Il tuo browser non supporta JavaScript!

Castelvecchi

L'inganno. L'instabile equilibrio delle cose

Diego Zilio

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2021

pagine: 136

Non ha più un lavoro, Giorgio Tumiati . E sua moglie, probabilmente, gli è infedele. Così, usa i tanti giorni liberi per spiarla, presentarsi a colloqui infruttuosi e frequentare un inutile corso auto-motivazionale. Proprio una seduta di gruppo gli dà l'idea di recuperare un suo vecchio manoscritto, già respinto da tutte le case editrici a cui l'aveva inviato, e spedirlo all'aggressiva Portnoy Edizioni. Solo che, per dimostrare una sua teoria, lo firma col nome di un autore molto conosciuto: Niccolò Ammaniti. E, tra mille sotterfugi, Tumiati porta avanti il suo piano...
15,50

Aver cura della vita. Dialoghi a scuola sul vivere e sul morire

Ivo Lizzola

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2021

pagine: 224

Di quale parola, di quale ascolto può farsi capace la scuola di fronte all'esperienza del soffrire e del morire? Una parola che non voglia spiegare né risolvere ma sappia custodire domanda, singolarità, cura e dedizione. In una scuola che sia comunità di ricerca e comunità di senso, crocevia delle diversità, dei radicamenti e delle storie: aperta, rispettosa, esigente. Che permetta anche l'elaborazione del dolore. Crescere è tracciare vie tra il sapere e l'enigma, coltivare senso della consegna, vivere il corpo a corpo tra amore e giustizia. Come molte donne e molti uomini - vulnerabili e non innocenti e pure giusti - mostrano e hanno mostrato nel tempo. "Aver cura della vita" richiama a uno stile di ricerca più raro di quello solitamente praticato nei luoghi formativi; indica percorsi narrativi ed ermeneutici che costruiscono interpretazioni, responsabilità e prossimità attente e competenti. Percorsi nei quali è fondamentale ciò che avviene tra le generazioni, nei pensieri, negli ascolti. Con la vita che fiorisce e patisce, che finisce e che si rigenera.
19,50

Fratelli. Viaggio al termine dell'Africa

Jacopo Storni

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2021

pagine: 244

Giunto in Etiopia per testimoniare i massacri dell'esercito nella regione dell'Ogaden, Jacopo Storni viene arrestato senz'accuse dai militari. Una prigionia condivisa con Mohamed, il ragazzo etiope di etnia somala che l'aveva accompagnato come interprete. Sono giorni tra la vita e la morte. I due coetanei, uno nato in Africa e l'altro nel benessere occidentale, esorcizzano la paura parlando dei loro mondi agli antipodi. Ne nascono riflessioni sul senso della vita, in un confronto perpetuo tra Africa e Occidente. Poi la liberazione. Ma dieci anni dopo, per caso, Storni scopre la verità: Mohamed non è mai stato liberato. Attanagliato dai sensi di colpa e spinto dal desiderio di riabbracciare il suo compagno di cella, inizia una disperata ricerca. Con un sogno: cambiare la vita di Mohamed.
17,50

Ragazze con il coltello

Michele Nanni

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2021

pagine: 208

In un paese di mare in Maremma fuori del tempo, si snoda una sanguinante vicenda di passioni nude, primordiali (onore, vendetta, eros, avventura, punizioni esemplari e corpi pieni di cicatrici), che rilegge il mito proiettandolo nel nostro stesso ambiente, con le discoteche e la cocaina, il bullismo e i social network. Ulis Anastasis, un po' Zorba il greco e un po' Santiago del Vecchio e il mare, è un pescatore alle prese con un'ostinata lotta per l'indipendenza dal losco ras locale della pesca, Spada. La figlia Lucia, spregiudicata e vitalistica, abilissima con il coltello (con cui pulisce il pesce e si difende dagli aggressori), ha una relazione ambigua con il figlio di Spada; la sua lotta all'indipendenza la combatte con i vitelloni di una eterna provincia. "Ragazze con il coltello" è un romanzo che ha una precisione meticolosa nella descrizione, un'epicità nella narrazione, una lingua che aderisce agli oggetti, che incrocia il naturalismo e il mondo fiabesco, in un'alternanza dei punti di vista in cui padre e figlia vengono raccontati come personaggi popolari da un cantastorie.
17,50

Il decalogo. Dieci parole di vita

Marco Cassuto Morselli, Gabriella Maestri

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2021

pagine: 66

Nella Bibbia, lo scenario in cui viene rivelato il Decalogo (erroneamente noto come "i Dieci Comandamenti") è il deserto: è dunque proprio in una situazione in cui manca l'essenziale per vivere ed è concreta la possibilità di morire che vengono donate le "parole di vita". Tra tuoni e lampi, una densa nube cala sul Sinày, mentre sempre più forte si ode nel silenzio circostante il suono dello shofàr. Ha-Shem scende sul monte, Moshèh vi sale: ha così inizio il dono della Toràh. «Faremo e ascolteremo» rispondono i figli d'Israele, a significare che l'ascolto delle Parole cresce man mano che esse si incarnano nella vita di ognuno, perché «di fronte alla Toràh siamo tutti uguali, ma ognuno ode la sua voce in modo diverso».
10,00

Antropocentrismo non dispotico. Implicazioni antropologiche ed educative della «Laudato si'» di Papa Francesco

Martin M. Lintner, Mauro Mantovani

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2021

pagine: 80

Nell'enciclica "Laudato si'" Papa Francesco descrive le gravi conseguenze dell'agire dell'uomo moderno sulla natura e sul clima, e critica con forza la forma di antropocentrismo dispotico che sta alla base del cosiddetto "antropocene". Anche il suo è un antropocentrismo, ma ecologico e illuminato. Martin Lintner ne elabora il significato, evidenziando come, suo tramite, si possano mediare il diritto degli uomini, e dei poveri, a svilupparsi e le esigenze ecologiche del pianeta. Mauro Mantovani declina l'antropocentrismo di Papa Francesco secondo la nozione di "nuovo umanesimo", mettendola in relazione con il "Patto Educativo Globale" e con il sistema educativo di Don Bosco. Ne deriva il "nuovo umanesimo integrale ed educativo", una proposta formativa e culturale di ampio respiro, caratterizzata dalla cura delle relazioni, dal protagonismo dei giovani, dal dialogo transdisciplinare e intergenerazionale, dal dono di sé e dall'apertura ad un "noi" inclusivo. Introduzione di Michele Marchetto.
11,50

Decolonizzare il patrimonio. L'Europa, l'Italia e un passato che non passa

Maria Pia Guermandi

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2021

pagine: 256

Il tema del patrimonio culturale come strumento privilegiato dell'egemonia culturale occidentale è emerso, prepotentemente, grazie al movimento Black Lives Matter e al rinnovato fenomeno di contestazione e rimozione di monumenti controversi dallo spazio pubblico. I movimenti decoloniali alla base di queste proteste sostengono una critica radicale del pensiero occidentale, motore delle forme di colonialismo sulle quali è tuttora incardinato il mondo contemporaneo. In Italia tali movimenti non sono mai diventati oggetto di una discussione allargata, tanto meno nell'ambito del patrimonio culturale. È un ritardo che ha impedito finora la rielaborazione critica dell'eredità culturale del nostro passato coloniale. Decolonizzare il patrimonio significa comprendere quanto di quel passato continua a operare nel nostro presente e assieme sperimentare un uso del nostro patrimonio più democratico e consapevole. Introduzione di Vezio De Lucia.
18,50

Nuovo Testamento. Una lettura ebraica. Lettere e Apocalisse

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2021

pagine: 272

Le Lettere cattoliche, la Didaché, la Lettera agli Ebrei e l'Apocalisse vengono qui lette nel quadro del loro contesto storico, profondamente segnato dall'oppressione romana e poi dalla distruzione di Gerusalemme e del Tempio. Le Lettere costituiscono un prezioso documento della vita delle prime Comunità messianiche, quando ancora non esisteva frattura tra ebraismo e cristianesimo. Nella stessa linea si interpreta anche l'Apocalisse, affascinante per la ricchezza del suo simbolismo, ma anche ancorata molto concretamente alla drammatica situazione storica, un'opera che non invita a una fuga dalla realtà o a un compromesso con il potere, ma, al contrario, esorta a restare in attesa della Venuta. Introduzione, traduzione e commento di Marco Cassuto Morselli Gabriella Maestri.
22,00

Il canto decimo dell'Inferno e altri scritti su Dante

Antonio Gramsci

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2021

pagine: 120

Dante è al centro degli interessi di Gramsci fin dall'inizio della scrittura dei Quaderni del carcere. La Commedia è uno dei libri richiesti subito dopo l'arresto; è dantesco uno degli «argomenti principali»; Dante è spesso associato a Machiavelli come rappresentante della corrente laica della letteratura italiana; la penultima nota è una riflessione sulla «quistione della lingua» a partire dal De vulgari. Ma all'interno dell'opera di Gramsci è possibile individuare un nucleo più definito che ruota attorno al canto decimo dell'Inferno e a Cavalcante Cavalcanti, padre di Guido, che prende avvio da uno scritto del 1918 e si concretizza in una sezione del Quaderno IV e in un gruppo di lettere. In tutte queste pagine - che qui si raccolgono - Gramsci usa Dante per riflettere su alcuni dei temi fondamentali dei Quaderni: il rapporto tra poesia e struttura, il ruolo degli intellettuali, la "popolarità" della letteratura italiana.
12,50

Scelti per te. Come gli algoritmi governano la nostra vita e cosa possiamo fare per difenderci

Francesco Marino

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2021

pagine: 115

Ogni giorno, su internet, facciamo delle scelte. La gran parte di queste decisioni si basa su suggerimenti che ci vengono proposti attraverso un algoritmo; ma sappiamo in che modo le piattaforme selezionano per noi i contenuti? "Scelti per te" racconta come funzionano i principali algoritmi che organizzano la nostra vita, dall'informazione all'intrattenimento, fino allo shopping, al turismo e alla ricerca di lavoro. Come sono progettati? Quali dati raccolgono su di noi? Come mai hanno conseguenze non previste, come la diffusione di odio o fake news? Non possiamo ricostruire ogni selezione operata da un algoritmo. Possiamo però scegliere di sapere, di essere educati, di essere formati a un uso consapevole della tecnologia.
14,50

Renato Caccioppoli. Vita di un matematico napoletano

Piero Antonio Toma

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2021

pagine: 208

Soprannominato "'o genio", Renato Caccioppoli è stato un uomo di ingegno straordinario, capace di eccellere in più campi del sapere, dalla matematica alla musica, dalla cinematografia alla letteratura, alla filosofia. Poliglotta ed europeista convinto, si è battuto perché l'università fosse un'officina etico-scientifica, attirandosi le antipatie dei colleghi conservatori. Per via del suo impegno politico come Partigiano della Pace e del suo polemismo beffardo, è anche finito nel mirino della polizia in quanto sospettato di "contrabbando di idee". L'autore - che ne ha studiato attentamente la vita intervistando chi lo ha conosciuto, sostenitori e detrattori - immagina i dialoghi tra Caccioppoli e le personalità per lui significative, di cui Évariste Galois, Mauro Picone, Michail Bakunin, Claude Debussy e Pablo Picasso sono solo alcune. I riferimenti storici, biografici, i vezzi e le curiosità restano invece il frutto di un'analisi accuratissima delle fonti.
17,50

Alessandro. Romanzo dell'utopia

Klaus Mann

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2021

pagine: 184

Scritto negli anni che seguirono la Prima Guerra Mondiale e pubblicato in Germania nel 1929 - lo stesso anno in cui il padre di Klaus, Thomas Mann, vinse il Nobel per la letteratura -, "Alessandro" è un romanzo storico che ripercorre in chiave narrativa la storia di uno degli eroi più amati di tutta l'antichità classica: Alessandro Magno. Nella versione di Klaus Mann, Alessandro è soprattutto il semidio che nutre lo smisurato sogno di unificare il mondo. «Ciò che mi attirava nel mio nuovo eroe» scriverà «era l'esigenza quasi criminosa del suo sogno, la dismisura della sua avventura». Il lettore è così trascinato in un meraviglioso mondo di gesta eroiche e grandezza d'animo, ma anche di umanissimi contrasti e delusioni d'amore, trattati con grande finezza di scrittura. Particolare attenzione è dedicata al legame che unisce Alessandro e Clito e all'attrazione di Aristotele per il suo allievo, in cui si ravvisa una sublimazione della omosessualità che Klaus aveva reso pubblica nel romanzo "La pia danza".
17,50

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.