Il tuo browser non supporta JavaScript!

Carocci

Memorie

de Cordoba Leonor Lopez

Libro

editore: Carocci

anno edizione: 1999

pagine: 110

Nel mondo medievale la scrittura femminile è fenomeno raro e per lo più si manifesta nella tradizione della letteratura mistica o ascetica. Queste Memorie della nobildonna castigliana Leonor López de Córdoba, redatte intorno al 1412, vengono invece dalla corte: le drammatiche alterne vicende di una grande famiglia feudale sono vissute e raccontate da una protagonista donna. Immersa fino in fondo nei valori cavallereschi, testimone orgogliosa e impotente delle fortune e sfortune maschili - il padre fatto giustiziare a tradimento dal re, il figlio primogenito ucciso dalla peste, il marito caduto in disgrazia: "E così si perse e vagò sette anni per il mondo come uno sventurato " - donna Leonor registra anche una rete non meno vasta e intricata di poteri femminili: la ricca e arrogante "signora zia" con il suo seguito, la rivalità delle dame di corte, il partito della Regina. In questa rete si gioca e si consuma il tentativo di donna Leonor di riconquistare il favore della corte, e intenzione apologetica hanno anche le sue convulse e crudeli Memorie, dove si mescolano ambiguamente l'esaltazione del lignaggio, il lamento per le sventure e per le ingiustizie, un uso insistito e quasi magico delle pratiche devozionali.
14,10

I quattro gradi della violenta carità

Riccardo di San Vittore

Libro

editore: Carocci

anno edizione: 1999

In questo celebre trattato, che fu probabilmente noto anche a Dante, Riccardo di San Vittore (XII secolo) offre una breve e folgorante descrizione degli effetti che provoca nell'anima umana la "violenta carità", cioè amore mistico nei suoi gradi più alti: essa prima ferisce, poi lega. quindi fa languire e infine conduce al deliquio. Anche se questa esperienza si contrappone a quella dell'amore carnale, cui è pure dedicata una scrupolosa analisi, i termini che Riccardo predilige per fissarne le inebrianti dolcezze sono quegli stessi dell'erotica profana. Lungo il rarefatto percorso che innalza l'anima "fino al sacrario del mistero divino" ritroviamo così le fiamme e le ferite amorose, i gemiti, i sospiri, le febbri, i languori e le estasi dì cui sono gremiti la lirica e il romanzo cortese. Di qui gli aspetti più problematici del discorso mistico, sui quali la violenza metaforica di Riccardo obbliga a interrogarsi: la trascendenza è esprimibile soltanto attraverso la metafora, ma sul piano della metafora amore mistico e amore carnale - la sua peccaminosa antitesi - non sono quasi più distinguibili.
16,20

La socialdemocrazia europea tra le due guerre. Dall'organizzazione della pace alla resistenza al fascismo

Leonardo Rapone

Libro

editore: Carocci

anno edizione: 1999

pagine: 432

Al principio degli anni Venti, consumato il distacco dal comunismo e superate le divisioni di carattere nazionale suscitate dalla prima guerra mondiale, le forze della socialdemocrazia europea si riaffacciano sulla scena internazionale con un programma di organizzazione della pace, convinte che la prevenzione dei conflitti sia un obiettivo realistico e che il movimento operaio debba partecipare al tentativo di stabilire regole per una nuova legalità internazionale. Il libro di Rapone illustra come questo sistema di pensiero e di azione entri in crisi al principio degli anni Trenta quando, di pari passo con il crollo della democrazia nell'Europa centrale, diviene sempre più precario l'equilibrio tra le loro diverse concezioni politiche.
33,90

L'eredità contesa. Storie di successioni nel Mezzogiorno prenapoleonico

Annunziata Berrino

Libro

editore: Carocci

anno edizione: 1999

pagine: 168

Ancora oggi, in un'epoca di consumismo pervasivo, non si investono risorse solo nei cosiddetti beni di consumo, ma anche in quelli duraturi, perché trasmissibili alle generazioni future. Nonostante il diritto prescriva dettagliatamente l'ordine dei successori, non mancano, tra gli eredi dei grandi come dei piccoli patrimoni, contrasti e denunce di ingiustizie. Ma cosa accadeva due secoli fa? Esistevano norme che indicassero con certezza gli eredi? Era possibile preferire alcuni ed escludere altri? C'era differenza tra maschi e femmine? Questo libro è un affresco umanissimo e avvincente della società meridionale alla fine dell'antico regime e dell'orizzonte culturale nel quale, con mille contraddizioni, uomini e donne inscrivevano beni, capitali e ruoli individuali. L'autrice si confronta con una fonte fino a ora non utilizzata, i cosiddetti "Processetti dei decreti di preambolo" della Gran Corte della Vicaria conservata presso l'Archivio di Stato di Napoli.
19,20

Partecipare alle politiche sociali. Il terzo settore come attore di democrazia

Simone Boselli, Marco Anoni

Libro

editore: Carocci

anno edizione: 1999

pagine: 128

Partecipare alle politiche sociali si rivolge a tutti coloro che a diverso titolo si occupano di sviluppo di comunità territoriali. Il libro restituisce l'esperienza, rielaborata nel corso di una ricerca durata quasi due anni, di un'agenzia di privato sociale (il Centro studi del Centro padovano di accoglienza) che dal 1989 opera nel territorio di Padova e provincia con progetti di sviluppo di comunità. Utilizzata dapprima come strategia di prevenzione, la consulenza di sviluppo di comunità è divenuta via via modalità privilegiata di rapporto con gli enti locali committenti per la costruzione e definizione di una gamma diversificata di politiche: per i giovani, di riqualificazione urbana e di politica a favore dei minori. Il bilancio di un decennio di attività costituisce l'occasione sia per far conoscere il proprio patrimonio di esperienza (tredici progetti realizzati) alle altre realtà italiane impegnate nel lavoro di comunità, sia per capire nel profondo che cosa comporta fare ricerca-intervento come consulenti nei confronti delle amministrazioni locali e soprattutto come questo si ripercuote sul ruolo di una agenzia di privato sociale, sempre di più in cerca di una collocazione precisa ed autonoma all'interno dei contesti sociali.
15,60

Processi di marketing nei mercati industriali. Riflessioni sui cambiamenti nell'industria informatica negli anni Ottanta e Novanta

Annalisa Tunisini

Libro

editore: Carocci

anno edizione: 1999

pagine: 252

L'industria informatica è stata interessata negli ultimi anni da processi di profonda riorganizzazione. Tali processi, in un settore già così dinamico e innovativo, permettono di individuare l'emergere di modelli in parte alternativi a quelli del marketing tradizionale. Il volume analizza la complessa fase di riarticolazione dei rapporti di scambio tra imprese nel mercato informatico e mette in evidenza come le grandi imprese informatiche tradizionali protagoniste del settore abbiano dovuto rivedere profondamente il proprio approccio al mercato e le proprie strategie di marketing, promuovendo in modo efficace strategie di tipo "collettivo". Sotto il profilo metodologico la ricerca fa riferimento a tesi e modelli interpretativi elaborati dagli studiosi che hanno sviluppato un "approccio network" al marketing e focalizza la propria analisi sullo sviluppo di nuove organizzazioni di marketing in ambienti turbolenti. Il volume infine offre nuovi spunti di riflessione - utili ai manager e agli studiosi - su alcuni problemi, ancora in gran parte irrisolti, sia nella prassi, sia a livello di formulazioni teoriche e normative riguardanti criteri di indirizzo, di coordinamento e di controllo manageriale.
25,80

Il sistema scolastico italiano. Profilo storico

Angelo Semeraro

Libro

editore: Carocci

anno edizione: 1999

pagine: 264

La profonda crisi che investe il sistema scolastico costituisce una delle più rilevanti questioni politico-organizzative del paese. La necessità, infatti di un profondo riassetto dell'intero sistema formativo, alla luce delle trasformazioni subite dal mercato del lavoro e delle prospettive planetarie dell'educazione, continua a scontrarsi con la "vischiosità" di una struttura per molti aspetti inutilizzabile, ma dotata di una formidabile capacità di autoconservazione. Il profilo storico del sistema scolastico italiano che viene qui proposto all'attenzione di studenti dei corsi di Scienze dell''ducazione, insegnanti e operatori nei servizi formativi rappresenta in questo senso un'occasione per ripercorrere le tappe della nostra politica scolastica in centotrent'anni di vita unitaria. Dal rapporto tra pubblico e privato allo scontro tra centralismo e autonomia, dal conflitto tra Nord e Sud alla dicotomia tra cultura classica e cultura scientifica, tutte le irrisolte questioni del sistema italiano vengono analizzate dalle loro origini sino agli ultimi sviluppi, in una lettura storica che sostanzia del peso del passato le prospettive emergenti dal dibattito politico in corso.
23,80

La relazione di aiuto. L'incontro con l'altro nelle professioni educative

Andrea Canevaro, Arrigo Chieregatti

Libro

editore: Carocci

anno edizione: 1999

pagine: 272

Termini come aiuto, solidarietà, intervento - a proposito di singoli individui o di intere popolazioni - sono sempre più diffusi e impiegati, anche se spesso non si tiene nel debito conto quanto l'intervento di aiuto sia un'operazione delicata e complessa che, se non adeguatamente eseguita, può comportare problemi maggiori di quelli chiamata a risolvere. Questo libro vuole offrire un contributo alla creazione di una nuova cultura e di una nuova mentalità a tale riguardo. Esso affronterà il tema del sostegno portato a un altro essere umano in termini di relazione d'aiuto: ad esempio, all'interno della coppia e dello specifico legame affettivo tra l'uomo e la donna; tra il medico e il proprio paziente, entrambi impegnati in un nuovo rapporto di gestione della malattia in vista della guarigione; o, ancora, nella relazione tra l'insegnante e il proprio scolaro, non più concepita in termini di un mero squilibrio gerarchico e culturale, riduttivo per il primo e penalizzante per il secondo. Un contributo anche alla relazione di aiuto tra popoli, tra culture, tra religioni. A questo aiuto siamo ormai obbligati, e ad esso forse ci troviamo particolarmente impreparati.
22,60

Geopolitica del Mediterraneo

Luigi Di Comite, Eros Moretti

Libro

editore: Carocci

anno edizione: 1999

pagine: 168

La popolazione mondiale ha superato nel 1987 i cinque miliardi e dovrebbe portarsi, entro la metà del prossimo secolo, intorno ai dieci. Questa dinamica risulta però caratterizzata dalla bassa fecondità dei paesi a sviluppo avanzato (con una prospettiva di declino demografico) e dall'alta fecondità dei paesi in via di sviluppo (con una popolazione in rapido incremento). Questi divari demografici e i relativi differenziali economici e salariali sono alla base dei flussi migratori Sud-Nord. Le contraddizioni rilevate a livello mondiale appaiono ancor più evidenti nella regione mediterranea, dove troviamo sia i più bassi livelli di fecondità, che comportano processi di invecchiamento troppo rapidi, sia livelli di fecondità molto elevati, a cui corrispondono tempi di raddoppio della popolazione inferiori ai venticinque anni: entrambe queste tendenze sono chiaramente insostenibili nel lungo periodo. In questo volume, dopo aver analizzato la dinamica demografica mondiale e quella relativa alla regione mediterranea, l'attenzione viene focalizzata sull'Unione Europea, sui differenziali di offerta di lavoro rispetto alle aree confinanti e sui possibili collegamenti tra politiche migratorie e politiche di cooperazione.
20,90

Il mantello d'onore

Baudouin de Condé

Libro

editore: Carocci

anno edizione: 1999

pagine: 336

Con Baudouin de Condé la trattatistica cortese esprime e formula una dottrina morale completa, capace di fondare modelli funzionali all'ordine sociale delle corti in continua evoluzione. Nei poemetti raccolti in questo volume - dei quali Il mantello d'onore è senza dubbio il più completo in quanto sono racchiuse, nell'allegoria del mantello, tutte le qualità morali che il «preudhome» deve possedere per essere considerato veramente nobile -, il ritratto del nobile e delle sue caratteristiche si arricchisce di dettagli preziosi, di consigli, di ammonimenti, imprescindibili alla prassi cavalleresca, in rapporto pure a una più matura e consapevole coscienza religiosa. L'ordito formale e la varietà dei moduli retorici rivelano una tecnica raffinata e una elaborazione complessa e sofisticata di strategie narrative mirate al coinvolgimento del pubblico di corte e al «ricordarsi» dei nuclei essenziali del progetto istruttivo ed educativo dell'autore.
16,90

Tempo, impresa e consumatore. Il waiting management nelle imprese di servizi

G. Luca Marzocchi

Libro

editore: Carocci

anno edizione: 1999

pagine: 256

Il volume intende fornire una lettura aggiornata della relazione esistente fra tempo, comportamento del consumatore e sistema di erogazione dei servizi. Tre sono i temi sui quali si sofferma l'autore: la relazione che sussiste fra tempi di attesa e qualità percepita di un servizio; l'analisi della prospettiva motivazionale del consumatore e l'individuazione di quei comportamenti che più di altri possono promuovere una gestione consapevole della risorsa tempo nell'ambito dell'impresa di servizi.
21,60

La nuova dirigenza pubblica. Esperienza e percorsi di una riforma

Libro

editore: Carocci

anno edizione: 1999

pagine: 264

Nel corso degli anni '90 è andata crescendo ovunque la pressione verso un drastico cambiamento della retorica sull'intervento pubblico e sull'azione di regolazione dello stato. Le parole chiave sono diventate snellimento, decentramento, economicità, privatizzazione. Da una parte, estensione e qualità dell'intervento pubblico hanno subito modificazioni profonde; dall'altra, è stata specificamente presa di mira l'organizzazione complessiva dei pubblici apparati. Al di là di persistenti diversità di vedute "sul che fare", si è andato affermando un orientamento che guarda a modelli di organizzazione e gestione dell'attività di impresa privata come ai modelli da adottare anche per l'organizzazione e la gestione dell'attività delle pubbliche amministrazioni. Ma il processo di attuazione di indirizzi politici mirati a "riformare la pubblica amministrazione", ha presto rivelato quanto tradizioni storiche e assetti istituzionali dei contesti nazionali possano influenzare, sin dagli inizi, sia le "soluzioni" tentate - ed i modelli adottati - sia gli esiti delle riforme. Nel caso italiano, in particolare, l'adozione di modelli manageriali viene invocata per un verso come il modo più diretto per restituire alla dirigenza amministrativa la necessaria indipendenza dalle "ingerenze" politiche; per l'altro, per indurre la dirigenza ad adottare una nuova cultura amministrativa. I risultati della ricerca che gli autori hanno svolto in settori diversi della pubblica amministrazione italiana mettono soprattutto in evidenza che l'adozione di quei modelli implica un processo di apprendimento di nuove pratiche di azione, il cui successo dipende certamente dalla buona disponibilità dei soggetti specificamente coinvolti - ovvero dei dirigenti - ma dipende anche da non pochi elementi di contesto e soprattutto dal modo in cui gli stessi dirigenti si trovano ad interagire con altri soggetti e dal modo in cui tali interazioni alimentano o meno quel senso di fiducia da cui scaturisce il convincimento che il nuovo meriti di essere intrapreso. Ciascun contributo mette in evidenza non solo quanto diversi possano essere gli elementi che entrano in gioco nella produzione o meno di tale fiducia e convincimento, ma soprattutto mette in evidenza quanto diversi possano essere gli elementi di ambiguità, di incertezza ed in definitiva di sostanziale indeterminatezza dello stesso processo di cambiamento
23,20

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.