Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina
Iscriviti alla newsletter

CEDAM

Diritto dei beni culturali e del paesaggio

Sandro Amorosino

Libro: Libro in brossura

editore: CEDAM

anno edizione: 2024

pagine: 368

25,00

Manuale di scienze sociali per il turismo

Fabio Corbisiero, Salvatore Monaco

Libro: Libro in brossura

editore: CEDAM

anno edizione: 2024

pagine: 256

30,00

Lineamenti di diritto penale dell'ambiente e della sicurezza sul lavoro

Fabio Pinelli, Alberto Berardi

Libro: Libro in brossura

editore: CEDAM

anno edizione: 2024

pagine: 328

32,00

Se la giustizia è donna. Avvocatura e società, tra passato e futuro

Elvira Frojo

Libro: Libro in brossura

editore: CEDAM

anno edizione: 2024

pagine: 240

Un libro per ricordare la storia dell'avvocatura femminile. Per svelare quanto il contributo delle donne del diritto abbia determinato cambiamenti non solo nella professione forense ma nella società civile. Motore per uscire da una solitudine imposta dal "destino" e dalla "natura" femminile. A volte, dallo stesso diritto. In un quadro che accoglie pennellate di diritto, storia e costume, l'emancipazione femminile dell'avvocatura è il filo rosso di un libro divulgativo con intensi contenuti. Per riflettere sul presente guardando al passato e per immaginare prospettive future, in un cammino ancora incerto per le donne.
25,00

Diritto dell’Unione Europea e commercio internazionale: le competenze esterne alla prova delle relazioni economiche con i partner asiatici

Chiara Gambino

Libro: Libro in brossura

editore: CEDAM

anno edizione: 2024

pagine: 376

Nel quadro della strategia commerciale delineata fin dalla Comunicazione Europa Globale del 2006, l’Unione europea ha posto particolare enfasi sull’opportunità di attivarsi ai fini della conclusione di accordi preferenziali di libero scambio che si caratterizzano per una portata “approfondita” e “globale” (i c.d. “accordi di nuova generazione”) e di concentrarsi, in tale prospettiva, sull’approfondimento delle relazioni commerciali con i Paesi dalle economie emergenti e, in particolare, con i partner asiatici, in considerazione, principalmente, delle consistenti potenzialità di crescita dei relativi mercati. L’intensificazione dei rapporti con tale regione ha fatto sorgere, inoltre, la consapevolezza, anche in capo all’Unione europea, della crescente rilevanza dei profili correlati alla c.d. connettività e della conseguente esigenza di estendere l’ambito della cooperazione a tali tematiche. L’ampliamento del piano della cooperazione a profili diversi ed ulteriori rispetto a quelli che connotano i tradizionali accordi di libero scambio desta, tuttavia, nella prospettiva del diritto UE, non trascurabili interrogativi in merito alla sussistenza, in capo all’Unione europea, delle competenze a tal fine necessarie e, in particolare, del relativo rapporto con le prerogative degli Stati membri. Il presente lavoro si propone, pertanto, di esaminare l’evoluzione delle relazioni esterne dell’Unione europea alla luce della citata apertura verso i partner asiatici nella specifica prospettiva dell’analisi, sulla base della giurisprudenza e della prassi ricavabili dai dicta della Corte di giustizia, delle competenze necessarie per stipulare gli accordi attraverso i quali si estrinseca (o si potrà estrinsecare), in concreto, detta cooperazione.
40,00

Semi-abbandono e interesse del minore

Chiara Sartoris

Libro: Libro in brossura

editore: CEDAM

anno edizione: 2024

pagine: 196

Il sistema binario di protezione del minore incentrato sulla dicotomia tra affidamento e adozione (legge n. 183/1984), per come tradizionalmente interpretato, non è in grado di cogliere la complessità del presente e la varietà delle situazioni di disagio familiare suscettibili di ledere il suo interesse. Emblematica è la fattispecie del c.d. “semi-abbandono” (permanente o ciclico). La locuzione è impiegata nella prassi per descrivere minori che si trovano in una situazione intermedia tra l’abbandono, idoneo a giustificare la dichiarazione di adottabilità, e una difficoltà familiare transitoria, fronteggiabile attraverso l’affidamento. Con una peculiarità: le carenze genitoriali, pur oggettive, non impediscono sempre e necessariamente la maturazione di un legame affettivo significativo con la prole. Questo aspetto è costantemente valorizzato dalla giurisprudenza della Corte Edu, la quale invita gli ordinamenti nazionali a promuovere la positività di quel rapporto, quante volte risulti conforme agli interessi del minore, attraverso misure flessibili. Variegate le soluzioni proposte dalla giurisprudenza in nome del principio di conservazione dei legami familiari; le quali oscillano tra la tesi dell’adozione c.d. mite e dell’adozione c.d. aperta e la tesi dell’affidamento di c.d. lunga durata. Lo studio muove dall’analisi di tali tendenze interpretative con l’obiettivo di prospettare una rilettura sistematica che, lungi dal mettere in discussione il regime binario vigente, ne evidenzi le potenzialità in termini di maggior flessibilità e graduazione. A tale esito l’A. perviene ragionando in due direzioni: valorizza l’istituto dell’affidamento extra-familiare, vera chiave di lettura a un tempo conservativa ed evolutiva del sistema; evidenzia le connessioni tra quest’ultimo e la nuova figura dell’adozione c.d. aperta alla luce dei più generali orientamenti evolutivi della materia adozionale. Se interpretato in chiave di effettività, il sistema è in grado di garantire una protezione adeguata dell’interesse del minore. Per l’A., si tratta di attribuire rilevanza alle esigenze di quest’ultimo attraverso una valutazione personalizzata delle circostanze del caso concreto, costruendo, su basi sistematiche, una tutela plurale e dinamica. Plurale, perché tutte le misure esistenti possono concorrere a proteggere il minore secondo un approccio di graduazione e di proporzione. Dinamica, perché deve adattarsi in maniera flessibile al mutare nel tempo dell’età e delle esigenze del minore.
24,00

Complessità del diritto, interpretazione, ragione giuridica

Baldassare Pastore

Libro: Libro in brossura

editore: CEDAM

anno edizione: 2024

pagine: 176

25,00

Diritto penale. Parte generale

Adelmo Manna, Andrea Sereni

Libro: Libro in brossura

editore: CEDAM

anno edizione: 2024

pagine: 752

La parte generale del diritto penale è analizzata attraverso un esame approfondito dei principi fondamentali, delle forme parallele di responsabilità di individui ed enti, della struttura del reato e delle diverse tipologie di sanzioni, nel quadro evolutivo di una più ampia ripartizione di esse in pene, misure di sicurezza e misure di prevenzione.
52,00

Lo smartphone come fonte di prova. Dal sequestro del dispositivo all'analisi dei dati

Ottavia Murro

Libro: Libro in brossura

editore: CEDAM

anno edizione: 2024

pagine: 380

Lo scritto, nel partire dall’analisi, sia tecnica, sia giuridica, del potenziale probatorio presente nel moderno cellullare, si sofferma dapprima sul contenuto – in potenza – rinvenibile, nonché sulla possibilità di poter ricostruire attraverso tali dati (comunicativi e non) una vera e propria mappatura delle abitudini di vita dell’individuo. La ricerca si sviluppa, poi, lungo due direttrici: da un lato si analizzano le criticità che colpiscono i diversi meccanismi di indagine e, in particolar modo, le questioni legate all’inquadramento giuridico di tali attività; sotto altro profilo, si verificano le ricadute sulle libertà fondamentali. In tale prospettiva, l’Autrice analizza la sussistenza di una copertura normativa interna, costituzionale e convenzionale che legittimi tali investigazioni. Il presente studio si propone anche di esaminare il concetto di comunicazione post-moderna che, mediata dalla Rete, presenta caratteristiche del tutto diverse rispetto alle forme più tradizionali. L’analisi dello stato dell’arte, anche alla luce delle più recenti pronunce della Corte costituzionale, conduce, infine, ad analizzare le attuali prospettive di riforma sulla complessa materia del sequestro dello smartphone (d.d.l. A.S. n. 806).
40,00
Neurotecnologie tra potere e libertà. Medicina, etica, discriminazioni di genere

Neurotecnologie tra potere e libertà. Medicina, etica, discriminazioni di genere

Silvia Salardi

Libro: Libro in brossura

editore: CEDAM

anno edizione: 2024

pagine: 140

A muovere da una riflessione bioetica e biogiuridica, il volume affronta le sfide poste alle istituzioni, alla società e agli individui dallo sviluppo neurotecnologico. L'analisi consegna al lettore il complesso quadro di questioni etiche e giuridiche che la medicina si trova ad affrontare quando le neurotecnologie sono utilizzate a scopo di cura. Mostra, al tempo stesso, come l'uso di queste tecnologie al di fuori dell'ambito medico, in particolare per un impiego da parte dei consumatori a fini di biopotenziamento, presenti diverse criticità e zone oscure, a cui la riflessione etico-giuridica deve continuare a rivolgere attenzione per limitare abusi e promuovere un impiego virtuoso.
20,00
Da «santa» e «maledetta» a capitale europea della cultura. Gorizia tra confini, autonomia e cooperazione transfrontaliera

Da «santa» e «maledetta» a capitale europea della cultura. Gorizia tra confini, autonomia e cooperazione transfrontaliera

Libro: Libro in brossura

editore: CEDAM

anno edizione: 2024

pagine: 336

Per il 2025 la Commissione Europea ha deciso di premiare un'area simbolica come la Venezia Giulia, devastata nel Novecento da due guerre mondiali che ne hanno lacerato il territorio. Come Capitale Europea della Cultura è stata selezionata Nova Gorica, comune sloveno sorto dopo che il confine aveva drasticamente tagliato in due e separato simbolicamente l'Italia e la Jugoslavia con un muro, alto quasi un metro e sovrastato da una rete di filo di ferro.
36,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.