Orlando Furioso di Ludovico Ariosto - Editio princeps 1516

Punto Einaudi Brescia

Per i lettori che viaggiano alla
scoperta degli angoli nascosti
del catalogo, dove si celano
le perle più preziose

Il sistema più comodo
e conveniente per costruire
o arricchire la tua biblioteca
personale e professionale

La newsletter per risparmiare
il 15% su tutti i libri e ricevere
offerte e info su eventi letterari
e mostre d'arte

Acquista

Orlando Furioso di Ludovico Ariosto

Orlando Furioso di Ludovico Ariosto
Editio princeps 1516

Novità del 06/12/2016

Descrizione

2016

Nuova raccolta di classici italiani annotati
pp. XLVIII - 1400. € 120,00

A cura di Marco Praloran
A cura di Tina Matarrese
In 2 volumi

***

Si può e si deve ritornare alla prima redazione per cogliere nel suo momento di freschezza vitale l'invenzione ariostesca. Percorrere questo secondo tracciato retrogrado (meno battuto dai critici) significa lasciare indietro le aggiunte celebrative e gli aggiustamenti diplomatici, uscire dall'incanto dell'armonia e recuperare le articolazioni fantastiche nel loro nativo movimento, riportarsi nell'orizzonte più raccolto e familiare della prima esperienza ariostesca. D'accordo sulla bellezza di molte aggiunte del 1532, sulla perfezione dei ritocchi di stile e di struttura; ma nel primo Furioso c'è una libertà, una gioia di esprimersi, una felicità che il totale impegno formale forse sacrificò in parte.
Cesare Segre
Il 22 aprile 1516 usciva a Ferrara, presso l'editore Giovanni Mazocco, la prima edizione dell'Orlando furioso. Ariosto coronava così il lavoro di una dozzina d'anni, ma le cose non sarebbero finite lì. Per il poeta iniziò subito un periodo di revisione del suo capolavoro che avrebbe portato all'edizione intermedia del 1521 e a quella definitiva del 1532. Questo lavoro di riscrittura avrebbe indotto l'autore ad ampliare il poema portandolo da quaranta a quarantasei canti, a ristrutturare l'intreccio dei vari episodi, e soprattutto a cambiare profondamente la lingua adeguandola ai dettami ispirati alle Prose della volgar lingua di Pietro Bembo, che nel frattempo si stavano imponendo fra i letterati italiani di ogni regione. Dunque il Furioso che tutti leggono normalmente è scritto nel toscano letterario esemplato sui grandi trecentisti, quell'italiano che ha costituito la lingua letteraria dominante fino ai primi del Novecento. Il primo Furioso, invece, assemblava liberamente il toscano con molti latinismi, con il lessico del volgare padano, con svariati termini dell'espressività popolare. Una lingua imperfetta ma molto creativa, quasi inventata ottava dopo ottava. L'edizione qui proposta offre il testo del Furioso originario con un ampio commento sugli elementi caratteristici di questa lingua, sottolineando tutti i passaggi più rilevanti che avverranno nell'edizione definitiva.

Arzadv