TIZIANO TERZANI - TUTTE LE OPERE 1966-2004

Punto Einaudi Brescia

Per i lettori che viaggiano alla
scoperta degli angoli nascosti
del catalogo, dove si celano
le perle più preziose

Il sistema più comodo
e conveniente per costruire
o arricchire la tua biblioteca
personale e professionale

La newsletter per risparmiare
il 15% su tutti i libri e ricevere
offerte e info su eventi letterari
e mostre d'arte

Acquista

TIZIANO TERZANI

TIZIANO TERZANI
TUTTE LE OPERE 1966-2004

Novità del 03/11/2011

Descrizione

TUTTE LE OPERE DI TIZIANO TERZANI IN DUE MERIDIANI 

Il primo volume presenta tutte le opere di Terzani da lui pubblicate in italia, dal 1966 al 1992. L'opera si apre con una carrellata di articoli apparsi fra il 1966 e il 1970 su l'"astrolabio", prima che il giornalismo diventasse per Terzani professione e missione. Ai due libri sul Vietnam, Pelle di leopardo. Diario vietnamita di un corrispondente di guerra 1972 - 1973 (1973) e Giai Phong! La liberazione di Saigon (1976), seguono La porta proibita (1985), pubblicato contemporaneamente anche negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, dove parla del suo lungo soggiorno in Cina, conclusosi con l'arresto per "attività controrivoluzionaria" e l'espulsione, e Buona notte signor Lenin, importante testimonianza del crollo dell'impero sovietico, un libro che fu selezionato per il Thomas Cook Award, il premio inglese per la letteratura di viaggio.

Il secondo volume si compone di quattro testi, poderosi e intensi. Un indovino mi disse (1995), forse il suo libro più "popolare" ed "esistenziale", quello in cui il cronista vigile e attento sceglie di dare ascolto a una profezia e la trasforma in un'occasione per guardare il mondo da un'altra prospettiva. In Asia (1998), una ricchissima raccolta di articoli che da metà anni '80 a metà anni '90 abbracciano la storia di un continente raccontata con la voce "orientale", esente da ogni stereotipo, del grande reporter. Lettere contro la guerra (2002), la prima tappa del suo "pellegrinaggio di pace": dopo l'11 settembre 2001, Terzani ha infatti ritenuto di non poter più tacere di fronte alla barbarie, all'intolleranza, all'ipocrisia, e ha affermato con forza che "la non-violenza è l'unica chance che l'umanità ha". Infine Un altro giro di giostra (2004), ancora un viaggio, ma questa volta interiore, spirituale: quello alla ricerca di una cura per un "male incurabile", che per l'ennesima e ultima volta diventa per Terzani occasione di riflessione sull'esistenza. Àlen Loreti, giovane studioso che da diversi anni si dedica all'opera e al messaggio di Terzani, nelle Notizie sui testi ricostruisce, grazie a documenti d'archivio e a test

Arzadv