Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina
Iscriviti alla newsletter

Giovane Holden Edizioni

Il mese più bello della mia vita

Damiano Trenchi

Libro: Libro rilegato

editore: Giovane Holden Edizioni

anno edizione: 2024

pagine: 224

Quel pallone bianco e rosso che rimbalza sul campetto di Lisenzio, alla periferia milanese, pesante di un inverno di fine millennio, non è solo un gioco. Perché quel pallone bianco e rosso raccoglie la loro rabbia e i desideri, ascolta i silenzi incerti e grida di gioia, di alcune giovanissime giocatrici di calcio a sette, un mosaico di provenienze e di caratteri, una squadra che forse in campo si può battere, ma che fuori è molto tosta: le Pantere. Ginevra di quella squadra è il capitano. Sensibile ma determinata, cerca una sua strada tra gli ostacoli di un'esistenza non facile, fatta di tanti dubbi e altrettanti sogni. I suoi genitori non ci sono più e il futuro, in un quartiere dalle mille lingue, è tutto da scrivere. Ma con lei ci sono la piccola ed estroversa Lucia, la bella Jamila che in porta non si batte, Cecilia grande nel fisico e ancor più nel cuore, e poi Laura, Egle, Serena, Andrea… storie diverse e intense di ragazze cresciute in fretta, coraggiose nel guardare sempre negli occhi le proprie paure, infiammate dalla voglia di mostrarsi più forti di un destino storto, di riconoscersi simili e di stringersi le une alle altre per affrontare insieme problemi e avversari. E poi un allenatore misterioso e attraente, un delizioso negoziante egiziano, tutta una piccola galassia di personaggi che custodiscono in sé molto più di ciò che mostrano. Di pagina in pagina, le parole assecondano con delicatezza il fluire incalzante di pensieri, e si illuminano di emozione per cogliere il pulsare di vita di giovinezze vibranti.
14,00

Cara Eloisa. Lettera a una figlia del nostro tempo

Ilenia Pasquetti

Libro: Libro rilegato

editore: Giovane Holden Edizioni

anno edizione: 2024

pagine: 88

Cara Eloisa. Lettera a una figlia del nostro tempo è un romanzo breve, che si rifà al genere epistolare per la dichiarata volontà dell'Autrice di instaurare un dialogo con la figlia, alla quale è dedicata la lettera, ancor prima della sua nascita. La lacerazione dell'anima, per il lutto causato dalla morte della propria madre, la perdita del senso della vita e dello scorrere del tempo segnano il periodo di gemmazione della figlia nel grembo materno. Intraprendendo un viaggio interiore, l'Autrice ripensa al legame con la madre, e ripercorre i passaggi più intensi della sua sofferta esistenza, che si è svolta in una periferica regione del Sud Italia, solo lambita dai processi di modernizzazione. Ma è dal rapporto d'amore e odio con la desolata terra, in cui è nata, che l'Autrice trae l'approccio anticonformista alla vita e la sete di conoscenza aprendosi al dialogo con l'altro. In un'indimenticabile serata di maggio, le circostanze di tempo e luogo rendono possibile l'incontro tra una giovane donna antitradizionalista e un ragazzo giunto, in una provincia sconosciuta ai più, dal cuore dell'Africa. Del moderno Enea, che sconvolgerà l'ordine della sua vita, vuole sapere tutto. Prende così vita un altro racconto, incentrato sulle vicende vissute dal futuro padre di Eloisa: il viaggio di fortuna attraverso il deserto sahariano e il mare mediterraneo, la condizione di profugo, la schiavitù del lavoro nelle campagne del foggiano e la difficile integrazione. Il sentimento della compassione, provato l'uno per l'altra, porterà i due amanti a formare un insieme indissolubile, all'interno del quale le differenze si mescolano e la speranza di una vita nuova può superare barriere spesso disumane e germogliare.
13,00

Parole di cura. Come le parole possono migliorare le nostre relazioni (di cura)

Anna Arnone

Libro: Libro rilegato

editore: Giovane Holden Edizioni

anno edizione: 2024

pagine: 64

Quanto influisce la scelta delle parole nei contesti di vita quotidiana, con le persone a noi care, nel lavoro, nel tempo libero, negli impegni importanti? Moltissimo. Le parole sono più vive che mai, hanno rivissuto nelle vite di tanti giovani, di eccelsi scrittori, di anziani, colonne portanti di intere generazioni, arrivando a noi rafforzate di nuova potenza. Ogni volta che ne pronunciamo una le permettiamo di esistere e di resistere: il nostro linguaggio potrà arricchirsi, risuonare pieno e avvolgente. Quante volte ti sei soffermato a pensare a quanto può essere importante una parola nella comunicazione, nell'intessere relazioni? Fanno parte di noi, ci danno identità, proteggendoci, dominandoci o inferendoci colpi mortali. Personalmente, penso alle parole come a un dono preziosissimo, capace di regolare le nostre vite, di aiutarci nei percorsi quotidiani, curandoci e curando. Le parole sono come l'amore: esistono amori lunghi, altri distruttivi, altri platonici, altri ancora romantici e impressi nel passato, come quelli dei nostri nonni; tutto dipende dal modo in cui vogliamo instaurare una relazione con le parole, da come desideriamo possederle, facendoci un regalo inestimabile, quello di vivere più vite e più vita. Il nostro modo di comunicare diventa un collante tra noi e il mondo, tra chi siamo e chi vorremmo essere, tra chi siamo e chi siamo stati. Rappresentano, in sostanza, il nostro calcolo perfetto per modulare qualunque discorso, anche in situazioni tortuose. Con un uso consapevole e intelligente possiamo ottenere ciò che ci siamo prefissati: possiamo dare conforto in situazioni difficili; ammaliare, calamitando con un discorso vincente e avvincente; amare, scegliendo le parole più adatte per descrivere l'intensità del nostro sentimento; convincere, usando parole scelte con dedizione senza cadere nella banalità. (dall'Introduzione)
13,00

Il collezionista

Giulio Irneari

Libro: Libro rilegato

editore: Giovane Holden Edizioni

anno edizione: 2024

pagine: 272

Guido Occhipinti è un importante esperto di libri rari e pregiati che mette la sua competenza al servizio di appassionati bibliofili e ricchi collezionisti. Uomo schivo e posato, raffinato maestro bibliotecario e cacciatore di tomi preziosi, ha saputo guadagnarsi la stima di clienti particolarissimi, che non vedono in lui solo un accurato professionista, ma un custode di segreti, qualcuno con cui possono svelare le proprie intimità profonde. Perché una vera biblioteca è molto più che una raccolta di volumi, al di là del loro valore. Essa custodisce tra gli scaffali, siano vecchi legni gotici o sofisticati archivi tecnologici, le storie di coloro che la hanno costruita, racconta le loro idee, le manie, le visioni più private del mondo, le curiosità e le bizzarrie. E poi non manca di testimoniare pensieri e aspettative sul futuro, ovvero sul senso che una collezione peculiare - costosa, per certi versi ossessiva, di fruizione complicata e destinata a sopravvivere a chi la realizza o la possiede - potrà rappresentare per chi verrà. Ovvero, magari in mezzo ai libri proibiti, in raccolte sterminate o esoteriche oppure su manoscritti rivoluzionari, a nascondersi tra quegli scaffali sono questioni radicali, che si fanno nel tempo più pressanti. In un romanzo intenso e ricercato, un gruppo di personaggi compositi, animati da pesanti interrogativi e da passioni tortuose, incrocia il cammino di Guido, che a sua volta cela in sé un grande dolore irrisolto. Tutti con umana ostinazione cercano di rinvenire un principio, un giusto ordine nei libri che tanto amano, ma anche nello stesso vivere.
15,00

Morire a Barentsburg

Paolo Bonacini

Libro: Libro rilegato

editore: Giovane Holden Edizioni

anno edizione: 2024

pagine: 264

Nell'incanto glaciale delle Svalbard, oltre il Circolo Polare Artico, Barentsburg è un minuscolo insediamento di minatori. Da lì passano le grandi navi che trasportano carbone e i gruppi di turisti che si avventurano verso il nord più estremo, alla ricerca di emozioni indimenticabili tra i ghiacciai. Francesco Manus, professore di matematica con una potente passione per la vela, intraprende quel viaggio per ritrovarsi dopo che la vita lo ha ferito. Negli occhi cerulei della esperta guida Ghaliya scopre un calore speciale, che lo spinge a inseguire con lei un futuro finalmente sereno. Ma non sarà cosa facile, perché la storia della bella Ghaliya è dolorosa e piena di ombre, e le scelte che può fare sono limitate. Tanto più che nella desolazione artica, anche le mafie dell'Est Europa muovono i loro spietati traffici, siano di merci o di esseri umani. Un intreccio profondo lega questa storia a un cadavere ripescato nelle acque del Po, non lontano da Reggio Emilia. La Squadra Diamante in Carne e Ossa, singolare gruppo di investigatori di provincia a loro modo emuli di un popolare fumetto sulla polizia, si interessa al caso. Un enigmatico Mister Ignoto li indirizza forse sulla pista della verità, ma mette alla prova le loro capacità di indagine continuando a sfuggire. Poco a poco, si delinea il quadro di una vicenda complessa e molta ampia, dai risvolti imprevisti. Un giallo originale e suggestivo, che con una intrigante definizione psicologica dei personaggi e delle interazioni sa miscelare registri e ambientazioni differenti, componendo una storia intensa e avvincente.
15,00

Due vite, un destino

Carlotta Bellanzin

Libro: Libro rilegato

editore: Giovane Holden Edizioni

anno edizione: 2024

pagine: 128

Vengono alla luce uno accanto all'altra, Davide e Lucia, come doni di un pomeriggio di primavera che un destino ha legato fin dal primo vagito. Dall'istante di uno spaesato ritrovarsi nelle culle della nursery, le loro esistenze non smettono più di incrociarsi. Diversi per carattere e per inclinazioni - timida e riservata lei, espansivo e audace lui - i due condividono il tempo incantato della prima infanzia senza di fatto conoscersi, ma sempre vicini. Il tempo passa e la scuola, le amicizie, tanti nuovi interessi li fanno crescere e cambiare. Ma la strana scintilla che sembra sempre attrarli non si spegne. Ed ecco che può finalmente divampare in un sogno afoso di metà anni Novanta: nello sfolgorio dell'adolescenza il loro vincolo pare indissolubile. Ma la vita non smette mai di mescolare le carte. Le strade si allontanano, e della loro unione sembra non rimanere che un saluto fugace. Ognuno compirà le proprie scelte, troverà un nuovo sé, costruirà una sua famiglia. Eppure… Saranno magari lontani, ma affatto perduti: Davide e Lucia intrecceranno ancora e ancora le proprie vicende, senza essere consapevoli del perdurare della particolare magia che fin dalla nascita li ha uniti. Saranno segnati dalla malattia, dalla perdita, dalla violenza. Ma quando si troveranno ad affrontare le prove più ardue, il valore di un legame deciso forse dalle stelle sarà ciò che farà la differenza. Una storia semplice ma intensa e piena di fascino, che con la chiarezza di un narrare sincero ed emozionale tinge il quotidiano delle sfumature suggestive dettate dalla forza di un amore inarrestabile.
13,00

La scelta di Michele

Andrea Mambretti

Libro: Libro rilegato

editore: Giovane Holden Edizioni

anno edizione: 2024

pagine: 216

Michele è un giovane ingegnere informatico dinamico e ambizioso, in cerca della buona occasione per far svoltare la propria vita. Occasione che sembra arrivare quando un grosso cliente internazionale si interessa a un suo software innovativo, mettendolo al centro di un business dalle prospettive molto lucrative. Le porte del successo tanto desiderato sembrano finalmente spalancarsi: arrivano affari in tutto il mondo, il pieno riconoscimento delle sue capacità, nonché un mucchio di soldi e promesse ancora migliori. E a coronare un momento splendido, ecco anche Diana, una ragazza affascinante con cui cresce un rapporto speciale, un innamoramento così dolce come lui non avrebbe neppure mai pensato possibile. Eppure, egli non riesce a liberarsi da una strana inquietudine che non smette mai di accompagnarlo. C'è qualcosa di enigmatico nelle donne ammalianti che lavorano con lui, negli incarichi che gli vengono affidati, nella facilità con cui ogni cosa va sfacciatamente bene; e persino nel suo nuovo, lussuoso ufficio, dove via via affiorano tracce allarmanti. Solo suggestioni, si dice Michele, che non vuole farsi troppi scrupoli davanti al benessere. Ma la verità che gli si svelerà sarà ben più sinistra, e quando infine si renderà conto di ciò che sta facendo davvero, si scoprirà già preso in un vortice di terrore che gli umani non dovrebbero conoscere. In un crescendo ben cadenzato, costruito con uno stile diretto ma capace di echeggiare angosce e mistero, le venature di orrore sovrannaturale si impadroniscono di un racconto avvincente, fino a confondere tutto ciò che si crede.
14,00

Figlia di madre che non consente di essere nominata

Emanuela Bizzotto

Libro: Libro rilegato

editore: Giovane Holden Edizioni

anno edizione: 2024

pagine: 240

È il due marzo 1976 quando a Trento viene alla luce Emanuela, una bambina dagli occhi azzurri e del carattere inquieto. La sua nascita è il punto in cui si incrociano, senza saperlo, le storie di due famiglie diversissime, legate però da un imprevedibile destino di affetto. Perché la mamma biologica della piccina, Luisa, stravolta dai rovesci di una esistenza non facile, non si può occupare di lei, e non può che scegliere di separarsene immediatamente, dandola in adozione subito dopo aver partorito. La bambina trova poco dopo in Angelina e Gino dei genitori che la ricoprono di amore, dimostrando che le regole dettate dal cuore sanno essere ben più forti di quelle del sangue. Ma un bisogno insopprimibile di verità e di identità porta Emanuela, divenuta adulta e a sua volta madre, a voler sciogliere lo strano dubbio che fin dall'infanzia la aveva sempre fatta sentire diversa. Intraprende quindi una coraggiosa indagine alla ricerca di colei che la aveva messa al mondo. I passi della sua ricerca divengono le pagine di un racconto caldo, pieno di emozione, che nel descrivere una vicenda personale illustra uno spaccato della vita italiana del secondo Novecento. E soprattutto, con una attenta analisi del mondo delle adozioni si sofferma sul significato profondo della famiglia. Le parole sono vivide, accese delle emozioni più sincere che una storia raccontata dalla viva voce della protagonista sa dare. Emanuela svela la propria esperienza senza paure, perché possa magari servire da ispirazione, e per far riflettere sui valori più autentici dell'essere genitori e dell'essere figli.
15,00

Il gioco di Claudia

Michele Visconti

Libro: Libro rilegato

editore: Giovane Holden Edizioni

anno edizione: 2024

pagine: 176

Anno 2423. Il mondo come lo conosciamo non esiste più. Per porre fine alla devastazione innescata da guerre fratricide, il pianeta Terra è stato riunito sotto un unico governo mentre l'amministrazione nei vari territori, nominati distretti, è affidata a governatori. Alle più alte autorità politiche è riservato l'uso della tecnologia e l'accesso alle scienze; monitorate e limitate la diffusione della cultura e delle attività sportive a livello agonistico. I governanti assicurano il ricambio generazionale delle classi al potere selezionando le menti più brillanti, attraverso spietati giochi in cui i concorrenti si sfidano, senza esclusione di colpi, sia sul piano fisico sia su quello intellettuale. Avocando a sé l'uso della tecnologia più avanzata e l'accesso alle scienze e alla cultura, il governo centralizzato ha sì posto fine alle guerre ma ha anche privato la popolazione comune dei più elementari diritti sociali. Se per molti, la perdita della libertà, è un prezzo equo pur di vivere in pace, per altri è venuto il momento di ribellarsi. Tra questi ultimi si annoverano alcuni Moderati, che mettono in discussione l'operato del governo all'interno delle stesse istituzioni. Uno dei Moderati più in vista è Cornelio Savarese, politico e scienziato, padre della giovane Claudia. Mentre la ragazza si prepara a partecipare con l'amico Michele, figlio del Moderato Giovanni Falcone, ai giochi del loro distretto, i due scienziati scompaiono e strani incidenti sconvolgono la penisola Italica. Tra intrighi, complotti e azioni estreme, i due giovani protagonisti dovranno confrontarsi con i propri valori e decidere quale strada seguire per sopravvivere in un mondo spietato in cui tutto pare essere già stato deciso.
13,00
Muro d'amore

Muro d'amore

Isabella Taddeo

Libro: Libro rilegato

editore: Giovane Holden Edizioni

anno edizione: 2024

pagine: 120

Laura è la giovane art director di un'importante agenzia pubblicitaria milanese. Indipendente, dinamica, dedita al lavoro, sembra aderire in maniera perfetta alla vita della grande città, assecondando lo spirito di un mondo rapido e spesso superficiale. Il ragazzo nigeriano che attacca i manifesti sul muro di fronte al bar dove Laura si ferma ogni mattina, Kamaru, sulle prime è solo un particolare di una giornata fatta di frenesia e di scadenze. Col tempo però si fa abitudine, e poi curiosità che intriga. Così poco a poco nasce un sentimento coraggioso, capace di guardare al di là di tante differenze. Il pregiudizio si rivela ottuso davanti alla voglia di scoprirsi e al piacere di essere vicini. È il principio di una storia intensa, che in breve tempo supera ogni aspettativa. Quello che sta vivendo Kamaru è infatti un dramma che riflette la storia di un continente. E quando egli apre il proprio cuore, racconta di speranze tormentate, di abbandoni desolanti ma necessari, di esistenze al limite e di un viaggio inconcepibile. In nome di quel sentimento che ha scardinato le sue certezze, Laura vorrà andare fino in fondo. E allora la vita fino a quel momento senza troppe scosse le si riempirà di significati differenti, che la spingeranno verso decisioni difficili e le daranno la forza di non cedere quando tutto sembrerà crollare. Con armonia ed espressività, la scrittura si fa strada nelle emozioni di un amore sorprendente, costruito con sincerità e dedizione, e inseguito oltre deserti di sabbia e di preconcetti.
13,00
Angoli vivi. Trentasette eterotopìe

Angoli vivi. Trentasette eterotopìe

Camilla Pisani

Libro: Libro rilegato

editore: Giovane Holden Edizioni

anno edizione: 2024

pagine: 72

Componimenti di intensità espressiva, che si svincolano da qualsiasi gabbia compositiva per sprigionare una visionarietà libera, fluida, battente. Solo nel distendersi sul rigo ogni verso riconosce il proprio ritmo unico, scoprendosi ora breve segno, singolo termine in grado di racchiudere tutta la forza di un'idea, ora sciogliendosi in un lungo getto di emozione e trasmutandosi in profluvi di prosa. In un racconto incisivo e mai scontato, fatto di sinestesie raffinate ed energiche, di gradazioni imprevedibili, di anafore intense e coinvolgenti, il pensiero scorre come un brano di pellicola in fotogrammi di dettagli preziosi, che nel cuore custodiscono vibrazioni amorose, ricordi ancora accesi e suggestioni struggenti. E poi da qui si allarga, si fa più liquido per scivolare in un luogo mentale dalle tinte quasi oniriche, dove il ricordo fa riaffiorare sensazioni profonde e delicate. Un gusto pieno ed elegante della parola si accorda con le intonazioni di significato sempre vivide, palpitanti di presenza e di vitalità, anche nel momento che nella memoria suona, dolceamara oppure feroce, la malinconia. Proprio in ciò che appare più celato alla coscienza, occultato in un angolo che sta al di fuori della percezione comune, la spontaneità sa scoprire altri percorsi, mescolando reale e immaginario, medium e storie, ispirazioni e forme della mente. E si rivela allora un intero universo, in cui è un gioco meraviglioso incantarsi e sorprendersi.
12,00
Frammento di luce

Frammento di luce

Stefania Silvestri

Libro: Libro rilegato

editore: Giovane Holden Edizioni

anno edizione: 2024

pagine: 64

Nuove forme si compongono nella notte, e risuonano eco potenti ed evocative. La notte che di questa intensa silloge è sostanza si fa spazio ideale della suggestione, dimensione profondamente intima dove il pensiero sa dare completezza alle intuizioni, arrivando anche oltre il filtro della completa coscienza. Le percezioni si mescolano e le emozioni riverberano, spingendosi verso nuovi limiti. Ecco così la scoperta di verità limpide e diverse, più estreme e più pure, che nel buio si dilatano e si caricano di sfumature pregnanti. La sensibilità di poesie nitide e appassionate racconta di una notte che ha in sé una essenza duplice e compenetrata. Essa infatti sa essere sì doloroso buio spirituale, in cui la solitudine scaglia in abissi insopportabili, ma anche luogo di conforto, rifugio sospeso dalle urgenze di un quotidiano talvolta troppo convulso. Alle visioni intrise di dolore, di rabbia, di rimpianto sempre bruciante, si intrecciano momenti lirici di quiete, che con un senso di virginale meraviglia ritrovano nei silenzi notturni un incanto dai contorni estatici che può accogliere, proteggere e confortare, oppure accompagnare verso sogni nostalgici, mentre affascinanti simbologie e sofisticate creature di emozione si muovono nell'oscurità. La scheggia di luce in sé è promessa di metamorfosi vitalistica e inevitabile. Ci si affida dunque alla notte, saldi nella certezza che nel cuore della tenebra sia custodito, segreto e fecondo, il seme della nuova alba.
12,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.