Van Eyck - Van Eyck

Punto Einaudi Brescia

Per i lettori che viaggiano alla
scoperta degli angoli nascosti
del catalogo, dove si celano
le perle più preziose

Il sistema più comodo
e conveniente per costruire
o arricchire la tua biblioteca
personale e professionale

La newsletter per risparmiare
il 15% su tutti i libri e ricevere
offerte e info su eventi letterari
e mostre d'arte

Acquista

Van Eyck

Van Eyck
Van Eyck

Novità del 27/11/2013

Descrizione

Van Eyck
I fondatori della pittura fiamminga

2013
Grandi Opere
pp. XXII - 274
€ 68,00

A cura di Fabrizio Crivello
Prefazione di Artur Rosenauer
Traduzione di Cristina Spinoglio

Questo libro di Otto Pächt si occupa di uno dei problemi centrali della storia dell'arte occidentale: la nascita di un nuovo tipo di pittura negli antichi Paesi Bassi, quella fiamminga; gli artisti che furono i promotori di questo rinnovamento sono il Maestro di Flémalle e i fratelli Van Eyck, mentre il Polittico di Gand appare come opera centrale che apre, al tempo stesso, nuove discussioni.
«Pächt non sarebbe stato un rappresentante molto consapevole della scuola di Vienna, se nella sua concezione non avesse giocato un ruolo fondamentale la questione sulla posizione storico-evolutiva dell'arte flémalliana e eyckiana. Il presente testo non è infatti una monografia, ma un'inchiesta storico- stilistica sulla nascita della pittura negli antichi Paesi Bassi. Per Pächt si tratta di "sforzarsi di vedere e di comprendere un processo rivoluzionario di nascita come sviluppo organico" [...]; si basa sulla descrizione e sull'analisi dell'opera, e poi solo allora tende i fili che la collegano alla tradizione. [...] Naturalmente, Pächt garantí per le posizioni che ritenne corrette, ma si guardò altrettanto dalle conclusioni affrettate: "Per noi, qui conta soltanto che si metta in evidenza un ordine stilistico interno, e perciò anche cronologico, del materiale eyckiano: questo ci deve permettere di distinguere tra fatto e ipotesi, e di essere consapevoli delle questioni ancora aperte che non otterrebbero risposta attraverso una conoscenza intorno alle etichette esterne, Hubert, Jan o XY". Probabilmente la discussione sull' "enigma dell'arte dei fratelli Van Eyck" non verrà mai messa a tacere; nemmeno Pächt l'ha risolta. Ma egli ci ha insegnato a vedere le opere in modo corretto e a comprendere meglio la questione».

Artur Rosenauer

Arzadv