Il tuo browser non supporta JavaScript!

EDES

Antologia premio Gramsci 14ª edizione

Libro: Copertina morbida

editore: EDES

anno edizione: 2015

pagine: 508

Il volume "Antologia Premio Gramsci 2014, edito dalla EDES di Sassari, contiene cinque saggi che sono stati premiati e riconosciuti meritevoli di pubblicazione dalla Giuria del Premio composta da Salvatore Zucca, Lilli Pruna, Maria Paola Masala e Giulio Angioni. Già il titolo dei saggi: "Antonio Gramsci. Tracce di vita e di pensiero nelle Lettere e in altri scritti: rivisitazione di una biografia", "Profili paralleli: Antonio Gramsci ed Edward W. Said", "La costruzione dei consigli di fabbrica nella attività teorica e pratica di Antonio Gramsci (Settembre - Dicembre 1919)", "Antonio Gramsci: Quaderno 22. Americanismo e fordismo", "Processi di soggettivazione e assoggettamento da Antonio Gramsci negli studi di genere post coloniali", ci informa di quanto vasta sia la galassia degli studi gramsciani in Italia e nel mondo. A questo si deve aggiungere il fatto che gli autori dei saggi sono di diversa estrazione e di diversa età e che nessuno di loro è di provenienza accademica. Il volume si avvale anche dell'introduzione del presidente dell'Associazione Casa natale Gramsci di Ales che organizza il Premio e di un'ampia prefazione di Giorgio Serra.
28,00

A Frascùa. In Trexenta tra passato e presente

Salvatore Atzori

Libro: Copertina morbida

editore: EDES

anno edizione: 2015

pagine: 262

Con quest'opera l'autore intende approfondire la ricerca sulla storia e la cultura della regione storica della Trexenta, con particolare attenzione ad alcuni tratti delle tradizioni del proprio paese, Guasila, nel quale vive e opera. I dati, attentamente prescelti tra i tanti e sempre inseriti nel flusso dei fenomeni storici e culturali della Sardegna, contribuiscono a delineare un quadro dell'agire e del vivere delle popolazioni di una zona che nel passato remoto e recente hanno elaborato una importante cultura agropastorale e per la cui valorizzazione si sentono tuttora vocate nonostante il misconoscimento, oggi, della sua importanza, che tuttavia pare rivelarsi di stringente necessità nel contesto di una crisi globale che in questa regione appare più profonda e tale da far pensare al ricorso di fasi storiche che si ritenevano ormai superate. I cittadini trexentesi e, attraverso una intelligente valutazione dei dati, tutti i sardi possono acquisire da questa lettura una più lucida coscienza della loro identità e della loro attuale situazione.
23,00

Do-Re-Musica. Atti del Convegno di studi in onore di Don Dore

Libro: Copertina morbida

editore: EDES

anno edizione: 2015

pagine: 180

Creatore ed animatore del primo museo degli strumenti musicali sardi, nonché autore di diverse pubblicazioni tra cui Gli strumenti della musica popolare della Sardegna e Gosos e ternuras, don Giovanni Dore è stato una figura simbolo per tutto il movimento di riscoperta, divulgazione e riappropriazione della cultura musicale sarda negli ultimi decenni del secolo scorso. Oggi, a pochi anni dalla sua scomparsa (2009), continua ad essere ricordato con stima e ammirazione ma anche con grande simpatia, grazie alle sue doti di comunicatore e al fascino che esercitava sui visitatori del museo e sugli ascoltatori delle tante conferenze cui veniva invitato in diversi contesti, dalle sedi universitarie alle scuole materne. Il volume contiene gli atti del Convegno in suo onore.
16,00

A mala gana. I piemontesi in Sardegna (1720-1783)

Pietro Soddu

Libro: Copertina morbida

editore: EDES

anno edizione: 2015

pagine: 160

"A mala gana", in sardo logudorese, vuol dire tante cose. Nel titolo di questo libro vuol dire "per forza" ("a malagana bisonzat de hachere gosi", dice Serafino Spiggia, che lo scrive come una sola parola, per forza bisogna fare così). È, secondo Pietro Soddu, il modo in cui ci sono stati in Sardegna, con i sardi che erano stati obbligati a governare dal 1720, i piemontesi di Vittorio Amedeo II e discendenti sino al 1793, anno in cui si ferma il racconto. E a mala gana ci stavano con loro (sotto di loro) i sardi: come sotto tutti i dominatori di turno, a mala gana, di controvoglia. Ma questa volta anche "resilienti", aggettivo che Soddu usa per la "paziente sopportazione di una condizione di evidente emarginazione e sfruttamento". Questo libro è, in forma di cantata popolare, il racconto dei primi settant'anni di dominio sabaudo, che finirà nella sfortunata "Sarda Rivoluzione". Un capitolo di una Sardeide, di cui già è stato pubblicato un altro segmento, Il Regno e l'azzardo. Quattro episodi della saga d'Arborea (Soter, 2014).
10,00

Tractato delle cose maravigliose

Marzia Caria

Libro: Copertina morbida

editore: EDES

anno edizione: 2015

pagine: 144

Il "Tractato delle cose maravegliose" è il titolo del secondo 'libro' del "Tratatello delle indulgentie de Terra Sancta" del missionario Francesco Suriano (Venezia 1450 - Assisi 1529 ca.), uno dei manoscritti circolati tra il XV e il XVI sec. tra il monastero di S. Lucia di Foligno e quello di S. Maria di Monteluce di Perugia. In esso sono raccolte le esperienze di viaggio di Suriano in Terrasanta e in Oriente, in particolar modo durante il suo guardianato del Monte Sion e del S. Sepolcro di Gerusalemme nel 1493-95 e nel 1512-14. Ampio il racconto sull'Islam e sulla figura di Maometto e dei suoi seguaci, minuziosa la descrizione del mondo orientale, ricca di particolari, spesso di ascendenza leggendaria, che potevano soddisfare la curiosità delle clarisse di Foligno, come quelli sugli abitanti di quelle terre lontane, sulla flora, la fauna e le pietre preziose di quei luoghi, con un gusto e un interesse ancora tutto medievale verso il "meraviglioso", il prodigioso e lo straordinario.
10,00

Poetando... ovvero mare, monti, stagioni del tempo e della vita (2012 -2015)

Adriana Mannias Barabino

Libro: Copertina morbida

editore: EDES

anno edizione: 2015

pagine: 80

"Poetando... ovvero mare, monti, stagioni del tempo e della vita" è una raccolta di 43 poesie in lingua italiana composte negli anni che vanno dal 2012 al 2015, raggruppate in due sezioni sulla base degli argomenti trattati: la prima, mare e monti, riguarda la località di Stintino, le tradizioni, gli abitanti, le attività, il monte Rosa e le Dolomiti; la seconda, stagioni del tempo e della vita, concerne tematiche d'attualità quali la donna, l'infanzia, il matrimonio, le difficoltà relazionali, la vecchiaia, l'autunno, la primavera e la solitudine.
10,00

Stintino, nello sguardo etnografico di Enrica Delitalia

Libro: Copertina rigida

editore: EDES

anno edizione: 2015

pagine: 128

Enrica Delitala ha insegnato per decenni storia delle tradizioni all'università di Cagliari, ma ha spaziato con i suoi studi in tutta la Sardegna. La sua attenzione per Stintino è stata speciale, perché legata ai ricordi di gioventù delle vacanze ai tempi del turismo per pionieri, quando poche famiglie della borghesia imprenditoriale e delle professioni di Sassari scoprirono il borgo dei pescatori, ponendo le fondamento per il suo futuro turistico. Enrica Delitala ha osservato questa complessa evoluzione, soffermandosi soprattutto su usi e tradizioni da lei vissute e però anche filtrate attraverso l'angolo di osservazione della ricerca sul campo.
15,00

Il tempo delle memoria. Storie, leggende, documenti di Stintino

Antonio Diana

Libro: Copertina rigida

editore: EDES

anno edizione: 2015

pagine: 72

Con "Il tempo della memoria" Antonio Diana è al suo quinto libro su Stintino. Stavolta si addentra nel passato, risalendo al 1700 e puntando l'attenzione sull'Asinara, che di Stintino può essere a ragione considerata l'origine, perché proprio dall'isola, destinata a diventare a fine Ottocento istituto penitenziario e stazione sanitaria, furono espulse le famiglie che si insediarono in terraferma a fondarono il paese di pescatori. Nel 1700 la Sardegna fu attribuita alla dinastia Savoia e l'Asinara fu oggetto di tentativi di colonizzazione, il principale dei quali, affidato a due francesi (i fratelli Velixandre) fallì in breve tempo. Diana, che è sindaco di Stintino e discende da una delle famiglie "cacciate" dall'Asinara, supporta il suo lavoro con ricerche documentali che ricostruiscono efficacemente la storia dell'isola.
14,00

Vita e morte dei prigionieri austro-ungarici sull'isola dell'Asinara (1915-1916). Un progetto di ricerca tra biologia, medicina e archeologia... (Stintino, 2015)

Libro: Copertina morbida

editore: EDES

anno edizione: 2015

pagine: 90

Il volume raccoglie e divulga i risultati preliminari di una ricerca multidisciplinare bio-medica e bio-archeologica finalizzata a una analisi approfondita e puntuale di un evento emblematico, utile a ricostruire un ulteriore tassello della "follia della guerra": la vicenda sanitaria dei prigionieri austro-ungarici trasferiti nel 1915 nel campo di concentramento allestito dalle autorità militari italiane presso l'isola dell'Asinara, in seguito alla capitolazione della Serbia, dopo il secondo attacco dell'esercito austro-ungarico, quando le truppe serbe intrapresero la marcia che da Belgrado li portò in Albania: l'esercito in ritirata trascinava con sé una massa di quarantamila prigionieri austro-ungarici. La ricerca descrive la situazione di emergenza e crisi umanitaria venutasi a creare sull'isola con l'esplodere di una terribile epidemia di colera che decimò gli sventurati soldati.
12,00

Verso sud. Storie di Sardegna in America Latina

Antonio Muglia, Salvatore Taras

Libro: Copertina morbida

editore: EDES

anno edizione: 2015

pagine: 96

Il Sudamerica, a ragione o a torto, ha sempre ispirato l'idea di una via di fuga affascinate quanto colma di inquietudini, un luogo alla fine del mondo dove rinascere o morire. Sono migliaia i sardi che hanno scelto di partire, portando con sé la speranza di un riscatto e poco altro. Ma la rotta verso queste terre non è solo un fenomeno del passato. Oggi la diaspora dei giovani è più forte che mai. Chi sono questi nuovi emigrati e cosa li aspetta dall'altra parte dell'oceano? "Verso sud" prova a rispondere a queste domande proponendo dieci storie di successo, in alcuni casi sorprendenti. Sono storie di uomini e donne incontrati attraversando il Brasile, l'Argentina e il Perù, gli Stati più estesi dell'intero continente. Nel loro viaggio da reporter, Antonio Muglia e Salvatore Taras di sardi ne hanno scovati ovunque, provenienti dai centri più disparati dell'Isola come Guasila, Ballao, Orroli, Alghero, Cagliari e Sassari. E proprio a un sassarese è dedicata una storia speciale, l'undicesima - tradotta anche in vernacolo turritano - esempio significativo della vecchia generazione di migranti. Tutti gli altri testi sono proposti bilingue in italiano e in sardo.
15,00

Sussurri dell'anima

Angelina Farris

Libro: Copertina rigida

editore: EDES

anno edizione: 2015

pagine: 80

Ciò che dà vita alla poesia è l'essenza di ogni parola e di ogni verso, intuita dal poeta nel cuore che batte con gioia o dolore. In molte poesie di questa raccolta, Angelina Farris, ascoltando se stessa, dà vita alle proprie emozioni trasmettendo in modo diretto, in un linguaggio nitido e trasparente, pensieri che "vagando/ si annidano nel tepore dell'anima". Poesia e pittura: sussurri dell'anima e pennellate (oli e acquerelli) alternati nelle pagine centellinano sensazioni delicatamente e con garbo. E sono un binomio inscindibile in molte produzioni dell'autrice, espressione, non solo del legame col proprio uomo, pittore e poeta a sua volta, ma anche di una predisposizione personale che, inconsapevolmente, la porta quasi a creare quadretti dipinti a versi utilizzando "colori e passioni che vagano/ rincorrendo la vita".
10,00

Pascoli, pecore e politica. 70 anni di pastorizia in Sardegna

Giuseppe Pulina, Gavino Biddau

Libro: Copertina rigida

editore: EDES

anno edizione: 2015

pagine: 128

Se la pastorizia ha rappresentato, fin dalle epoche protostoriche, una delle principali, se non la principale, attività degli abitanti dell'Isola, il secondo dopoguerra e le profonde trasformazioni sociali ed economiche che si sono succedute fino ai nostri giorni hanno comportato un'evoluzione, non sempre positiva, ma carica di significati, del pastoralismo e degli assetti sociali a esso legati. Questo libro percorre gli ultimi 70 anni del settore agropastorale sardo: si tratteggiano le vicende della pastorizia sarda dalla fine della seconda guerra mondiale arrivando ad affrontare i problemi più recenti e lo stato attuale della pastorizia e della produzione del formaggio.
12,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.