Jonathan Crary - Le tecniche dell'osservatore

Punto Einaudi Brescia

Per i lettori che viaggiano alla
scoperta degli angoli nascosti
del catalogo, dove si celano
le perle più preziose

Il sistema più comodo
e conveniente per costruire
o arricchire la tua biblioteca
personale e professionale

La newsletter per risparmiare
il 15% su tutti i libri e ricevere
offerte e info su eventi letterari
e mostre d'arte

Acquista

Jonathan Crary

Jonathan Crary
Le tecniche dell'osservatore

Novità del 25/01/2013

Descrizione

Le tecniche dell'osservatore
Visione e modernità nel XIX secolo

Piccola Biblioteca Einaudi Ns
pp. XX - 188. € 22,00

A cura di Luca Acquarelli

Uscito per la prima volta nel 1990, tradotto in dieci lingue e divenuto negli anni un testo di riferimento, il libro di Jonathan Crary analizza la «genea-logia » dell'osservatore moderno riconducendoci ai primi decenni dell'Ottocento, un'epoca rivoluzionaria per la visione e per i diversi apparati scientifici ad essa collegati. Si tratta di un periodo, precedente all'avvento della fotografia, nel quale, attraverso i nuovi «dispositivi dell'osservare» - come il fenachistoscopio e lo stereoscopio, indissolubilmente legati ai coevi interessi della fisiologia ottica -, si afferma il progressivo abbandono della discontinuità interno/esterno presupposta dall'esperienza visiva della camera oscura.

Fra teoria della percezione, storia dell'arte e filosofia estetica, passando per capisaldi come Goethe e Schopenhauer, pittori come Vermeer e Turner, Crary evidenzia infatti come l'opacità corporea della visione subentri alla trasparenza dell'occhio cartesiano e come il soggetto osservatore divenga il luogo della produzione delle immagini dando vita a nuove sperimentazioni artistiche. Ma se da una parte questi mutamenti rappresentano una «liberazione della visione», l'autore ci svela anche l'altra faccia della medaglia, il processo di normalizzazione a cui tale visione e le sue rispettive pratiche sono sottoposte. Crary ci invita allora a rileggere alcuni fenomeni di rottura sia nella storia dell'arte che in quella piú generale della visione, facendo del suo approccio interdisciplinare una guida metodologica allo studio della modernità.

Jonathan Crary insegna Modern Art and Theory alla Columbia University ed è tra i fondatori delle edizioni Zone Books. Tra i suoi libri: Incorporations (MIT Press, 1992); Suspensions of Perception (MIT Press, 2001), vincitore del Lionel Trilling Book Award e 24/7: Terminal Capitalism and the Ends of Sleep (Verso, 2013).

Arzadv