Fiabe Ebraiche -

Punto Einaudi Brescia

Per i lettori che viaggiano alla
scoperta degli angoli nascosti
del catalogo, dove si celano
le perle più preziose

Il sistema più comodo
e conveniente per costruire
o arricchire la tua biblioteca
personale e professionale

La newsletter per risparmiare
il 15% su tutti i libri e ricevere
offerte e info su eventi letterari
e mostre d'arte

Acquista

Fiabe Ebraiche

Fiabe Ebraiche

Novità del 12/11/2011

Descrizione

2003
I millenni
pp. XXII - 482 € 75,00

CLICCA PER ORDINARE

A cura di Elena Loewenthal
Illustrazioni di Mimmo Paladino

«Ironia, a tratti verace umorismo, sommessa distanza dalla realtà, profonda saggezza e inguaribile pazienza sono le virtù delle fiabe ebraiche - siano esse echi di adagi biblici o rifacimenti di motivi stranieri.»

Dalla Prefazione di Elena Loewenthal

«Pa'am Achat: "Una volta". Così, il più delle volte, cominciano le fiabe ebraiche. La formula è usuale, persino scontata. Se non che né prima né dopo quell'"una volta" c'è modo di trovare il verbo, un qualsivoglia attestato di esistenza nel tempo, perché al lettore, o a chi ascolta la parola viva nella voce di chi narra, non è dato mai di sapere e nemmeno poter di congetturare se quell'"una volta" ci fosse o non ci fosse. Da quelle due parole in poi, la fiaba ebraica si dipana sospesa in un tempo che non è dato immaginare, libera dai confini d'ogni concepibile realtà, dove si nutre ogni illusione fuorché quella di collocare la storia in qualche "dove" o "quando". Pa'am Achat: "Una volta". Pa'am è il suono che ricorre, il battito del cuore. Quasi a dire che quella "volta" può ripetersi all'infinito, oggi, ieri e domani, ma in casuale sequenza. E magari dentro luoghi che pure portano nomi concreti, come Gerusalemme o Costantinopoli, Safed o un villaggio della Lituania. Ma la geografia è anch'essa pura finzione nella fiaba, architettura di spazi irreali.»

Dalla Prefazione di Elena Loewenthal

TORNA ALLE "FIABE DEL MONDO"

Arzadv