplomazia culturale tesa a rinsaldare i rapporti tra i popoli in un incontro tra civiltà, potenzialmente capace di creare nuovi quadri geopolitici; i viaggi in Italia (Pompei, Sibari, la Reggia di Caserta e quella di Carditello, i Bronzi di Riace, Taranto, la Notte della Taranta...); l'ascolto delle esigenze e delle istanze di cambiamento, sul piano politico e su quello tecnologico; la convinzione che attraverso la cultura si possa creare comunità e che esista un filo rosso che lega le miriadi di singoli e associazioni attive nella promozione culturale. Apre e chiude il libro, a far da cornice ai dieci mesi da Ministro, l'esperienza come Presidente del Salone del libro di Torino. E, sempre al centro, quella dell'uomo.
16,00

Le colpe del Sud. Ripensare la questione meridionale per il Mezzogiorno, la Puglia, il Salento

Claudio Scamardella

Libro: Copertina morbida

editore: MANNI

anno edizione: 2019

pagine: 192

Con la fine della Guerra fredda, la globalizzazione e la società digitale il Sud perde tutte le rendite di posizione territoriale che avevano garantito, fino a trent'anni fa, protezioni, aiuti e sostegni. Ma il meridionalismo non aggiorna la sua cassetta degli attrezzi, classi dirigenti ed élite intellettuali anziché produrre nuove idee si adagiano nella retorica dell'inganno e dell'abbandono, rifugiandosi nella sterile litania della "colpa degli altri" e nel rivendicazionismo lamentoso. Fino all'emergere di un sudismo impastato di nostalgie borboniche. Trent'anni persi a rincorrere il Nord. E trent'anni di opportunità sprecate. Ora il cerchio si chiude: il partito nato per punire il "banditismo dei meridionali" conquista voti e consensi anche al Sud, le popolazioni del Mezzogiorno si consegnano (si arrendono?) a chi le aveva insultate e additate come "zavorra del Paese". In questo quadro la Puglia rappresenta un "caso", con i ritardi infrastrutturali, gli indicatori socioeconomici negativi, il contrasto tra immagine e sostanza. Il suo governo prende la china del movimentismo immobilista producendo danni sul territorio, come accade per la xylella, il gasdotto Tap e l'Ilva. La primavera pugliese è durata un soffio, lasciando molte contraddizioni. Un "caso" è anche il Salento: terra in cammino, laboratorio di ciò che il Sud può essere o diventare se il meridionalismo "di pensiero" torna a prevalere su quello "di potere", puntando su vocazione mediterranea e federalismo municipalista. È con il protagonismo dei territori che il Sud può riprendere il destino nelle proprie mani e rimettersi in marcia.
15,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.